Mirabilissimo100’s Weblog

dicembre 20, 2016

AVVENTO: LA STELLA DI BETLEMME

Filed under: Senza Categoria — mirabilissimo100 @ 9:19 am

natale-nascita

Cosa mai sarà stata la misteriosa stella che sorse nel cielo, guidando i Re Magi fino a Betlemme?

Nelle Sacre Scritture vediamo Dio che comunica molte volte con gli uomini tramite segni della natura: la brezza della sera nel Paradiso, l’arcobaleno dopo il diluvio, il roveto ardente, la diafana nuvola di Sant’Elia ecc. E in occasione della sua stessa nascita, Egli ha voluto usare un segno del cielo: la Stella di Betlemme. Questo fatto ci è narrato solo da uno degli evangelisti: San Matteo.

In verità, a quell’epoca si credeva che la nascita di persone importanti fosse in relazione con certi movimenti degli astri celesti. Così, si diceva che Alessandro il Grande, Giulio Cesare, Augusto e perfino filosofi come Platone avessero avuto la loro stella, apparsa nel cielo quando essi erano venuti al mondo.

Il mistero della stella di Betlemme
Molti commenti sono stati fatti riguardo la stella apparsa ai tre re magi, guidandoli fino al luogo benedetto in cui il Salvatore sarebbe dovuto nascere. Non sono mancati uomini di scienza che hanno tentato di trovare una spiegazione naturale a questo evento soprannaturale, centro della storia umana. Non abbiamo la pretesa di fare un compendio scientifico al riguardo, ma continua a suscitare interesse il conoscere, seppure in modo sommario, i principali tentativi di risolvere questo enigma.

Una delle prime teorie che sono state avanzate era che quest’astro sarebbe stato il pianeta Venere. Infatti ogni 19 mesi, poco prima del sorgere del sole, egli appare dieci volte più chiaro della più brillante delle stelle: Sirio. Questo però già allora era un fenomeno ben conosciuto dai popoli dell’oriente e, pertanto, per i Re Magi non avrebbe avuto un carattere straordinario.

Un’altra ipotesi fu sollevata da un astronomo noto negli ambienti scientifici del secolo XVI: Giovanni Keplero. Egli tentò di dimostrare con i suoi approfonditi studi, che quest’astro non era soltanto uno, ma la congiunzione di due pianeti: Giove e Saturno. Quando essi si sovrappongono, si sommano le rispettive luci. Uno di questi fenomeni fu da lui osservato nel 1604 e poteva produrre un effetto simile a quello narrato dalla Bibbia. A partire da qui, Keplero difese la sua teoria.

Ma sorgono tre problemi nel sostenere questa tesi: primo, la congiunzione dura soltanto alcune ore, mentre la stella che apparve ai re magi fu a loro visibile per settimane; secondo, Giove e Saturno non si fondono mai completamente in un’unica stella. Anche ad occhio nudo, sarebbero sempre visibili due corpi; terzo, a meno che la data di nascita di Gesù Bambino sia molto mal calcolata, tale congiunzione si sarebbe potuta verificare soltanto tre anni dopo.

C’è chi afferma che la stella fu, in verità, una meteora particolarmente brillante. Ma una meteora può durare soltanto per alcuni secondi e sarebbe molto forzato credere che questi pochi secondi di visibilità siano bastati a guidare i re magi in un lunghissimo viaggio attraverso un deserto inabitabile , e che giunti a Betlemme, sia apparsa un’altra meteora simile, indicante il luogo esatto dove si trovava il Bambino-Dio.

Il mistero della stella di Betlemme
Origene, Padre della Chiesa nato ad Alessandria,in Egitto, arrivò a credere che la stella di Betlemme fosse una cometa. Infatti alcune comete giungono ad essere centinaia di volte più grandi della terra e la loro luce può dominare il firmamento per settimane.

A parte questo, alcuni sostengono che San Matteo sarebbe rimasto così impressionato dalla cometa Halley, vista nel cielo nel 66 d.C., o dalla testimonianza dei più antichi cristiani che l’avevano vista nel 12 d.C., che la incluse nella storia. Altri affermano che fu la stessa Halley, la stella di Betlemme. Dobbiamo inoltre riconoscere che le due date citate sono molto lontane dalla nascita di Gesù, per essere associate a lui e che secondo i dati catalogati, non c’è menzione di nessun’altra cometa che sia stata vista ad occhio nudo tra gli anni 7 a.C. e 1 d.C., periodo nel quale si accetta essere nato il Messia. Per ultima cosa, nell’antichità si era soliti dire che le comete erano annunciatrici di disgrazie e non di benedizioni.

Un’ultima ipotesi cosiddetta scientifica è quella che sia stata una “Nova”. Esistono certe stelle che esplodono in una forma tale che la loro luce aumenta centinaia di volte in poche ore. Sono le cosiddette “Nove”, o “Supernove”, a seconda dell’intensità dell’esplosione. Si calcola che ogni mille anni, all’incirca, una stella si trasformi in “Supernova”, essendo questo fenomeno visibile per vari mesi, persino durante il giorno.

E’ comunque un’ipotesi che si tende a scartare, poiché tali esplosioni, a causa della loro grandezza, anche dopo secoli lasciano tracce inconfondibili nello spazio, come macchie stellari ecc. Quindi, finora non si è scoperto nessun indizio di tale fenomeno capitato in questo periodo storico.

Sebbene vari tentativi di spiegazione scientifica non abbiano dato risposte pienamente soddisfacenti al mistero della stella di Betlemme, questo non diminuisce per nulla il merito degli sforzi compiuti dagli studiosi che con retta intenzione cercano di svelare gli enigmi della natura.

Ma lasciando da parte queste ipotesi per un momento, volgiamo i nostri occhi all’altro aspetto della questione: il campo teologico, dove si considera questa stella la realizzazione della profezia dell’Antico Testamento: “Una stella spunta da Giacobbe e uno scettro sorge da Israele” (Num 24, 17).

Alcuni teologi sostengono che San Matteo ha fatto un’interpretazione delle tradizioni dell’epoca, riferendosi all’astro non come a una stella nel senso letterale, ma come simbolo della nascita di un personaggio importante.

San Tommaso, il dottore angelico, a suo tempo ci aveva già pensato risolvendo la questione nella Summa Teologica, con l’utilizzo di cinque argomenti tratti da San Giovanni Crisostomo:

1º Questa stella ha seguito un percorso da nord a sud, cosa generalmente non comune alle stelle.

2º Essa appariva non solo di notte, ma anche di giorno.

3º Delle volte appariva e altre si occultava.

Il mistero della stella di Betlemme
4º Non aveva un movimento continuo: si muoveva al camminare dei magi e si fermava quando essi dovevano fermarsi, come la colonna di nuvole nel deserto.

Ma se non propriamente una stella del cielo, che cos’era allora quest’astro?

Secondo lo stesso San Tommaso, ancora citando il Crisostomo, poteva essere:

1º Lo Spirito Santo, così come apparve in forma di colomba su Nostro Signore nel Suo Battesimo, apparve anche ai magi in forma di stella.

2º Un angelo, lo stesso che apparve ai pastori, apparve ai re magi in forma di stella.

3º Una specie di stella creata a parte rispetto le altre, non nel cielo ma nell’atmosfera vicina alla terra, e che si muoveva secondo la volontà di Dio.

Come soluzione al mistero della stella di Betlemme, San Tommaso credeva più probabile e corretta quest’ultima alternativa.

In ogni caso, abbiamo la certezza che questa stella continua a brillare non solo in cima agli alberi di Natale, ma soprattutto nell’anima di ogni cristiano per commemorare la Luce nata a Betlemme al fine di illuminare il cammino dell’umanità.

(Revista ARALDI DEL VANGELO,Dicembre/2007, n. 56, p. 36 á 37)

http://it.arautos.org/…/4067-il-mistero-della-stella-di-bet…

https://sites.google.com/site/mariadinazarethsemprebeata/home/avvento-7-la-stella-di-betlemme

 

Advertisements

Lascia un commento »

Non c'è ancora nessun commento.

RSS feed for comments on this post. TrackBack URI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: