Mirabilissimo100’s Weblog

marzo 29, 2016

GIUDA ISCARIOTA IL TRADITORE DAI VANGELI E DAGLI ATTI

Filed under: Senza Categoria — mirabilissimo100 @ 5:09 am

 

Giuda con un bacio tradisce il suo Maestro Gesù
*************************************************************************************
DAL VANGELO SECONDO  SAN MATTEO
Matteo 26: 14-25;
26:14 Allora uno dei dodici, che si chiamava Giuda Iscariota, andò dai capi dei sacerdoti,
26:15 e disse loro: “Che cosa siete disposti a darmi, se io ve lo consegno?” Ed essi gli fissarono trenta sicli d’argento.
26:16 Da quell’ora cercava il momento opportuno per consegnarlo.
26:17 Il primo giorno degli azzimi, i discepoli si avvicinarono a Gesù e gli dissero: “Dove vuoi che ti prepariamo la cena pasquale?”
26:18 Egli disse: “Andate in città dal tale e ditegli: “Il Maestro dice: Il mio tempo è vicino; farò la Pasqua da te, con i miei discepoli””.
26:19 E i discepoli fecero come Gesù aveva loro ordinato e prepararono la Pasqua.
26:20 Quando fu sera, si mise a tavola con i dodici discepoli.
26:21 Mentre mangiavano, disse: “In verità vi dico: Uno di voi mi tradirà”.
26:22 Ed essi, profondamente rattristati, cominciarono a dirgli uno dopo l’altro: “Sono forse io, Signore?”
26:23 Ma egli rispose: “Colui che ha messo con me la mano nel piatto, quello mi tradirà.
26:24 Certo, il Figlio dell’uomo se ne va, come è scritto di lui; ma guai a quell’uomo dal quale il Figlio dell’uomo è tradito! Meglio sarebbe per quell’uomo se non fosse mai nato”.
26:25 E Giuda, il traditore, prese a dire: “Sono forse io, Maestro?” E Gesù a lui: “Lo hai detto”.
———————————————————————————–
Matteo 26: 45-50;
26:45 Poi tornò dai discepoli e disse loro: “Dormite pure oramai, e riposatevi! Ecco, l’ora è vicina, e il Figlio dell’uomo è dato nelle mani dei peccatori.
26:46 Alzatevi, andiamo; ecco, colui che mi tradisce è vicino”.
26:47 Mentre parlava ancora, ecco arrivare Giuda, uno dei dodici, e insieme a lui una gran folla con spade e bastoni, da parte dei capi dei sacerdoti e degli anziani del popolo.
26:48 Colui che lo tradiva, aveva dato loro un segnale, dicendo: “Quello che bacerò, è lui; prendetelo”.
26:49 E in quell’istante, avvicinatosi a Gesù, gli disse: “Ti saluto, Maestro!” e gli diede un lungo bacio.
26:50 Ma Gesù gli disse: “Amico, che cosa sei venuto a fare?” Allora, avvicinatisi, gli misero le mani addosso e lo presero.
————————————————————————————-
Matteo 27: 3-10;
27:3 Allora Giuda, che l’aveva tradito, vedendo che Gesù era stato condannato, si pentì, e riportò i trenta sicli d’argento ai capi dei sacerdoti e agli anziani,
27:4 dicendo: “Ho peccato, consegnandovi sangue innocente”. Ma essi dissero: “Che c’importa? Pensaci tu”.
27:5 Ed egli, buttati i sicli nel tempio, si allontanò e andò a impiccarsi.
27:6 Ma i capi dei sacerdoti, presi quei sicli, dissero: “Non è lecito metterli nel tesoro delle offerte, perché sono prezzo di sangue”.
27:7 E, tenuto consiglio, comprarono con quel denaro il campo del vasaio perché servisse per la sepoltura degli stranieri.
27:8 Perciò quel campo, fino al giorno d’oggi, è stato chiamato: Campo di sangue.
27:9 Allora si adempì quello che era stato detto dal profeta Geremia: “E presero i trenta sicli d’argento, il prezzo di colui che era stato venduto, come era stato valutato dai figli d’Israele,
27:10 e li diedero per il campo del vasaio, come me l’aveva ordinato il Signore”.
*******************************************************************************
DAL VANGELO SECONDO SAN MARCO
Marco 14: 10-21;
14:10 Giuda Iscariota, uno dei dodici, andò dai capi dei sacerdoti con lo scopo di consegnar loro Gesù.
14:11 Essi, dopo averlo ascoltato, si rallegrarono e promisero di dargli del denaro. Perciò egli cercava il modo opportuno per consegnarlo.
14:12 Il primo giorno degli Azzimi, quando si sacrificava la Pasqua, i suoi discepoli gli dissero: “Dove vuoi che andiamo a prepararti la cena pasquale?”
14:13 Egli mandò due dei suoi discepoli e disse loro: “Andate in città, e vi verrà incontro un uomo che porta una brocca d’acqua; seguitelo;
14:14 dove entrerà, dite al padrone di casa: “Il Maestro dice: Dov’è la stanza in cui mangerò la Pasqua con i miei discepoli?”
14:15 Egli vi mostrerà di sopra una grande sala ammobiliata e pronta; lì apparecchiate per noi”.
14:16 I discepoli andarono, giunsero nella città e trovarono come egli aveva detto loro; e prepararono per la Pasqua.
14:17 Quando fu sera, giunse Gesù con i dodici.
14:18 Mentre erano a tavola e mangiavano, Gesù disse: “In verità io vi dico che uno di voi, che mangia con me, mi tradirà”.
14:19 Essi cominciarono a rattristarsi e a dirgli uno dopo l’altro: “Sono forse io?”
14:20 Egli disse loro: “È uno dei dodici, che intinge con me nel piatto.
14:21 Certo il Figlio dell’uomo se ne va, com’è scritto di lui, ma guai a quell’uomo dal quale il Figlio dell’uomo è tradito! Meglio sarebbe per quell’uomo se non fosse mai nato!”
——————————————————————————————————
Marco 14: 43-49
14:43 In quell’istante, mentre Gesù parlava ancora, arrivò Giuda, uno dei dodici, e insieme a lui una folla con spade e bastoni, inviata da parte dei capi dei sacerdoti, degli scribi e degli anziani.
14:44 Colui che lo tradiva aveva dato loro un segnale, dicendo: “Quello che bacerò, è lui; pigliatelo e portatelo via sicuramente”.
14:45 Appena giunse, subito si accostò a lui e disse: “Maestro!” e lo baciò.
14:46 Allora quelli gli misero le mani addosso e lo arrestarono.
14:47 Ma uno di quelli che erano lì presenti, tratta la spada, percosse il servo del sommo sacerdote e gli recise l’orecchio.
14:48 Gesù, rivolto a loro, disse: “Siete usciti con spade e bastoni come per prendere un brigante.
14:49 Ogni giorno ero in mezzo a voi insegnando nel tempio e voi non mi avete preso; ma questo è avvenuto affinché le Scritture fossero adempiute”.
**********************************************************************
DAL  VANGELO SECONDO SAN LUCA
 
Luca 22: 1-23;
 
22:1 La festa degli Azzimi, detta la Pasqua, si avvicinava;
22:2 e i capi dei sacerdoti e gli scribi cercavano il modo di farlo morire, ma temevano il popolo.
22:3 Satana entrò in Giuda, chiamato Iscariota, che era nel numero dei dodici.
22:4 Egli andò a conferire con i capi dei sacerdoti e i capitani sul modo di consegnarlo nelle loro mani.
22:5 Essi si rallegrarono e pattuirono di dargli del denaro.
22:6 Egli fu d’accordo e cercava l’occasione buona per consegnare loro Gesù di nascosto alla folla.
22:7 Venne il giorno degli Azzimi, nel quale si doveva sacrificare la Pasqua.
22:8 Gesù mandò Pietro e Giovanni, dicendo: “Andate a prepararci la cena pasquale, affinché la mangiamo”.
22:9 Essi gli chiesero: “Dove vuoi che la prepariamo?”
22:10 Ed egli rispose loro: “Quando sarete entrati in città, vi verrà incontro un uomo che porta una brocca d’acqua; seguitelo nella casa dove egli entrerà.
22:11 E dite al padrone di casa: “Il Maestro ti manda a dire: Dov’è la stanza nella quale mangerò la Pasqua con i miei discepoli?”
22:12 Ed egli vi mostrerà, al piano di sopra, una grande sala ammobiliata; qui apparecchiate”.
22:13 Essi andarono e trovarono com’egli aveva detto loro e prepararono la Pasqua.
22:14 Quando giunse l’ora, egli si mise a tavola, e gli apostoli con lui.
22:15 Egli disse loro: “Ho vivamente desiderato di mangiare questa Pasqua con voi, prima di soffrire;
22:16 poiché io vi dico che non la mangerò più, finché sia compiuta nel regno di Dio”.
22:17 E, preso un calice, rese grazie e disse: “Prendete questo e distribuitelo fra di voi;
22:18 perché io vi dico che ormai non berrò più del frutto della vigna, finché sia venuto il regno di Dio”.
22:19 Poi prese del pane, rese grazie e lo ruppe, e lo diede loro dicendo: “Questo è il mio corpo che è dato per voi; fate questo in memoria di me”.
22:20 Allo stesso modo, dopo aver cenato, diede loro il calice dicendo: “Questo calice è il nuovo patto nel mio sangue, che è versato per voi.
22:21 “Del resto, ecco, la mano di colui che mi tradisce è con me sulla tavola.
22:22 Perché il Figlio dell’uomo, certo, se ne va, come è stabilito; ma guai a quell’uomo per mezzo del quale egli è tradito!”
22:23 Ed essi cominciarono a domandarsi gli uni gli altri chi sarebbe mai, tra di loro, a far questo.
————————————————————————————————–
Luca 22: 47-53
22:47 Mentre parlava ancora, ecco una folla; e colui che si chiamava Giuda, uno dei dodici, la precedeva, e si avvicinò a Gesù per baciarlo.
22:48 Ma Gesù gli disse: “Giuda, tradisci il Figlio dell’uomo con un bacio?”
22:49 Quelli che erano con lui, vedendo ciò che stava per succedere, dissero: “Signore, dobbiamo colpire con la spada?”
22:50 E uno di loro percosse il servo del sommo sacerdote, e gli recise l’orecchio destro.
22:51 Ma Gesù intervenne e disse: “Lasciate, basta!” E, toccato l’orecchio di quell’uomo, lo guarì.
22:52 Gesù disse ai capi dei sacerdoti, ai capitani del tempio e agli anziani che erano venuti contro di lui: “Siete usciti con spade e bastoni, come contro un brigante!
22:53 Mentre ero ogni giorno con voi nel tempio, non mi avete mai messo le mani addosso; ma questa è l’ora vostra, questa è la potenza delle tenebre”.
***********************************************************************
DAL VANGELO SECONDO SAN GIOVANNI
Giovanni 6: 64-71;
6:64 Ma tra di voi ci sono alcuni che non credono”. Gesù sapeva infatti fin dal principio chi erano quelli che non credevano, e chi era colui che lo avrebbe tradito.
6:65 E diceva: “Per questo vi ho detto che nessuno può venire a me, se non gli è dato dal Padre”.
6:66 Da allora molti dei suoi discepoli si tirarono indietro e non andavano più con lui.
6:67 Perciò Gesù disse ai dodici: “Non volete andarvene anche voi?”
6:68 Simon Pietro gli rispose: “Signore, da chi andremmo noi? Tu hai parole di vita eterna;
6:69 e noi abbiamo creduto e abbiamo conosciuto che tu sei il Santo di Dio”.
6:70 Gesù rispose loro: “Non ho io scelto voi dodici? Eppure, uno di voi è un diavolo!”
6:71 Egli parlava di Giuda, figlio di Simone Iscariota, perché questi, uno dei dodici, stava per tradirlo.
——————————————————————————————————–
Giovanni 12: 1-8;
12:1 Gesù dunque, sei giorni prima della Pasqua, andò a Betania dov’era Lazzaro che egli aveva risuscitato dai morti.
12:2 Qui gli offrirono una cena; Marta serviva e Lazzaro era uno di quelli che erano a tavola con lui.
12:3 Allora Maria, presa una libbra d’olio profumato, di nardo puro, di gran valore, unse i piedi di Gesù e glieli asciugò con i suoi capelli; e la casa fu piena del profumo dell’olio.
12:4 Ma Giuda Iscariota, uno dei suoi discepoli, che stava per tradirlo, disse:
12:5 “Perché non si è venduto quest’olio per trecento denari e non si sono dati ai poveri?”
12:6 Diceva così, non perché si curasse dei poveri, ma perché era ladro, e, tenendo la borsa, ne portava via quello che vi si metteva dentro.
12:7 Gesù dunque disse: “Lasciala stare; ella lo ha conservato per il giorno della mia sepoltura.
12:8 Poiché i poveri li avete sempre con voi; ma me, non mi avete sempre”.
——————————————————————————————————–
Giovanni  13: 10-33;
13:10 Gesù gli disse: “Chi è lavato tutto, non ha bisogno che di aver lavati i piedi; è purificato tutto quanto; e voi siete purificati, ma non tutti”.
13:11 Perché sapeva chi era colui che lo tradiva; per questo disse: “Non tutti siete netti”.
13:12 Quando dunque ebbe loro lavato i piedi ed ebbe ripreso le sue vesti, si mise di nuovo a tavola, e disse loro: “Capite quello che vi ho fatto?
13:13 Voi mi chiamate Maestro e Signore; e dite bene, perché lo sono.
13:14 Se dunque io, che sono il Signore e il Maestro, vi ho lavato i piedi, anche voi dovete lavare i piedi gli uni agli altri.
13:15 Infatti vi ho dato un esempio, affinché anche voi facciate come vi ho fatto io.
13:16 In verità, in verità vi dico che il servo non è maggiore del suo signore, né il messaggero è maggiore di colui che lo ha mandato.
13:17 Se sapete queste cose, siete beati se le fate.
13:18 “Non parlo di voi tutti; io conosco quelli che ho scelti; ma, perché sia adempiuta la Scrittura, “Colui che mangia il mio pane,ha levato contro di me il suo calcagno”.
13:19 Ve lo dico fin d’ora, prima che accada; affinché quando sarà accaduto, voi crediate che io sono.
13:20 In verità, in verità vi dico: chi riceve colui che io avrò mandato, riceve me; e chi riceve me, riceve colui che mi ha mandato”.
13:21 Dette queste cose, Gesù fu turbato nello spirito e, apertamente, così dichiarò: “In verità, in verità vi dico che uno di voi mi tradirà”.
13:22 I discepoli si guardavano l’un l’altro, non sapendo di chi parlasse.
13:23 Ora, a tavola, inclinato sul petto di Gesù, stava uno dei discepoli, quello che Gesù amava.
13:24 Simon Pietro gli fece cenno di domandare chi fosse colui del quale parlava.
13:25 Egli, chinatosi sul petto di Gesù, gli domandò: “Signore, chi è?”
13:26 Gesù rispose: “È quello al quale darò il boccone dopo averlo intinto”. E intinto il boccone, lo prese e lo diede a Giuda, figlio di Simone Iscariota.
13:27 Allora, dopo il boccone, Satana entrò in lui. Per cui Gesù gli disse: “Quel che fai, fallo presto”.
13:28 Ma nessuno dei commensali comprese perché gli avesse detto così.
13:29 Difatti alcuni pensavano che, siccome Giuda teneva la borsa, Gesù gli avesse detto: “Compra quel che ci occorre per la festa”; ovvero che desse qualcosa ai poveri.
13:30 Egli dunque, preso il boccone, uscì subito; ed era notte.
13:31 Quando egli fu uscito, Gesù disse: “Ora il Figlio dell’uomo è glorificato e Dio è glorificato in lui.
13:32 Se Dio è glorificato in lui, Dio lo glorificherà anche in sé stesso e lo glorificherà presto.
13:33 Figlioli, è per poco che sono ancora con voi. Voi mi cercherete; e, come ho detto ai Giudei: “Dove vado io, voi non potete venire”, così lo dico ora a voi.
———————————————————————————————————-
Giovanni 18: 1-11;
18:1 Dette queste cose, Gesù uscì con i suoi discepoli e andò di là dal torrente Chedron, dov’era un giardino, nel quale entrò con i suoi discepoli.
18:2 Giuda, che lo tradiva, conosceva anche egli quel luogo, perché Gesù si era spesso riunito là con i suoi discepoli.
18:3 Giuda dunque, presa la coorte e le guardie mandate dai capi dei sacerdoti e dai farisei, andò là con lanterne, torce e armi.
18:4 Ma Gesù, ben sapendo tutto quello che stava per accadergli, uscì e chiese loro: “Chi cercate?”
18:5 Gli risposero: “Gesù il Nazareno!” Gesù disse loro: “Io sono”. Giuda, che lo tradiva, era anch’egli là con loro.
18:6 Appena Gesù ebbe detto loro: “Io sono”, indietreggiarono e caddero in terra.
18:7 Egli dunque domandò loro di nuovo: “Chi cercate?” Essi dissero: “Gesù il Nazareno”.
18:8 Gesù rispose: “Vi ho detto che sono io; se dunque cercate me, lasciate andare questi”.
18:9 E ciò affinché si adempisse la parola che egli aveva detta: “Di quelli che tu mi hai dati, non ne ho perduto nessuno”.
18:10 Allora Simon Pietro, che aveva una spada, la prese e colpì il servo del sommo sacerdote, recidendogli l’orecchio destro. Quel servo si chiamava Malco.
18:11 Ma Gesù disse a Pietro: “Rimetti la spada nel fodero; non berrò forse il calice che il Padre mi ha dato?”
——————————————————————————————–
DAGLI ATTI DEGLI APOSTOLI
Atti 1: 15-20;
1:15 In quei giorni, Pietro, alzatosi in mezzo ai fratelli (il numero delle persone riunite era di circa centoventi), disse:
1:16 “Fratelli, era necessario che si adempisse la profezia della Scrittura pronunziata dallo Spirito Santo per bocca di Davide riguardo a Giuda, che fece da guida a quelli che arrestarono Gesù.
1:17 Perché egli era uno di noi e aveva ricevuto la sua parte di questo ministero.
1:18 Egli dunque acquistò un campo con la ricompensa della sua iniquità; poi, essendosi precipitato, gli si squarciò il ventre, e tutte le sue interiora si sparsero.
1:19 Questo è divenuto così noto a tutti gli abitanti di Gerusalemme, che quel campo è stato chiamato nella loro lingua, “Acheldama”, cioè, “Campo di sangue”.
1:20 Infatti sta scritto nel libro dei Salmi: “La sua dimora diventi deserta e più nessuno abiti in essa”; e: “Il suo incarico lo prenda un altro”.
*********************************************************************************
Bibbia Nuova Versione Riveduta
Studio Biblico
 
Annunci

Lascia un commento »

Non c'è ancora nessun commento.

RSS feed for comments on this post. TrackBack URI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: