Mirabilissimo100’s Weblog

luglio 31, 2016

Le mail della Clinton affermano: Dobbiamo distruggere la Siria per favorire Israele

Filed under: Senza Categoria — mirabilissimo100 @ 5:03 am

Sean Adl-Tabatabai 

30 07 2016

Dalle e-mail trapelate di Hillary Clinton si conferma che l’amministrazione Obama, con Hillary Segretario di Stato, ha orchestrato la guerra civile in Siria a beneficio di Israele.

Il nuovo rilascio di Wikileaks mostra che , l’allora Segretario di Stato,  ha ordinato una guerra in Siria al fine di rovesciare il governo e spodestare il presidente Assad, sostenendo che era “il modo migliore per aiutare Israele“.

Newobserveronline.com riporta:

Il documento è stato uno dei tanti non classificati dal Dipartimento di Stato americano il case number F-2.014-20.439, Doc No. C05794498 , dopo il clamore sul server di posta elettronica privato della Clinton tenuto a casa sua mentre serviva come Segretario di Stato negli anni 2009-2013 .

Anche se la trascrizione Wikileaks risale alla e-mail del 31 dicembre, 2000 questo è un errore  loro, in quanto il contenuto della e-mail (e in particolare il riferimento al maggio 2012 sui colloqui tra l’Iran e l’Occidente sul suo programma nucleare a Istanbul) mostrano che l’e-mail era stata inviata il 31 dicembre 2012.

L’e-mail rende chiaro, che è stata  la politica degli Stati Uniti , che fin  dall’inizio ha dimostrato di voler rovesciare violentemente il governo siriano, l’incredibile motivo è perché questo serviva  all’interesse di Israele.




Il modo migliore per aiutare Israele nell’affare, vista la capacità nucleare crescente dell’Iran, è quello di aiutare il popolo della Siria a rovesciare il regime di Bashar Assad,” è il commento fuori dai denti e senza mezzi termini della Clinton.

Anche se tutti i rapporti segreti americani avevano a lungo respinto il programma “bomba atomica” iraniana come una bufala (conclusione sostenuta dalla International Atomic Energy Agency), Clinton continua a utilizzare queste menzogne per “giustificare” la distruzione della Siria nel nome di Israele.

Si collega di proposito il mito sul programma bomba atomica dell’Iran con la Siria, perché, dice, che il programma “bomba atomica” del Iran minaccia il “monopolio” di Israele sulle armi nucleari in Medio Oriente.

Se l’Iran dovesse acquisire un’arma nucleare, afferma Clinton, ciò consentirebbe alla Siria (e ad altri “nemici di Israele” come l’Arabia Saudita ed Egitto) di “diventare opportunamente  una potenza nucleare”, nel qual caso, minaccino gli interessi di Israele.

Di conseguenza, Clinton, afferma, la Siria deve essere distrutta.

Il programma nucleare iraniano e la guerra civile in Siria possono sembrare non collegate, ma lo sono. I capi militari israeliani si preoccupano realmente – ma non possono parlarne – stanno perdendo il loro monopolio nucleare. 

La capacità nucleare iraniana non solo dovrebbe far concludere il monopolio nucleare, ma potrebbe anche rapidamente aprire ad altri avversari, come l’Arabia Saudita e l’Egitto, il passaggio al nucleare. Il risultato sarebbe un equilibrio nucleare precario in cui Israele non potrebbe rispondere alle provocazioni con attacchi militari convenzionali in Siria e Libano, per quanto si può oggi .

Se l’Iran dovesse raggiungere la soglia di  stato nucleare, per Teheran sarebbe molto più facile delegare i suoi alleati, la Siria ed Hezbollah , a colpire Israele, sapendo che le sue armi nucleari servirebbero come deterrente per Israele sul rispondere e colpire l’Iran.

Clinton continua dicendo, la “relazione strategica tra l’Iran e il regime di Bashar Assad in Siria”  rende possibile, all’Iran, minare la sicurezza di Israele.

Ciò non avverrebbe con un “attacco diretto,” ammette la Clinton , perché “nei trenta anni di ostilità tra Iran e Israele” questo non è mai avvenuto, solo tramite presunti corpi di “proxy“.

Con la fine del regime di Assad finirebbe questa alleanza pericolosa. La leadership di Israele capisce bene , che il motivo per sconfiggere Assad, è nel suo interesse. 

Abbattere Assad non solo sarebbe un vantaggio enorme per la sicurezza di Israele, ma, servirebbe anche ad attenuare il comprensibile timore di Israele nel perdere il monopolio nucleare. 

Quindi, Israele e Stati Uniti potrebbero sviluppare una visione comune nel momento in cui il programma iraniano diviene  pericoloso e a quel punto  l’intervento militare sarebbe giustificato.

La Clinton prosegue ed espone, l’asset di minaccia violenta direttamente per Bashar Assad “e la sua famiglia“, e afferma che sia la “cosa giusta” da fare:

In breve, la Casa Bianca può allentare la tensione che si è creata con Israele sull’Iran facendo la cosa “giusta” in Siria. 

Solo la minaccia di mettere a rischio la sua vita o quella della sua famiglia  con l’impiego della forza farà cambierà idea al dittatore siriano Bashar Assad.

L’email dimostra, la prova provata,  che il governo degli Stati Uniti è stato il principale sponsor della crescita del terrorismo in Medio Oriente, e tutto con il fine di “proteggere” Israele.

E’ un problema che fa riflettere, da prendere in considerazione, la crisi dei “rifugiati” che attualmente minaccia di distruggere l’Europa , con veri e propri profughi in fuga dalla guerra civile in Siria,  è stata direttamente scatenata da questa azione del governo degli Stati Uniti  .

Inoltre, più di 250.000 persone sono state uccise nel conflitto siriano, che si è diffuso anche in Iraq, tutto grazie alla Clinton e all’amministrazione Obama che hanno dato il loro sostegno ai “ribelli” alimentando il fuoco della guerra in Siria.
E’ inquietante  che una psicopatica come la Clinton, che ha inflitto morte e miseria a milioni  di persone abbia la reale possibilità politica di diventare il prossimo presidente degli Stati Uniti, è un pensiero profondamente sconcertante per tutti.
L’affermazione di politica pubblica della Clinton , se eletta presidente, farebbe ” assumere al rapporto con Israele un livello successivo ,” darebbe il via definitivo alla sua impronta, e Israele, non sarebbe più solo il nemico di alcuni Stati arabi in Medio Oriente, ma di tutte le persone che amano la pace sulla terra.

———————————————————————
ASSAD LA CLINTON CONTRO
<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<
< Older

Hillary to Deliver Syria to Jihadists?

undefined

According to Hillary Clinton’s foreign policy advisor, Jeremy Bash, if Clinton is elected she will order a “re-set” of US policy toward Syria to emphasize the “murderous” nature of the Assad regime. As the Telegraph reports, Hillary Clinton will breathe new life into the “Assad must go” camp. She will likely launch a full-scale US invasion of Syria.

Said Bash:

A Clinton administration will not shrink from making clear to the world exactly what the Assad regime is. It is a murderous regime that violates human rights; that has violated international law; used chemical weapons against his own people; has killed hundreds of thousands of people, including tens of thousands of children.

Of course claims that Assad used chemical weapons on his own people is the long since disproven neocon cri de guerre to push Obama into an attack on the Syrian government. The 2013 gas attack near Ghouta was likely a provocation by the rebels hoping to draw the US directly into their fight.

This “he gassed his own people” line is the Syrian version of Saddam’s “WMDs,” a lie repeated ad infinitum to make the case for war.

As far as violating international law, the entire two year US intervention in Syria is in clear violation of international law. The US has no legal right to bomb Syria.

Clinton’s advisor informs us that as president his boss would involve the US in everyone else’s affairs: “Mrs Clinton believes that problems around the world can more easily be solved when America is involved and in each of those problems or crisis,” he told the Telegraph

If Hillary becomes president and gets her way with a Syria “re-set” the prime beneficiary will be radical Islamists. There literally is no secular, moderate opposition to the Assad government.

How do we know the jihadists will come out on top? Her last great intervention, the “liberation” of Libya should be precedent. Gaddafi was no angel, but until shortly before he was overthrown he was a Washington ally, a secular counterpart to creeping Islamization of the region. After the 2011 “liberation” strongly backed by Hillary, Libya has turned into a hellhole of competing radical Islamist militias and warlords. ISIS and al-Qaeda were unheard of in Libya before Hillary got her hands on it. Now it is rotten with them.

When it comes to Syria, Hillary means war.


Copyright © 2016 by RonPaul Institute. Permission to reprint in whole or in part is gladly granted, provided full credit and a live link are given.
Please donate to the Ron Paul Institute
Annunci

Lascia un commento »

Non c'è ancora nessun commento.

RSS feed for comments on this post. TrackBack URI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: