Mirabilissimo100′s Weblog

maggio 25, 2011

IRAQ: NON SI FERMANO GLI ATTENTATI CON MORTI E FERITI

Archiviato in: Senza Categoria — Tag:, , , , — mirabilissimo100 @ 9:16 am

Iraq: attentati a Baghdad, almeno 13 morti

22/05 09:03 CET

Una serie di attentati suicidi a nord di Baghdad ha causato almeno 13 morti e decine di feriti.

L’ondata di violenza sta colpendo l’Iraq mentre gli Stati Uniti stanno procedendo al ritiro dell’esercito, per affidare alle forze locali la gestione della sicurezza.

Solo tre giorni fa gli attentati a Kirkuk, a 250 km a nord di Baghdad, che hanno fatto 27 morti e

89 feriti.

http://it.euronews.net/2011/05/22/iraq-attentati-a-baghdad-almeno-13-morti/

——————————————————————————————————————————–

Iraq: attentato a Kirkuk, 27 morti

19.05.2011 | 13:32

 

 

27 morti e 89 feriti è il bilancio di tre attentati avvenuti stamani a Kirkuk, 250 km a nord di Baghdad. Le vittime sono in gran parte agenti di polizia. In città sono state registrate tre esplosioni l’una a poca distanza dall’altra.

Si tratta dell’episodio più grave degli ultimi due mesi. Gli attentati arrivano mentre l’esercito statunitense sta procedendo con il ritiro, previsto per la fine dell’anno, affidando alle forze locali la gestione della sicurezza.

ATS

http://www.tinews.ch/articolo.aspx?id=227240&rubrica=15

 

dicembre 25, 2010

NATALE A BAGHDAD

Archiviato in: Senza Categoria — Tag:, — mirabilissimo100 @ 11:19 am

BAGHDAD Il Natale del parto

di Alessandra Stoppa

20/12/2010 – Non stanno preparandosi alle feste. Non sanno cosa sarà di loro domani. «Ma la nascità di Gesù non è un momento, è quello che ci fa vivere». Intervista a padre Mukhles, parroco nella chiesa della Domenica di Sangue
Padre Mukhles Quriaqos (il primo, da sinistra).

Padre Mukhles Quriaqos (il primo, da sinistra).

È il parroco della chiesa di Nostra Signora del Perpetuo Soccorso. Quella dell’attentato del 31 ottobre. La domenica che ha segnato per sempre la vita dei cristiani di Baghdad. Padre Mukhles Quriaqos, sacerdote da quattro anni, non sa dire che cosa sarà il domani. Né per sé, né per la sua gente. Questo per loro è «il Natale del parto», dove la nascita è mischiata alla morte. «Ma quando il dolore si mescola alla gioia crea una speranza».

Come stanno vivendo i suoi fedeli?
Ci chiedono cose materiali, per affrontare la vita, ma noi non possiamo rispondere a questo, possiamo solo dare la fede. I fedeli hanno bisogno di stabilità, sicurezza e pace, ma noi sacerdoti siamo i primi a vivere in modo non stabile.

Come vi state preparando al Natale?
Il Natale dopo il massacro ha un altro gusto. Ma la comunità non lo sta “preparando”: il Natale non è solo un momento, è quello per cui possiamo vivere. Per queste festività non ci sono tanti segni, simboli, come di solito prima, e proprio per il fatto che la nostra chiesa è ferita non lo festeggiamo come le altre volte, perché la comunità non vive la pace. Però può vivere il Natale, che è il fondamento delle feste: il Natale “si fa” nella fede, è un fondamento di fede. Di certo possiamo esprimere la nostra fede in modo più visibile, ma è difficilissimo farlo attualmente.

Che cosa significa per voi «vivere la fede»?
Il cristianesimo in Iraq ha delle radici forti, è una presenza dal primo secolo dopo Cristo. Ora, dopo quello che è successo, la fede è messa alla prova, ma così si chiariscono tante cose: se siamo veri cristiani – cristiani di fede – o cristiani solo di una religiosità esteriore. Il cristiano di fede è quello che sfida tutto con la sua fede, è proprio quello che cerca di costruire la sua famiglia dal di dentro, e non solo di cercare di uscire. Ed oggi la nostra identità come cristiani cade nella paura per tutto quello che viviamo: sia per gli attacchi alle chiese, che per l’azione degli uffici governativi che si dimostrano contro i cristiani. Ai miei fratelli accade di non poter lavorare, e nelle scuole i loro figli si sentono dire: «Siete miscredenti e impuri». Poi le prediche dei capi religiosi musulmani, ogni venerdì, riempiono la testa dei loro credenti di odio contro l’Occidente e contro i cristiani.

Come affrontate tutto questo?
Le condizioni dell’Iraq sono condizioni molto difficili. Il cristianesimo qui non ha vissuto il riposo, è stato sempre perseguitato, sia dall’interno che da fuori, perciò il nostro servizio è per Cristo: oggi togliamo il male con la nostra presenza e perseveranza e non sappiamo del domani, forse saremo uccisi. Ma per i cristiani, il sangue di Cristo salva gli uomini, anche attraverso il sangue dei nostri fratelli martiri, e crediamo che salverà tanti altri e forse salverà anche l’Iraq. Il sacrificio di Cristo è sacrificio vivo.

Ma che cosa vuol dire per voi vivere questo sacrificio?
Oggi il sacrificio non ha bisogno solo di parole, ma di vita da dare. Se abbiamo collegato il dolore con la croce, allora il dolore non rimane dolore, ma avrà un altro significato e la croce è per la Resurrezione. Ed oggi il nostro dolore è collegato al dolore di Gesù: oggi noi sentiamo sangue e dolore perché Gesù sale più di una volta sulla croce della chiesa in Iraq, allora noi superiamo il dolore affinché possiamo continuare quello che ha voluto Gesù Cristo e così il sangue non sia per la morte, ma per la vita. Oggi il nostro sangue è molto prezioso, ma non è più prezioso del sangue di Gesù che è stato versato per noi, perciò il nostro sangue lo diamo non per il male ma per il bene, con il nostro sangue coltiviamo il bene.

Qual è la vostra speranza?
La promessa di Cristo è che non ci lascerà mai, in ogni momento, e oggi sentiamo che non Dio ci ha lasciati, ma che noi lo abbiamo lasciato: per questo il nostro dolore è tanto, e chiediamo che ci tenga sotto la Sua cura. Infine, spero una cosa, che tutti quelli che leggeranno questa intervista, oltre a pregare, possano fare anche altro per salvare i cristiani dell’Iraq. Ogni giorno i nostri giovani soffrono e i nostri bambini e le donne vivono una grande paura, perciò oggi abbiamo bisogno di un forte aiuto da parte di tutti per passare alla riva della pace: abbiamo bisogno di uno sguardo serio verso la nostra comunità cristiana in Iraq, ma anche un sguardo vero e concreto verso il Cristianesimo nel mondo intero.

 

gennaio 27, 2010

Autobomba a Baghdad, vittime

Archiviato in: Senza Categoria — Tag:, , — mirabilissimo100 @ 10:02 am

Autobomba a Baghdad, vittime

Scoppio in centro:17 morti e 80 feriti

Almeno 17 persone sono rimaste uccise e un’ottantina ferite a Baghdad in seguito all’esplosione di un’autobomba guidata da un attentatore suicida. Lo riferisce una fonte del ministero dell’Interno citata dalla tv Al Jazeera. L’attacco è avvenuto nel centrale quartiere di Karrada, nei pressi dell’Istituto medico legale in piazza Taharriyat. Si tratta di un bilancio provvisorio, con molta probabilità destinato a salire.

 

L’obiettivo molto probabilmente era l’istituto di medicina legale, usato dalla polizia per le sue indagini contro i crimini commessi in città. La deflagrazione è stata molto forte e la polizia ha chiuso la zona per permettere l’arrivo dei soccorsi. 

Il generale Qassem Atta, portavoce delle operazioni di sicurezza di Baghdad, ha affermato che “gran parte delle vittime fanno parte del personale dell’Istituto di medicina legale” colpito. L’attentato di piazza Taharriyat secondo altre fonti ha pesantemente danneggiato l’edificio dell’Istituto, poco lontano dalla sede del ministero degli interni, e i palazzi circostanti.

 

gennaio 25, 2010

Bombe dilaniano Baghdad: morti, feriti e terrore

Archiviato in: Senza Categoria — Tag:, , , — mirabilissimo100 @ 8:23 pm
VIDEO NEL MONDO    (25/1/2010)
Bombe dilaniano Baghdad: morti, feriti e terrore
Si contano almeno 31 morti e più di ottanta feriti in seguito all’esplosione di tre autobombe nel popolare quartiere degli hotel nel centro di Baghdad, secondo un nuovo bilancio fornito dalla polizia irachena. Le tre detonazioni sono risuonate a qualche minuto di distanza, provocando alte colonne di fumo in cielo. La prima esplosione è avvenuta alle 15.40 locali scuotendo gli edifici lungo la Abu Nawas Street, di fronte alla Green Zone. Due autobombe sono esplose vicino all?Hotel Babylon e all’albergo al Hamra, molto frequentato da giornalisti e uomini d’affari occidentali.
http://www.lastampa.it/multimedia/multimedia.asp?IDmsezione=10&IDalbum=23676&tipo=VIDEO

The WordPress Classic Theme Blog su WordPress.com.

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 25 follower