Mirabilissimo100’s Weblog

ottobre 15, 2016

L’ITALIA MANDA TRUPPE IN LETTONIA

Filed under: Senza Categoria — mirabilissimo100 @ 7:39 pm
PAOLO MASTROLILLI  15 10 2016
INVIATO A NEW YORK

«Plaudiamo all’annuncio dell’Italia dello schieramento di truppe come parte della presenza accresciuta in Lettonia».

 

La Casa Bianca interviene ufficialmente nella discussione generata dall’intervista a «La Stampa» del segretario della Nato Stoltenberg, per sostenere la posizione presa da Roma. Lo fa attraverso una dichiarazione che il portavoce del Consiglio per la Sicurezza Nazionale Mark Stroh affida al nostro giornale, proprio alla vigilia della visita di Stato che il presidente del Consiglio Renzi farà martedì a Washington.

 

Soldati italiani ai confini russi, polemiche delle opposizioni

 

 

«Il rafforzamento e la modernizzazione della deterrenza e del posizionamento della Nato è stato uno dei risultati concreti chiave, discussi al vertice tenuto questa estate a Varsavia dall’Alleanza. In Polonia – dice la Casa Bianca – abbiamo sottolineato la piena applicazione del Readiness Action Plan, dove abbiamo accolto con favore la decisione dell’Italia di essere la nazione guida della Very High Readiness Joint Task Force (Vjtf) nel 2018». Quindi il portavoce Stroh spiega: «In aggiunta, la Nato ha preso la decisione di rafforzare ulteriormente la sua presenza avanzata nei Paesi baltici e in Polonia. Noi plaudiamo all’annuncio dell’Italia dello schieramento di truppe, come parte di questa presenza accresciuta in Lettonia».

Il vice portavoce del dipartimento di Stato, Mark Toner, aggiunge: «Ciò manda un chiaro segnale che la Nato è pronta a difendere gli alleati. Accogliamo l’annuncio dell’Italia di contribuire con 140 soldati in Lettonia come dimostrazione dell’impegno a condividere i principi dell’Alleanza». La Casa Bianca però allarga il discorso al contributo complessivo di Roma: «L’Italia continua il proprio ruolo di forte leadership all’interno della Nato, attraverso la sua lunga storia di robusto sostegno della missione Resolut Support in Afghanistan, in Kosovo e nel Mediterraneo».

 

LEGGI ANCHE – La rabbia del Cremlino: “Una politica distruttiva”

 

Questa presa di posizione, oltre a rappresentare una difesa delle decisioni di Roma dalle critiche di Mosca, inquadra anche lo stato delle relazioni bilaterali alla vigilia della visita di martedì, e in prospettiva verso la prossima amministrazione. Washington, attraverso l’intervista che il segretario di Stato Kerry ci aveva concesso a settembre, aveva già sostenuto le linee dell’Italia su diversi fronti, dalla necessità che Europa e Nato aiutino le operazioni di soccorso dei migranti, fino a quella di sollecitare la Ue ad una politica economica per la crescita, invece dell’austerità. Gli Usa condividono la strategia di affrontare l’emergenza dei rifugiati e profughi controllando i flussi nei Paesi d’origine, e investendo nello sviluppo affinché scompaiano le ragioni economiche per lasciare le proprie case. Sulla Libia, poi, gli americani fanno molto affidamento non solo sulle nostre capacità diplomatiche e sui nostri rapporti economici col Paese, ma anche sul lavoro fatto sul terreno dai nostri militari e dall’intelligence. La base di Sigonella svolge un ruolo centrale per la sicurezza dell’intero Mediterraneo meridionale, mentre anche nella lotta all’Isis, in Afghanistan, Siria e soprattutto in Iraq stiamo svolgendo compiti vitali, come la riparazione della diga di Mosul e l’addestramento delle forze dell’ordine.

 

Sulla Russia, Washington riconosce gli interessi specifici di Roma, e proprio per questo apprezza ancora di più il suo contributo offerto alla Nato. Gli accordi di Minsk sull’Ucraina non sono stati rispettati da Mosca, e gli Usa si aspettano il rinnovo delle sanzioni alla fine dell’anno. «Noi – ci aveva detto Kerry – dobbiamo rimanere determinati. Le sanzioni devono restare in vigore fino a quando la Russia applicherà pienamente i suoi impegni stabiliti dagli accordi di Minsk, e metta fine alla sua aggressione dell’Ucraina». L’intervento della Casa Bianca quindi ha un connotato strategico nel difficile rapporto generale col Cremlino, anche in proiezione futura. Se Trump vincerà le presidenziali, tutto è possibile; se però prevarrà Clinton, la linea è tracciata. Il suo consigliere per la politica estera, Jake Sullivan, ci ha detto in passato che la capacità di dialogo di Roma con Mosca può essere una risorsa, ma nell’ambito di un fronte compatto degli alleati contro le politiche aggressive russe.

 http://www.lastampa.it/2016/10/15/esteri/la-casa-bianca-roma-fa-una-mossa-decisiva-otZxEhQ22W9i9sYkWpvGkP/pagina.html
<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<

Lascia un commento »

Non c'è ancora nessun commento.

RSS feed for comments on this post. TrackBack URI

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: