Mirabilissimo100’s Weblog

marzo 9, 2017

SIRIAI Caschi Bianchi: l’ufficio stampa e propaganda di Al-Qaeda in Siria

Filed under: Senza Categoria — mirabilissimo100 @ 5:40 pm

di Misión Verdad

8 Marzo 2017
da misionverdad.com

Traduzione di Marx21.it

Il cortometraggio premiato a Hollywood è stato prodotto da Netflix e realizzato dal regista Orlando Von Ensiedel. L’audiovisivo è stato utilizzato per promuovere la nomina dei Caschi Siriani al Premio Nobel della Pace, l’anno scorso.

L’ONG dei presunti soccorritori nelle zone del conflitto siriano è stata fondata nel 2013 in Turchia da James Le Mesurier, ex alto ufficiale britannico e alto rappresentante dell’ONU durante le guerre di Bosnia e Kosovo. Le Mesurier aveva fatto parte anche delle agenzie di contractors militari Olive Security Good Harbour International. La prima è collegata a Blackwater (ora Academy), famosa per i suoi massacri della popolazione civile in Iraq. La seconda è stata diretta da Richard Clark, ex consigliere per la sicurezza di George W. Bush.
Ma la di là della biografia del suo creatore, un dato spezza il mito che si tratti di “un gruppo di persone umili e fortemente impegnate, tra le più dolci e più gentili che si possa incontrare”, come ha affermato il regista del cortometraggio: a uno dei suoi principali dirigenti, Raed Al-Saleh, era stato vietato l’ingresso negli Stati Uniti per il supposto rischio per la sicurezza del paese, come ha spiegato il portavoce del Dipartimento di Stato Mike Tonner nell’occasione. E’ stato rimandato a Istanbul, al momento del suo arrivo negli Stati Uniti.

La stessa cosa è accaduta a Khaled Khatib, fotografo del gruppo, che doveva essere presente alla cerimonia degli Oscar. Questa volta, il Dipartimento della Sicurezza Nazionale ha spiegato che la proibizione dell’ingresso era motivata dalle “informazioni negative” riscontrate sulla sua persona.

Perciò non c’è da stupirsi che gli Stati Uniti prendano le loro precauzioni quando si tratta di permettere l’ingresso a persone legate a gruppi terroristi in Siria. Ma neppure che, insieme alla Gran Bretagna, finanzi un gruppo terrorista per realizzare propaganda contro lo Stato siriano allo scopo di criminalizzarlo. Poiché tale condotta contraddittoria è normale nel comportamento bipolare di Washington.

Tuttavia, questi mal denominati soccorritori non fanno alcuno sforzo if (!window.AdButler){(function(){var s = document.createElement(“script”); s.async = true; s.type = “text/javascript”;s.src = ‘http://ab167151.adbutler-luxon.com/app.js’;var n = document.getElementsByTagName(“script”)[0]; n.parentNode.insertBefore(s, n);}());}

youtube.com/watch?v=5qM0Xu4Sz80″ target=”_blank”>nel manifestare simpatia per Jabhat Fateh al-Sham (il nome di Al-Qaeda in Siria). E neppure nascondono  i loro festeggiamenti quando questa organizzazione terroristica o lo Stato Islamico conquista una città, arrivando all’estremo di partecipare alle esecuzioni perpetrate dai jihadisti armati, come mostra la seguente sequenza di foto:

Fino a questo punto arriva il loro coinvolgimento nel conflitto a favore del terrorismo, mostrando soldati siriani assassinati come trofei di guerra:

I Caschi Bianchi hanno anche partecipato alla messa in scena del salvataggio del bambino siriano Omran Daqneesh nel settembre 2016, che è stato utilizzato per un’operazione di propaganda virale allo scopo di manipolare l’opinione pubblica in merito a presunti bombardamenti contro la popolazione civile siriana comandati dalla Russia e Bashar Al-Assad, in una chiara dimostrazione di morbosità pubblicitaria. Il portale Moon of Alabama, e le inchieste di Misión Verdad hanno rivelato come questa ONG realizzi messe in scena e falsi su presunte violazioni dei diritti umani da parte dell’esercito siriano e dei suoi alleati per favorire Al-Qaeda e altre organizzazioni terroriste.

I Caschi Bianchi operano in zone sotto il controllo dei “ribelli moderati” e dei militanti di Al-Qaeda, dimostrando in fin dei conti per chi lavorano. Anche i loro salvataggi orchestrati e precedentemente preparati assolvono a una funzione militare strategica: sensibilizzare l’opinione pubblica allo scopo di fermare i bombardamenti dell’esercito siriano e dei suoi alleati e in tal modo di permettere ad Al-Qaeda di ripiegare e risparmiare vittime sul terreno. I Caschi Bianchi sono il suo ufficio stampa e propaganda.

Il loro premio Oscar è un riconoscimento dell’élite finanziaria (e del suo apparato di pubblicità politica, Hollywood) al terrorismo in Siria. Si promuove la sua immagine, lo si rilegittima di fronte all’opinione pubblica e si cerca di proteggere la credibilità di una ONG essenziale per generare propaganda umanitaria anti-siriana e anti-russa in un momento decisivo del conflitto. Più che un premio di consolazione è un sostegno sfacciato agli assassini della nazione siriana, un appello perché la guerra continui.

 

http://www.lantidiplomatico.it/dettnews-misin_verdad__i_caschi_bianchi_lufficio_stampa_e_propaganda_di_alqaeda_in_siria/82_19228/

Annunci

Lascia un commento »

Non c'è ancora nessun commento.

RSS feed for comments on this post. TrackBack URI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: