Mirabilissimo100’s Weblog

ottobre 10, 2015

LA NATO CONTRO LA RUSSIA

Filed under: Senza Categoria — mirabilissimo100 @ 5:06 pm

 

Il segretario generale Stoltenberg dà a tale proposito un importante annuncio: la Germania assumerà nel 2019 la guida della «Forza di punta ad altissima prontezza operativa»
——————————————————————————————————————————————————
Chiamata alle armi del Consiglio Atlantico 10 Ottobre 2015 09:39 Internazionale – Pace e guerra

di Manlio Dinucci | da il manifesto, 9 ottobre 2015

Il Consiglio Nord Atlantico si è riunito ieri d’urgenza a Bruxelles, a livello dei ministri della difesa, «in un momento decisivo per la nostra sicurezza». La Nato è «fortemente preoccupata dalla escalation dell’attività militare russa in Siria», in particolare dal fatto che «la Russia non sta prendendo di mira l’Isis, ma sta attaccando l’opposizione siriana e i civili».

Non specifica la Nato quale sia «l’opposizione siriana» attaccata dalla Russia. Il Pentagono ha dovuto ammettere, il 16 settembre, di essere riuscito ad addestrare in Turchia, spendendo 41 milioni di dollari, appena 60 combattenti attentamente selezionati, ma che, una volta infiltrati in Siria con l’insegna di «Nuovo esercito siriano», sono stati «quasi completamente spazzati via da forze del Fronte Nusra».

L’«opposizione siriana», che la Nato vorrebbe non fosse attaccata, è costituita da quella galassia di gruppi armati, formati per la maggior parte da combattenti stranieri, finanziati dall’Arabia Saudita e altre monarchie del Golfo, molti dei quali sono passati dai campi di addestramento della Cia e delle Forze speciali Usa in Turchia. Il confine tra questi gruppi e l’Isis è estremamente labile, tanto che spesso armi fornite all’«opposizione» finiscono nelle mani dell’Isis. Ciò che li accomuna è l’obiettivo, funzionale alla strategia Usa/Nato,  di abbattere il governo di Damasco.
L’accusa alla Russia di attaccare volutamente i civili in Siria (anche se non si possono escludere morti di civili negli attacchi russi concentrati contro l’Isis) viene da una Nato che nelle varie guerre ha fatto strage di civili (vedi l’ultima a Kunduz in Afghanistan). Basti ricordare che, contro la Jugoslavia nel 1999, essa impiegò 1.100 aerei che effettuarono in 78 giorni 38mila sortite, sganciando 23 mila bombe e missili, provocando ancora oggi vittime civili a causa dell’uranio impoverito e delle sostanze chimiche fuoriuscite dalle raffinerie bombardate. Nella guerra contro la Libia nel 20Il l’aviazione Usa/Nato effettuò 10mila missioni di attacco, con oltre 40mila bombe e missili. E alle vittime civili dei bombardamenti si sono aggiunte quelle, ancora più numerose, del caos provocato dalla demolizione dello Stato libico.

La Nato, che denuncia lo sconfinamento casuale di aerei russi nello spazio aereo turco definendolo «violazione dello spazio aereo Nato», non riesce a nascondere il vero problema: lo scacco subito dalla mossa russa di attaccare realmente l’Isis, che la coalizione a guida Usa (ufficialmente non è la Nato a intervenire in Siria) fa finta di attaccare, colpendo obiettivi secondari. Non si spiega altrimenti come colonne di centinaia di camion, carichi di rifornimenti, siano potute finora arrivare dalla Turchia nei centri controllati dall’Isis (lo mostrano foto satellitari) e colonne di veicoli militari dell’Isis si siano potute spostare tranquillamente allo scoperto.

Su questo sfondo i ministri degli esteri Nato, riuniti ieri a Bruxelles, annunciano il potenziamento del Readiness Action Plan. Dopo l’attivazione in settembre di sei «piccoli quartieri generali» in Bulgaria, Estonia, Lettonia, Lituania, Polonia e Romania, destinati a una più stretta integrazione delle forze, viene deciso di aprirne altri due in Ungheria e Slovacchia e di «preposizionare materiale militare nell’Est europeo, così da poter rapidamente rafforzare, se necessario, gli alleati orientali». Viene deciso allo stesso tempo di potenziare la «Forza di risposta», aumentata a 40mila uomini.

Il segretario generale Stoltenberg dà a tale proposito un importante annuncio: la Germania assumerà nel 2019 la guida della «Forza di punta ad altissima prontezza operativa» che, come dimostra l’esercitazione Trident Juncture 2015, può essere proiettata in 48 ore «ovunque in qualsiasi momento». E la Gran Bretagna «invierà più truppe a rotazione nei paesi baltici e in Polonia per addestramento ed esercitazioni». L’annunciato maggiore impegno di Germania e Gran Bretagna nella Nato sotto comando Usa conferma che le maggiori potenze europee, che hanno propri interessi talvolta in contrasto con quelli statunitensi, si ricompattano con gli Usa quando viene minacciato il predominio dell’Occidente.

I ministri della difesa della Nato annunciano «ulteriori passi per rafforzare la difesa collettiva» non solo verso Est ma verso Sud. «I nostri comandanti militari – comunica Stoltenberg – hanno confermato che abbiamo ciò che occorre per dispiegare la Forza di risposta nel Sud». La Nato è dunque pronta ad altre guerre in Medioriente e Nordafrica.

Sullo stesso argomento vedi «La notizia / Nato, Consiglio di guerra» su Pandora TV http://www.pandoratv.it/

– See more at: http://www.marx21.it/index.php/internazionale/pace-e-guerra/26107-chiamata-alle-armi-del-consiglio-atlantico#sthash.a5xhdIMS.dpuf

 
Annunci

Lascia un commento »

Non c'è ancora nessun commento.

RSS feed for comments on this post. TrackBack URI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: