Mirabilissimo100’s Weblog

dicembre 20, 2016

UE: ANCORA SANZIONI ALLA RUSSIA

Filed under: Senza Categoria — mirabilissimo100 @ 5:21 am

putin-mogherini


 

 

Da  Dic 19, 2016

di  Luciano Lago

L’Unione Europea mostra di essere orientata per una nuova forma di accordo nel rapporto con gli Stati Uniti, una volta che il presidente eletto Donald Trump si insedierà, lo ha detto Federica Mogherini , l’alto rappresentante dell’Unione europea per gli affari esteri e la politica di sicurezza e vicepresidente della Commissione europea parlando in conferenza stampa il 3 dicembre.

Secondo il capo della diplomazia della Ue, potrebbe cambiare la politica estera della UE e questa rendersi più indipendente, tanto da potersi allineare in parte con la Russia contro qualsiasi tentativo da parte dell’amministrazione Trump di affossare l’accordo dell’Iran, scuotere la politica in Medio Oriente, o ridurre il ruolo delle Nazioni Unite. «In un modo transazionale … caso per caso, si trovano questioni in cui non sarei sorpreso di vedere gli europei ei russi sullo stesso lato – la questione Iran nucleare, il processo di pace in Medio Oriente, forse il ruolo delle Nazioni Unite», ha detto la Mogherini.


La Mogherini ha anche espresso preoccupazione per la possibilità di riavvicinamento tra Russia e Stati Uniti a scapito dell’Europa.

La dichiarazione della Mogherini dimostrano in realtà quanto la UE sia profondamente disorientata dopo che Donald Trump è stato eletto presidente degli Stati Uniti ed ha caratterizzato le sue intenzioni per rivedere le politiche globaliste fino ad oggi perseguite.
Mentre alcuni governi nazionali cercano disperatamente di proteggere i propri interessi nazionali per non rimanere schiacciati tra i vari poli di potere, Bruxelles non sa che pesci prendere, visto che è stata sempre apertamente filo-americana, dal sostegno alle politiche avventuristiche con gli inteventi militari all’estero realizzati da Washington, fino al voler promuovere i trattati come il TTIP che riguardano il commercio e gli investimenti, nonostante le negative conseguenze sulle aziende europee.

Le apprensioni della leadership dell’UE sembrano essere giustificate. Donald Trump si è schierato per la priorità degli interessi nazionali andando oltre le politiche di globalizzazione. In un certo senso, si tratta di un approccio isolazionista degli USA. Gli attacchi di Trump contro la Cina e l’Iran, la nomina del «filo-russo» candidato alla carica di segretario di stato e le dichiarazioni per voler riformare la NATO – sono tutte a dimostrare che l’UE dovrà adattarsi alla nuova realtà.

Con il suo futuro incerto, stratta fra l’emergere delle contestazioni di buona parte dell’opinione pubblica, Bruxelles deve trovare il suo posto in un contesto in continua evoluzione. La dichiarata intenzione di riavvicinamento verso Mosca rispecchia il processo di ricerca di nuovi orientamenti di politica estera in mezzo alla crescente confusione nelle file della leadership dell’UE. La Mogherini interpreta la confusione e risulta anche lei profondamente disorientata e confusa.

Per la Mogherini, perdere l’appoggio di John Kerry, il segretario di Stato di Obama, di cui condivideva tutte le posizioni e ne aspettava ansiosamente le direttive per leggerle e farle proprie, si tratta di un vero shock e si comprende che la giovane signora sia disorientata e confusa.

Mogherini ritiene che i punti in comune con Mosca siano «affare l’Iran sul nucleare , il processo di pace in Medio Oriente, forse lo stesso ruolo delle Nazioni Unite». Ma l’Unione europea non è un membro delle Nazioni Unite; non è chiaro che cosa è in realtà voleva dire la Mogherini. E ‘anche difficile capire come la Russia e l’Unione Europea potrebbero unirsi per contrastare gli Stati Uniti in Siria con tutte le campagne di propaganda sollevate in Europa su «atrocità» della Russia ad Aleppo. Bruxelles non ha mai avviato alcuna iniziativa in proprio per gestire la crisi nel paese devastato dalla guerra e tanto meno si è premunita ad inviare aiuti per la popolazione civile.

L’accordo con l’Iran è un problema di cui parlare. Infatti, Donald Trump ha detto molte volte di volersi opporre all’accordo e ha voluto che questo fosse rinegoziato. Questa politica è in contrasto con l’intenzione di riavvicinamento posto tra Russia-USA, ma è troppo presto per parlare di Iran come un problema di divisione nel rapporto Russia-Stati Uniti prima che il signor Trump prenda il suo incarico .

Le congetture che questi problemi potrebbero portare ad un riavvicinamento tra la Russia e la UE , mentre questa si opporrebbe agli Stati Uniti, sono in realtà prive di fondamento. L’idea stessa è un segno di disperazione. Senza dubbio, l’Unione Europea sta attraversando momenti difficili e questo è il momento sbagliato per opporsi a Mosca. Ma nessuno può pensare che il rinnovo delle sanzioni anti-Russia possa essere il primo passo nella direzione di normalizzare il rapporto Mosca-Bruxelles. Le misure restrittive si sono dimostrate inutili in ogni caso.

Ma nonostante ciò che ha detto la signora Mogherini su una possibile cooperazione Russia-UE, Bruxelles ha da poco esteso le sue sanzioni economiche ed il blocco contro la Russia per altri sei mesi, dal 15 dicembre, cosa che andrà a complicare notevolmente i rapporti. Un comportamento quasi schizofrenico secondo molti osservatori.
Con le sanzioni in vigore, tutte queste proposte formulate vagamente circa i nuovi rapporti tra Mosca e Bruxelles per coordinare gli sforzi di politica estera, verso la nuova politica degli Stati Uniti, che ancora deve prendere forma, sono solo una perdita di tempo.

La Russia lancia iniziative proprie, ma preferisce le proposte concrete che saranno chiaramente definite dai prossimi interlocutori. Ne è un esempio l’intervista a Die Welt tedesco il 14 dicembre, di Vladimir Chizhov, il rappresentante permanente della Russia presso l’Unione europea, il quale ha fatto una proposta per rilanciare la cooperazione militare tra la Russia e l’UE.

Russia e l’UE hanno esperienza di operazioni militari congiunte in Ciad, nei Balcani e operazioni anti pirati che si trovano nei pressi della costa della Somalia. Secondo il diplomatico, Mosca è pronta a concludere un accordo e fornire una base giuridica per queste attività congiunte. La Russia e l’UE potrebbero prendere il comando delle forze congiunte, a sua volta o condurle sotto il comando delle Nazioni Unite.
La UE potrebbe effettivamente riavviare i rapporti con la Russia nell’ambito di una distensione tra Washington e Mosca ma, per fare questo, dovrebbe conquistarsi uno spazio di autonomia e di indipendenza dalla politica totalmte subordinata agli USA che fino ad oggi ha mantenuto. Soltanto un deciso cambiamento nei governi di Parigi, Berlino, Roma e Madrid, con l’uscita dal potere degli screditati politici fino ad oggi al potere, potrebbe concretamente cambiare il ruolo e l’orientamento dell’Europa.

Fonti:  Sputnik News

La Vanguardia

http://www.controinformazione.info/la-ue-confusa-sul-suo-futuro-la-mogherini-parla-di-cooperazione-con-mosca-ma-rinnova-le-sanzioni/

Advertisements

Lascia un commento »

Non c'è ancora nessun commento.

RSS feed for comments on this post. TrackBack URI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: