Mirabilissimo100’s Weblog

aprile 28, 2017

Golan tension: Pro-Iran troops move on Quneitra

Filed under: Senza Categoria — mirabilissimo100 @ 12:51 am

DEBKAfile Special Report April 27, 2017


Early Thursday, April 26, a mixed Syrian-Iranian-Hizballah force embarked on a general offensive in southern Syria ready for a leap on Israel’s Golan border. They moved forward in the face of Israeli warnings that were relayed from Moscow to Tehran and Hizballah.
This latest warning was issued by Defense Minister Avigdor Lieberman, who is visiting the Russian capital this week to attend an international security conference. After meeting Russian Foreign Minister Sergey Lavrov and Defense Minister Gen. Sergey Shogun, the Israeli minister stated clearly on Wednesday: “Israel will not allow the concentration of Iranian and Hizballah forces on its Golan border.”

By Thursday morning, it was evident that a decision had been taken in Moscow, Tehran, Damascus and Beirut to ignore Lieberman’s warning.

DEBKAfile’s military sources report that early Thursday, Shiite militias under the command of Iranian Revolutionary Guards officers, alongside Hizballah troops, organized as the Southern Shield Brigade, launched their offensive at Mt. Hermon southwest of Damascus, on their way to the Syrian-Israeli Golan border in the region of Quneitra. The Syrian contingents taking part in this push are the Syrian army’s elite 42nd Brigade and elements of the 4th Mechanized Division.

Their first objective is to capture a string of villages held by Syrian rebel groups in the region of Hadar on the Hermon slopes. They are advancing towards the Golan along the Beit Jinn route.

There is no word yet on whether the warning issued by the defense minister from Moscow has produced a direct Israeli response to the provocation. Very possibly the five explosions and ball of fire they set off at Damascus international airport Thursday morning may prove to be connected to that response.

 

 http://www.debka.com/article/26026/Golan-tension-Pro-Iran-troops-move-on-Quneitra

SIRIA: LE REAZIONI DI RUSSIA E GOVERNO SIRIANO PER L’ATTACCO ISRAELIANO AL’AEREOPORTO DI DAMASCO

Filed under: Senza Categoria — mirabilissimo100 @ 12:48 am

La Russia avvisa Israele e la Siria promette una risposta rapida

Syria: Reports that Israel air raid strikes Damascus International Airport

Filed under: Senza Categoria — mirabilissimo100 @ 12:32 am

 

ISRAELE BOMBARDA AEREOPORTO DAMASCO 27 0 4 2017

The Israeli  airstrikers in Syria  against  the Hezbollah is helping the terrorists,

but  the Hezbollah  is fighting against the terrorrists  not against Israel!

————————————————————————————————————————-

Israeli airstrike on the Damascus International Airport

27 April 2017

BEIRUT, LEBANON (5:35 A.M.) – Preliminary reports have emerged that an Israeli air raid has targeted Damascus International Airport or its perimeters.

This cannot be independently verified by Al-Masdar News at this moment however.

Photos have emerged of burning fuel or gas at the international airport.

 

The reports say that there were five airstrikes against the airport or its vicinity.

It has not been revealed yet the nature of the damage to the airport, but the strikes occurred at around 03:25 A.M. local time.

The Damascus International Airport is still used for civilian flights, including routes to Qamishli in Syria’s northeast, Tehran in Iran and Dubai in the United Arab Emirates.

 

https://www.almasdarnews.com/article/breaking-reports-israel-air-raid-strikes-damascus-international-airport/

 

Video released of the alleged Israeli airstrike on the Damascus International Airport

https://www.almasdarnews.com/article/video-released-alleged-israeli-airstrike-damascus-international-airport/


 

Massive Explosion Reported Near Damascus International Airport Following Israeli Airstrikes

Tyler Durden's picture

aprile 27, 2017

SYRIA: THE WEST FOR THE WAR

Filed under: Senza Categoria — mirabilissimo100 @ 11:22 pm

Joseph Davis | Peace, Love & Freedom Advocate

27  April 2017

 

To best understand why the US and their allies are trying to overthrow the current Syrian president, Bashar al-Assad, I highly recommend you read some of Israel’s very prescient foreign policy papers regarding Syria and the region.

Basically, Israel and their allies are breaking up Israel’s enemy Arab neighbor states into weaker mini state-lets along sectarian ethnic/religious lines so they’ll fight among themselves and not Israel. It’s simple divide and conquer strategies paving the way for Israeli regional hegemony.

I’ve highlighted excerpts from two policy papers in particular, with links to the full papers.

Let’s start with excerpts from Oded Yinon’s “A Strategy for Israel in the Nineteen Eighties”, which was published in the 1982 winter issue of Kivunim, a “A Journal for Judaism and Zionism”. Oded was an Israeli journalist and was formerly attached to the Foreign Ministry of Israel.

“Lebanon’s total dissolution into five provinces serves as a precendent for the entire Arab world including Egypt, Syria, Iraq and the Arabian peninsula and is already following that track. The dissolution of Syria and Iraq later on into ethnically or religiously unqiue areas such as in Lebanon, is Israel’s primary target on the Eastern front in the long run, while the dissolution of the military power of those states serves as the primary short term target. Syria will fall apart, in accordance with its ethnic and religious structure, into several states such as in present day Lebanon, so that there will be a Shi’ite Alawi state along its coast, a Sunni state in the Aleppo area, another Sunni state in Damascus hostile to its northern neighbor, and the Druzes who will set up a state, maybe even in our Golan, and certainly in the Hauran and in northern Jordan. This state of affairs will be the guarantee for peace and security in the area in the long run, and that aim is already within our reach today.

Iraq, rich in oil on the one hand and internally torn on the other, is guaranteed as a candidate for Israel’s targets. Its dissolution is even more important for us than that of Syria. Iraq is stronger than Syria. In the short run it is Iraqi power which constitutes the greatest threat to Israel. An Iraqi-Iranian war will tear Iraq apart and cause its downfall at home even before it is able to organize a struggle on a wide front against us. Every kind of inter-Arab confrontation will assist us in the short run and will shorten the way to the more important aim of breaking up Iraq into denominations as in Syria and in Lebanon. In Iraq, a division into provinces along ethnic/religious lines as in Syria during Ottoman times is possible. So, three (or more) states will exist around the three major cities: Basra, Baghdad and Mosul, and Shi’ite areas in the south will separate from the Sunni and Kurdish north. It is possible that the present Iranian-Iraqi confrontation will deepen this polarization.”
You can read the full document here:
http://www.informationclearinghouse.info/…/The%20Zionist%20….

Here are excerpts from the “A Clean Break: A New Strategy for Securing the Realm” paper written by an Israeli think tank, The Institute for Advanced Strategic and Political Studies’ (IASPS), in 1996. It seems to be a continuation of the Oded Yinon’s “A Strategy for Israel in the Nineteen Eighties” paper.

“Syria challenges Israel on Lebanese soil. An effective approach, and one with which American can sympathize, would be if Israel seized the strategic initiative along its northern borders by engaging Hizballah, Syria, and Iran, as the principal agents of aggression in Lebanon, including by:

paralleling Syria’s behavior by establishing the precedent that Syrian territory is not immune to attacks emanating from Lebanon by Israeli proxy forces.
striking Syrian military targets in Lebanon, and should that prove insufficient, striking at select targets in Syria proper.
Given the nature of the regime in Damascus, it is both natural and moral that Israel abandon the slogan “comprehensive peace” and move to contain Syria, drawing attention to its weapons of mass destruction program, and rejecting “land for peace” deals on the Golan Heights.

Israel can shape its strategic environment, in cooperation with Turkey and Jordan, by weakening, containing, and even rolling back Syria. This effort can focus on removing Saddam Hussein from power in Iraq — an important Israeli strategic objective in its own right — as a means of foiling Syria’s regional ambitions.

But Syria enters this conflict with potential weaknesses: Damascus is too preoccupied with dealing with the threatened new regional equation to permit distractions of the Lebanese flank. And Damascus fears that the ‘natural axis’ with Israel on one side, central Iraq and Turkey on the other, and Jordan, in the center would squeeze and detach Syria from the Saudi Peninsula. For Syria, this could be the prelude to a redrawing of the map of the Middle East which would threaten Syria’s territorial integrity.

Most important, it is understandable that Israel has an interest supporting diplomatically, militarily and operationally Turkey’s and Jordan’s actions against Syria, such as securing tribal alliances with Arab tribes that cross into Syrian territory and are hostile to the Syrian ruling elite.”
You can read the entire paper here:
http://www.informationclearinghouse.info/article1438.htm.

Also see:

Syria: What is really going on and why by Ryan Dawson

The US’s foreign policy was laid out by Benjamin Netanyahu prior to the second Iraq War.
https://youtu.be/PCTQmT4_7-Q

Imagining a Remapped Middle East
http://www.nytimes.com/…/imagining-a-remapped-middle-east.h…

[Israel agent and Neocon traitor trash] John Bolton: To Defeat ISIS, Create a Sunni State
http://www.nytimes.com/…/john-bolton-to-defeat-isis-create-…

“Greater Israel”: The Zionist Plan for the Middle East | The Infamous “Oded Yinon Plan”. Introduction by Michel Chossudovsky
http://www.globalresearch.ca/greater-israel-the-zio…/5324815

Clean Break to Dirty Wars | Shattering the Middle East for Israel’s Northern Front
http://original.antiwar.com/…/06/29/clean-break-to-dirty-w…/

The Secret Stupid Saudi-US Deal on Syria | The Kerry-Abdullah Secret Deal & An Oil-Gas Pipeline War

Proof U.S. Government Wanted ISIS To Emerge In Syria

Who really did 9/11 and why?

https://jdavismemphis.com/…/why-is-the-west-at-war-with-sy…/

SIRIA: LA FRANCIA VUOLE LA GUERRA

Filed under: Senza Categoria — mirabilissimo100 @ 5:19 pm

Come la Francia prepara l’attacco alla Siria

27 Aprile 2017

ELISEO: UN CONSIGLIO DI GUERRA
Ieri mattina all’Eliseo, il Presidente della Repubblica Hollande ha riunito il Consiglio di Difesa e di Sicurezza Nazionale l’organo supremo che sovrintende le decisioni militari e di intervento all’estero, le operazioni di intelligence, le questioni di sicurezza strategica e di lotta al terrorismo. C’erano i ministri più importanti del governo i vertici delle Forze Armate e dei Servizi Segreti.
Oggetto della riunione, la Évaluation Nationale, la relazione finale del Governo sul “presunto attacco chimico” a Khan Sheikhoun, in Siria, il 4 Aprile scorso.
La relazione di sei pagine, ha individuato nel regime siriano il responsabile della strage chimica. Ma qualcosa, anzi molto, non torna. Vediamo perché.

Gli elementi portati per provare l’accusa sono sostanzialmente tre:
1) Il tipo di Gas usato
2) Il processo di produzione
3) Il modo in cui è stato utilizzato

UN SARIN PARTICOLARE
Scrive il Governo di Parigi: “le analisi effettuate dagli esperti francesi sui campioni ambientali raccolti in uno dei punti d’impatto dell’attacco chimico (…) rivelano la presenza di Sarin”, o meglio “di un prodotto secondario specifico, il DIMP (Diisopropil metilfosfonato).
Non solo, ma anche l’analisi biomedica “su un campione di sangue preso in Siria da una delle vittime dell’attacco di Khan Sheikhoun”, mostra esposizione al Sarin.

Quindi prima conclusione: la Francia conferma in modo indipendente e categorico che il Sarin è stato utilizzato il 4 aprile”.

Non un Sarin qualunque, ma specifico (il DIMP) che secondo l’intelligence francese, è quello “sviluppato dal SSRC (il Centro Studi e Ricerche Scientifiche di Damasco) e impiegato dalle Forze Armate siriane”; lo stesso Sarin “utilizzato con certezza dal regime siriano durante il l’attacco di Saraqib il 29 aprile 2013″.

PRIMA QUESTIONE
Chi ha raccolto i campioni ambientali nel luogo del bombardamento ed il campione di sangue sulla vittima? Gli stessi francesi? Se si, come mai i francesi hanno avuto accesso ad una zona controllata dai ribelli di Al Qaeda? Se no, chi li ha raccolti e dati all’intelligence di Parigi? E come sono stati raccolti, e come sono stati consegnati? E quale certezza c’è che questi campioni provengano esattamente da quel luogo e che non siano stati in alcun modo inquinati o manipolati?

Le domande sono fondamentali per capire la fondatezza di questo atto di accusa francese al regime di Assad. Così come è fondamentale ricordare cosa avvenne a Saraqib nel 2013.

COSA AVVENNE A SARAQIB?
Saraqib è una città del nord della Siria nella stessa provincia di Idlib dove sorge Khan Sheikhoun; città in mano ai ribelli anti-Assad, nel 2013 fu obiettivo di un presunto attacco chimico; un attacco chimico assai strano, secondo il Rapporto delle Nazioni Unite, perché  produsse una sola vittima e perché le indagini si basarono sulla testimonianza di un’unica “fonte vicina all’opposizione” che avrebbe visto “un elicottero passare sopra la parte occidentale della città, volando da nord a sud e abbandonando degli oggetti in tre posizioni diverse”. Da questi oggetti, si legge nel rapporto, uscì “un fumo bianco”. Uno di questi oggetti, caduto nel cortile di una casa privata intossicò una donna di 52 anni (che fu poi la vittima), sua suocera e poi altri membri della famiglia.

Nel rapporto delle stesse Nazioni Unite a p. 38 si legge: “sulla base delle informazioni raccolte dalla Missione delle Nazioni Unite dalla fonte vicina alla Opposizione, l’incidente di Saraqib era atipico per un evento che prevedeva un uso presunto di sostanze chimiche”. In effetti un bombardamento chimico con un solo morto e con un solo testimone oculare, qualche riserva la concede.

I feriti furono prima ricoverati in un ospedale siriano e poi, a fronte di chiari segni di intossicazione, trasferiti in Turchia dove la donna è morta.
L’autopsia sul corpo della donna fu fatta dagli esperti delle Nazioni Unite che però registrarono che il corpo aveva già subito una parziale autopsia dai medici turchi.
Nel frattempo i Servizi francesi recuperarono i resti di una “granata inesplosa” sul terreno, effettuarono il campionamento della sostanza chimica, analizzarono e scoprirono che si trattava di Sarin; infine consegnarono i risultati alla Commissione Onu che avrebbe “confermato l’analisi nel dicembre 2013″.

LA MEZZA BUGIA FRAOPCW reports advance in removing Syria chemical armsNCESE
Ma in realtà non è andata proprio come dice il governo francese; le Nazioni Unite hanno solo confermato che le analisi conclusive sui campioni raccolti dai francesi nel 2013 erano conformi ai risultati. Ma non hanno potuto confermare che quei campioni fossero originali.

E infatti nella relazione gli esperti dell’ONU dicono “che in assenza di informazioni dirette” su come sono entrati in possesso dei campioni e della “catena di controllo di come è avvenuto il campionamento e il trasporto dei campioni ottenuti”, non si poteva “stabilire un collegamento diretto tra il presunto evento, la presunta località e il decesso della donna”. Un modo elegante per dire che quei campioni potevano essere stati alterati o sostituiti.

Esattamente come questi portati oggi dal Governo francese come prova che i siriani hanno utilizzato lo stesso Sarin anche a Khan Shaykur. Per questo le domande che abbiamo posto prima sono fondamentali per capire la differenza tra una prova ed un teorema.

ULTERIORE ANALISI
La relazione del governo francese presentata ieri dal Ministro degli Esteri Ayrault continua escludendo una serie di ipotesi:
1) Che l’attacco chimico possa essere avvenuto ad opera dei gruppi armati dei ribelli perché “a conoscenza dei servizi francesi, nessuno di questi gruppi ha la capacità di impiegare un agente neurotossico o le capacità aeree richieste”.
2) Che si sia trattata di una messa in scena o di una manipolazione dell’opposizione “perché il massiccio afflusso in un tempo molto limitato verso gli ospedali in Siria e in Turchia e il contemporaneo, massiccio caricamento di video che mostrano sintomi di utilizzo di agenti neurotossici” lo escludono.

Ma in realtà nessuna di queste ipotesi è mai stata avanzata dalle autorità siriane che hanno sostenuto semmai che la strage chimica provata possa essere stata causata o da Sarin conservato in magazzini di stoccaggio dei ribelli.

E IL REPORT DELLA CIA?
Nella relazione del governo francese non si fa alcun riferimento al rapporto della Cia con il quale la Casa Bianca ha legittimato il bombardamento in Siria. Perché?

Forse perché quel rapporto, come abbiamo dimostrato qui, è falso? Ma se è falso perché il governo francese ha appoggiato un bombardamento americano basato sulle prove di quel documento? E se invece è vero, perché il governo francese non lo cita come ulteriore supporto alle proprie conclusioni, visto che anche quello conferma un presunto bombardamento siriano con Sarin?

ARMI CHIMICHE PERCHÈ
Nella sua relazione l’Eliseo conferma che dal 23 marzo, le forze siriane, i reparti speciali iraniani e Hezbollah con il supporto dell’aviazione russa, avevano lanciato la controffensiva sul fronte di Hama; ed il 2 Aprile, cioè due giorni prima del presunto attacco chimico, Damasco aveva riconquistato quasi completamente i territori perduti a marzo.

Non solo ma nella relazione si conferma che “i servizi francesi valutano che solo Bashar al-Assad e alcuni dei membri più influenti del suo cerchio interno sono autorizzati a dare l’ordine di utilizzare armi chimiche”.

Ma allora, se può essere esclusa una falla nella catena di comando (ad esempio un generale che ordina l’attacco chimico all’insaputa dello Stato Maggiore e del Governo siriano), perché Assad in persona avrebbe ordinato un attacco chimico 100 km più a nord della linea del fronte, in una zona non interessata ai combattimenti, nel momento in cui stava cedendo il fronte dei ribelli, ben sapendo che l’attacco avrebbe bloccato la sua offensiva e scatenato l’opinione pubblica internazionale contro di lui, rimettendo in discussione la sua permanenza al potere (cosa che aveva ottenuto da Trump in persona)?
Non sembra avere senso, e forse non ne ha.

macron siriaTAMBURI DI GUERRA
La relazione di Parigi esce due giorni dopo la vittoria elettorale di Macron che sembra prevedere la sua conquista dell’Eliseo. E come abbiamo spiegato qui, Macron è il candidato dell’élite globalista, del potere tecno-finanziario, quello che alimenta il Partito della Guerra umanitaria in Occidente.
E chi meglio di un Presidente vincente, legittimato dal voto popolare, espressione dell’élite che determina i processi globali, osannato dai media, può avere le credenziali per portare la Francia in guerra e attuare il piano di neutralizzazione della Siria da anni perseguito?

D’altro canto il blog di Piccole Note, ieri proprio qui su Il Giornale, ha messo in risalto come Macron abbia già anticipato l’intenzione di un attacco militare alla Siria, con o senza autorizzazione Onu, “per neutralizzare le capacità chimiche del regime di Assad”. Quindi basta solo dimostrare tempestivamente che Assad queste capacità chimiche le ha e le usa, e il gioco è fatto.

In Libia furono i servizi francesi a costruire a tavolino le prove false dei presunti crimini commessi da Gheddafi, quando invece erano i ribelli jihadisti finanziati da Parigi Washington e Londra, a violarli. Ed in Libia fu la Francia ad aprire l’operazione militare che portò al regime change a Tripoli, voluto da Sarkozy e dalla Clinton e poi attuato dalla Nato.

Questa relazione del Governo francese sembra più che altro un tamburo di guerra che è iniziato a suonare per il probabile nuovo Presidente Macron.
La guerre umanitarie non salvano nessuna umanità ma aiutano ridisegnare il nuovo ordine internazionale salvando gli interessi dell’élite mondialista; e Macron sembra essere il perfetto garante di questi interessi.


 

Su Twitter: @GiampaoloRossi

Articoli correlati:
Non è stato Assad
Idlib: tutto quello che non torna
Libia, nuove verità su una guerra sporca

http://blog.ilgiornale.it/rossi/2017/04/27/come-la-francia-prepara-lattacco-alla-siria/

Syria: Damascus claims France involved in staging Khan Sheikhoun chemical attack

Filed under: Senza Categoria — mirabilissimo100 @ 4:09 pm

Syrian government accuses France of staging chemical weapons attack
By Leith Fadel – 27/04/20170

The Syrian Foreign Ministry has condemned the remarks made by France’s top diplomat, Jean-Marc Ayrault, about the alleged use of sarin gas in the Idlib province by the government forces.

The ministry said in a statement released by the SANA news agency on Thursday that “fabricated allegations launched by French Foreign Minister Jean-Marc Ayrault” were part of the “campaign of lies” against Damascus.

According to the Syrian Foreign Ministry, these allegations show “without any doubt the involvement of France in preparing this crime in the framework of its full partnership in the aggression on Syria.”
On Wednesday, French Foreign Minister Jean-Marc Ayrault said that the samples obtained by the French intelligence services prove that sarin nerve gas had been used in Khan Sheikhoun (Idlib province). He blamed the forces loyal to Syrian President Bashar al-Assad for the alleged chemical attack.

The alleged chemical incident in Khan Sheikhoun (Idlib province) occurred on April 4. According to the Russian Defense Ministry, on April 4, the Syrian air force delivered airstrikes on several militant facilities where munitions filled with poisonous substances were made.

However, Washington accused Damascus of using chemical weapons in the area, after which the US carried out a missile strike on a Syrian military airfield in the Homs province on April 7.

More:
http://tass.com/world/943520

******************************************************************

On Wednesday, French Foreign Minister Jean-Marc Ayrault said that the samples obtained by the French intelligence services prove that sarin had…
TASS.COM

VENEZUELA: COSA STA ACCADENDO?

Filed under: Senza Categoria — mirabilissimo100 @ 5:20 am

APPELLO PATRIOTTICO E ANTIMPERIALISTA

Il PCV fa appello alla più ampia unità di azione antimperialista per sconfiggere il piano destabilizzatore e golpista

al compatriota Nicolás Maduro, presidente della Repubblica;

alla classe operaia e ai lavoratori della città e della campagna;

agli ufficiali, sottufficiali, soldati patrioti della FANB (Forza Armata Nazionale Bolivariana);

alle direzioni nazionali a ai militanti dei partiti politici e organizzazioni popolari del Grande Polo Patriottico, tra cui il PSUV
La Repubblica Bolivariana del Venezuela si trova ancora una volta sotto minaccia per lo sviluppo delle azioni di violenza politica di settori dell’estrema destra che stanno eseguendo un piano destabilizzatore ordito dall’imperialismo statunitense, allo scopo di imporre, mediante la forza e il ricatto, un governo al servizio della sua egemonia nel continente, che smantelli i processi di liberazione nazionale avviati in America Latina all’inizio di questo secolo, e inverta i cambiamenti progressisti che hanno permesso ai lavoratori, alle lavoratrici e al popolo in generale, di ottenere diritti e conquiste sociali negati storicamente da governi che rispondevano, assolutamente, agli interessi della grande borghesia associata in condizioni di subordinazione all’imperialismo statunitense.

In questa occasione, la scalata aggressiva contro il nostro popolo da parte di settori dell’oligarchia e dell’estrema destra è molto più grande. Oltre al significato di violenza antipopolare che assumono la scarsità dell’approvvigionamento e l’alto costo della vita, si sono attuati nelle ultime settimane atti terroristici in diverse città del paese, accompagnati da una guerra della comunicazione nazionale e internazionale allo scopo di generare confusione e istigare allo scontro tra connazionali, per creare uno stato generale di caos e di violenza che serva allo sbocco cruento del conflitto politico, attraverso un colpo di Stato e/o un intervento diretto dell’imperialismo statunitense e delle istituzioni internazionali al suo servizio. L’estrema destra venezuelana, seguendo le istruzioni dell’imperialismo yankee e con il suo finanziamento, non pone limiti alle sue azioni criminali e alla provocazione.

Con tali propositi, la destra filo-yankee esercita pressione sugli ufficiali della FANB con varie forme di manipolazione e ricatto. Chiediamo alle e ai militari patrioti di non cedere di fronte ai terroristi senza patria e di assumere, senza esitazioni e con energia, la difesa della sovranità e dell’indipendenza nazionale e della sicurezza del nostro popolo.

Per noi, le e i comunisti venezuelani, è chiaro che ciò che si sta sviluppando è l’inasprimento della lotta di classe nella sua espressione politica, vale a dire la scalata della lotta per il potere.

Le forze che rispondono agli interessi dei grandi capitali monopolistici statunitensi ed europei vogliono impadronirsi del potere in Venezuela e in tutta l’America Latina, e a tal scopo si propongono di sottomettere e sconfiggere tutti i settori sociali e politici che oppongano resistenza a tali obiettivi.

Di fronte alla pericolosa scalata terrorista che minaccia la sovranità e l’indipendenza nazionale e le conquiste del popolo lavoratore, chiamiamo a rispondere unitariamente con energia e coerenza. E’ necessario attivare senza indugio l’ampia alleanza antimperialista allo scopo di sconfiggere il piano terrorista e golpista. Si richiede con urgenza l’azione congiunta e il coordinamento tra l’alto governo, i partiti del Grande Polo Patriottico, le forze del movimento operaio e popolare e gli ufficiali patrioti della FANB. E’ necessario un PIANO UNITARIO PATRIOTTICO E POPOLARE per sconfiggere la destra terrorista e l’imperialismo. Il contrario è agire con irresponsabilità, il contrario è, in pratica, arrendersi. I veri rivoluzionari non si arrendono, lottano uniti fino alla vittoria.

Il popolo lavoratore venezuelano richiede che i settori della piccola borghesia che esercitano l’egemonia nell’Esecutivo Nazionale, negli altri poteri pubblici e nel partito di governo, abbandonino immediatamente ogni condotta settaria e autosufficiente, condotta che indebolito il processo bolivariano e che nella pratica serve al piano del nemico.

Il PCV insiste da anni sulla necessità di una direzione unitaria e collettiva del processo bolivariano di cambiamento, ma le tendenze piccolo borghesi che hanno esercitato la direzione egemonica del governo non hanno prestato attenzione a questi appelli e proposte, ed è per questo che nell’attuale congiuntura insistiamo su tale necessità urgente:l’unità d’azione di tutte le forze politiche e sociali disposte a difendere la patria di fronte al nemico imperialista e ai suoi lacchè.

E pure, di fronte alle esitazioni e alle incoerenze della piccola borghesia nell’esercizio del potere, chiamiamo i settori più coscienti e combattivi del movimento operaio e popolare, dei contadini, dei ceti medi e degli intellettuali rivoluzionari e degli ufficiali patrioti, a forgiare un blocco di forze che si metta alla testa dell’ampia alleanza patriottica e antimperialista per frustrare i piani sediziosi della destra filo-yankee e anche le tendenze riformiste-rinunciatarie che da istanze di governo tendono a favorire i settori dell’alta borghesia e vengono a patti con la socialdemocrazia di destra.

Solo la più ampia unità popolare, con all’avanguardia la classe operaia cosciente e organizzata, garantisce la difesa della patria bolivariana e l’approfondimento rivoluzionario dei cambiamenti, nella prospettiva della vera costruzione del Socialismo su basi scientifiche e conseguenti.

LA PACE SI CONQUISTA SCONFIGGENDO I FASCISTI!

PER LA SOVRANITA’ E L’AUTODETERMINAZIONE, SCHIACCIAMO LA COSPIRAZIONE!

Ufficio Politico del Comitato Centrale

Partito Comunista del Venezuela (PCV)

Caracas, 19 aprile 2017


http://www.lantidiplomatico.it/dettnews-contro_la_cospirazione_e_il_terrorismo_in_venezuela_lappello_alla_mobilitazione_del_partito_comunista_venezuelano/82_19862/


Deputato dell’opposizione venezuelana lo ammette: “Orgoglioso di essere un terrorista”

L’ammissione è sempre il primo passo per la redenzione. Speriamo che queste parole vengano riportate anche da quei giornali italiani che hanno mistificato oltre la più che minima etica professionale le manifestazioni violente e gli atti di terrorismo in corso in Venezuela in questi giorni.

Che sia terrorismo quello dell’opposizione lo ammette candidamente il deputato dell’estrema destra del paese Richard Blanco. Come potete leggere dal tweet di denuncia al mondo ministro degli esteri Delcy Rodriguez, “orgoglioso di essere un terrorista”.

Gobiernos que apoyan a la derecha venezolana deberían sentirse preocupados de que sus aliados se declaren orgullosamente terroristas

<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<

Come dimostra teleSUR solo un manifestante è stato colpito dalla polizia venezuelana

da teleSUR

Le notizie sulla violenze in corso in Venezuela sono praticamente inevitabili. Nelle ultime tre settimane, almeno 22 persone sono morte nel mezzo delle proteste anti-governative.

 

Schiacciati sulle posizioni dei manifestanti dell’opposizione di destra, i media mainstream utilizzano titoli come «Il Regime venezuelano ha sangue tra le sue mani» e «Il momento Tienanmmen del Venezuela» per ingannare i lettori e indurli a credere che il presidente Nicolas Maduro e il governo socialista sono i principali colpevoli.

 

Alcuni si sono spinti oltre sostenendo che la violenza sia «una campagna di genocidio di Stato».

 

La realtà della situazione sul terreno, tuttavia, dimostra che è vero il contrario: i manifestanti di destra stanno portando avanti una campagna di terrorismo contro il governo e il popolo venezuelano. Infatti, i manifestanti dell’opposizione sono responsabili della maggior parte delle morti che si sono verificate nelle ultime tre settimane, come dimostrato da una recente investigazione condotta da teleSUR.

 

Inoltre, molte delle 22 morti riportate sono ancora in fase di indagine e / o non sono state direttamente correlate alle proteste, mentre viene ribadito che tutti i morti sono vittime di «genocidio di Stato».

 

Ecco una rapida rassegna.

 

Morti attribuite ai manifestanti dell’opposizione 

 

Yey Amaro, un agente di polizia di 37 anni nello stato di Lara, è stato investito da un veicolo guidato dai manifestanti dell’opposizione l’11 aprile dopo aver tentato di mediare in occasione delle proteste nel suo stato di origine.

 

Kevin Leon, un panettiere di 30 anni nel quartiere El Valle di Caracas, è stato sparato il 20 aprile da manifestanti dell’opposizione che hanno vandalizzato il suo posto di lavoro.

 

Ricardo de Lourdes, una donna di 83 anni, è morta nella sua casa a Caracas il 10 aprile colpita da idrocefalo. Quando i suoi sintomi si sono palesati all’inizio della giornata, non è stato possibile trasportarla in un vicino ospedale perché i manifestanti dell’opposizione avevano bloccato tutte le strade del quartiere, impedendo alle ambulanze di soccorrerla.

 

Ramon Martinez, un cuoco di 29 anni che lavorava nella stessa panetteria di Kevin Leon, è stato anch’egli colpito a morte con un arma da fuoco dai manifestanti dell’opposizione il

 

<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<
Brayan Principal, un residente di 13 anni della Città Socialista Ali Primera, è stato colpito dai manifestanti dell’opposizione l’11 aprile dopo che avevano abbattuto l’ingresso principale del comune.

Paola Ramirez, studentessa di 23 anni dello Stato Tachira, è stata colpita da membri del partito di opposizione Vente Venezuela, il 19 aprile, più di 20 volte.

Nove manifestanti dell’opposizione sono rimasti folgorati il 20 di aprile quando hanno provato a fare irruzione nel panificio El Valle che aveva una porta elettrificata.

Morti attribuite alle forze governative

Daniel Queliz, uno studente universitario di 20 anni da Carabobo, è stato colpito dalla polizia il 10 aprile mentre partecipava a una protesta dell’opposizione.

Morti sotto investigazione

Gruseny Antonio Canelon, un militante di opposizione di 32 anni da Lara, è morto per cedimento degli organi interni il 13 aprile. I gruppi di opposizione affermano sia stato colpito durante una dimostrazione anti-governtiva di due giorni prima.

Melvin Guitan, un 26enne che ha lavorato per un ufficio del sindaco a Sucre, è stato colpito da uomini armati non identificati il 20 aprile durante una protesta.

Morti non direttamente collegate alle proteste

Oliver Villa Camargo, un imprenditore nell’ambito del marketing digitale di 29 anni, è stato colpito da assalitori non identificati a bordo di moto a Caracas.

Carlos Moreno, uno studente di 19 anni, è stato colpito alla testa a Caracas il 19 aprile da rapinatori armati che hanno rubato la sua moto.

Jairo Ortiz, uno studente di 19 anni, è stato colpito dall’ufficiale di polizia Rohenluis Leonel Mata nello stato di Miranda. Dopo aver dimostrato l’innocenza di Ortiz, la polizia venezuelana ha immediatamente arrestato Mata.

(Traduzione dall’inglese per l’AntiDiplomatico di Fabrizio Verde)
Fonte: teleSUR

<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<

Negli ultimi giorni si sta verificando una vera e propria mattanza di militanti chavisti e lavoratori governativi

Negli ultimi giorni stiamo assistendo a una vera e propria mattanza ai danni di chavisti e lavoratori governativi. Mentre i nostri media continuano a disinformare come mostra la clamorosa vicenda del Televideo Rai.

di Fabrizio Verde
La narrazione dominante ci racconta in maniera distorta che in Venezuela sono in corso manifestazioni pacifiche e democratiche contro il governo chavista, che invece sta rispondendo con una brutale repressione.

 

La realtà sul terreno è tutt’altra visto che le manifestazioni sfociano sempre nella violenza e vengono applicate delle vere e proprie tecniche terroristiche, come avvenne nel 2014 con le ormai famigerate guarimbas. Il tutto è poi aggravato dal fatto che queste manifestazioni sono guidate dai principali dirigenti dell’opposizione, i quali mostrano un grado di irresponsabilità molto alto. Sarebbe interessante conoscere l’opinione dei tanti commentatori italiani se i principali dirigenti delle nostre opposizioni decidessero di scendere in piazza alla testa di manifestazioni violente.

http://www.lantidiplomatico.it/dettnews-venezuela_lopposizione_produce_violenza_e_morti_che_i_media_internazionali_occultano/5694_19856/

<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<

Prima che inizi un’aggressione contro il Venezuela, i video e le foto che dovete assolutamente vedere

Da un lato i terroristi che quel fantastico mondo dell’inganno dei media nostrani ha ancora il coraggio di definire “manifestanti pacifici per la democrazia”:

I mezzi d’informazione compiono il ruolo per cui vengono pagati, mentire a servizio dei loro padroni (editori) che hanno l’obiettivo di giustificare un intervento violento per destituire un governo che ha scelto una via indipendente. Cacciati dal Medio Oriente, gli Stati Uniti si riversano con forza in America Latina. Dopo i colpi di stato in Honduras, Paraguay, Brasile, l’obiettivo è colpire il Venezuela, motore storico dell’integrazione regionale. Per questo, le immagini sopra non hanno la libertà di mostrarvele.

Voi, cari lettori, iniziate a porvi qualche domanda, qualche dubbio. Prima che sia troppo tardi, prima che uno scenario libico, siriano o iracheno devasti l’America Latina. Dopo vi resteranno solo le scuse alla Blair, un criminale di guerra.

VEDI I VIDEO NEL SITO

http://www.lantidiplomatico.it/dettnews-prima_che_inizi_unaggressione_contro_il_venezuela_i_video_e_le_foto_che_dovete_assolutamente_vedere/5496_19827/

YEMEN: USA E SAUDITI VOGLIONO ATTACARE DAL MARE

Filed under: Senza Categoria — mirabilissimo100 @ 4:47 am

YEMEN GUERRAYEMEN STOP WAR

Gli USA concordano con l’Arabia Saudita di attaccare lo Yemen dal mare

19 Aprie 2017

Gli USA e l’Arabia Saudita cercano di ripetere nello Yemen la stessa tattica dell’attacco statunitense dal mare già sperimentata contro una base della Siria, secondo le fonti yemenite.
Fonti vicine all’ex presidente yemenita, Ali Abdolá Saleh, hanno rivelato un nuovo accordo tra Washington e Rijad che implica di porre un freno agli attacchi aerei sauditi sullo Yemen.
Tuttavia entrambe le parti hanno concordato, come alternativa ai bombardamenti aerei sauditi, l’utilizzo di attacchi dal mare per mezzo delle navi da guerra USA che potranno attaccare gli obiettivi del movimento popolare yemenita Ansarollah, come ha fatto Washington nel recente attacco alla base aerea siriana di Al-Shairat nella provincia centrale di Homs.

Il segretario alla difesa USA, James Mattis, che si trova a Rijad, ha sottolineato, parlando ai giornalisti, la necessità di fermare in modo permanente quelli che ha chiamato gli attacchi con missili effettuati dai componenti del gruppo di Ansarolla contro l’Arabia Saudita.
Nonostante che molti specialisti considerano che l’attuale crisi nello Yemen debba avere una soluzione politica e non militare, l’Arabia Saudita ed i suoi alleati continuano a bombardare in forma indiscriminata la popolazione dello Yemen e le forze yemenite rispondono con attacchi di rappresaglia.

Secondo le informazioni circolate nei media, Mattis è arrivato in Arabia Saudita come parte di un giro regionale, che include l’Egitto, il Qatar ed i territori occupati palestinesi, per affrontare il problema del consolidamento delle alleanze di Washington con i suoi soci e la soluzione delle questioni di interesse comune, come la guerra nello Yemen e la crisi in Siria e in Iraq.
Il bombardamento statunitense contro una base militare siriana aveva l’obiettivo di aumentare l’influenza del regime di Israele nella regione.

Mattis ha messo in risalto la collaborazione degli USA con l’Arabia Saudita rispetto al conflitto yemenita ed ha assicurato che Washington sta facendo pressioni sulle diverse fazioni per il riinizio delle conversazioni che mettano fine al conflitto nello Yemen “quanto prima sia possibile”.
Rijad cerca con i suoi bombardamenti di ripristinare il potere dell’ex presidente fuggitivo Abdu Rabu Mansur Hadi per imporre i propri interessi nella regione. Le ambizioni della monarchia saudita hanno prodotto già circa 12.000 civili morti nello Yemen.

Dall’inizio degli attacchi dell’Arabia Saudita e dei suoi alleati nel 2015 contro lo Yemen, su questo paese pesa un embargo aereo e marittimo. Rijad giustifica i suoi attacchi argomentando che cerca di terminare con la presunta “minaccia” di Ansarolla, che combatte contro i terroristi di Al Qaeda nella zona.

La campagna militare saudita ha permesso di fatto ad Al-Qaeda di fortificare la sua presenza nella penisola arabica, in particolare nello Yemen.

Fonte: Hispan Tv

Traduzione: J.Manuel de Silva

http://www.controinformazione.info/gli-usa-concordano-con-larabia-saudita-di-attaccare-lo-yemen-dal-mare/

YEMEN : LA PROTESTA DEL PANE

Filed under: Senza Categoria — mirabilissimo100 @ 4:39 am

YEMEN PROTESTA DEL PANE MARCIA

19 Aprile 2017 ,Oggi, gli yemeniti hanno partecipato ad una marcia da Sana’a alla città di Al-Hodeida per chiedere la fine della guerra imposta dall’Arabia Saudita,.

I partecipanti nella mobilitazione chiamata “protesta per il pane” ha condannato l’appoggio dell’Occidente a Riad nella guerra contro il loro paese. In alcuni cartelli, i manifestanti hanno accusato il Presidente degli USA, Donald Trump e la Premier britannica, Teresa May come i veri terroristi, visto l’appoggio all’Arabia Saudita.

L’aggressione saudita contro il paese più povero del mondo arabo ha provocato più di 12.000 morti nello Yemen, oltre ad una catastrofe umanitaria.

Riad con i suoi bombardamenti vuole ripristinare al potere Abdu Rabu Mansur Hadi il fuggitivo ex presidente per imporre i propri interessi nella regione.

Fonte: AFP-Hispantv
http://www.lantidiplomatico.it/dettnews-foto_yemen_la_protesta_del_pane_contro_laggressione_dellarabia_saudita/82_19797/

YEMEN: UN ATTACCO SAUDITA AL PORTO DI AL-HUDAIDA

Filed under: Senza Categoria — mirabilissimo100 @ 4:32 am

La Russia e l’ONU avvisano di un attacco dell’Arabia Saudita ed i suoi alleati contro il porto di Al-Hudaida, nell’ovest dello Yemen

25 Aprile 2017

“Ci sono voci preoccupanti circa un assalto ad a Al-Hudaida e quindi un movimento nella capitale yemenita Sanà, qualche cosa che non possiamo permetterci che accada”, ha detto questo martedì il vice cancelliere russo, Gennady Gatilov, nel corso di una conferenza stampa a Mosca, capitale della Russia.
Questo porto yemenita è uno dei principali punti di transito per i prodotti di consumo basico, medicinali e generi di necessità, per soccorrere la popolazione del paese arabo.

Rispetto a questo, Gatilov ha insistito sulla necessità del riavvio dei negoziati di pace patrocinati dall’Organizzazione delle Nazioni Unite che sono da mesi bloccate.


“Mentre lo Yemen si trova ancora immerso in una guerra, gli unici che si approfittano di questa situazione sono i gruppi terroristi come l’ISIS , Al Qaeda ed altri terroristi ed estremisti”, ha denunciato il funzionario russo.

D’altra parte il segretario generale dell’ONU, Antonio Gutierres, ha criticato questo stesso martedì il fatto che circa 19 milioni di yemeniti, il che significa due terzi della popolazione, necessitano di aiuto urgente per la loro sopravvivenza.
Allo stesso modo Gutierres ha sollecitato le parti che partecipano al conflitto dello Yemen di inplicarsi nelle conversazioni di pace perchè si produca una cessazione delle ostilità e si ottenga una soluzione politica ad una guerra che dura già da due anni.

Inoltre il segretario generale dell’ONU ha richiesto urgentemente di “facilitare rapidamente e senza ostacoli il passaggio degli aiuti umanitari per aria, per mare e per terra”, nell’inaugurare la “Conferenza dei Donatori per lo Yemen” nella città di Ginevra.

In questo senso ha precisato che si sono accumulati 1100 milioni di dollari in tale conferenza ed che “adesso la cosa più importante è che questo denaro si trasformi in aiuti specifici per la popolazione dello Yemen e, per fare questo, occorre avere l’accesso al paese”, ha spiegato Gutierres.

L’ONU aveva incluso nel 2016 l’Arabia saudita in una “lista nera”, tuttavia dopo alcuni mesi ha ritirato la lista per le pressioni ricevute da Rijad, fatte sia in pubblico che in privato.

Bambino yemenita denutrito

L’Arabia saudita, che conta sull’appoggio degli USA, sta realizzando una campagna illegale di attacchi aerei sullo Yemenen con l’obiettivo di riportare al potere il suo stretto alleato, il fuggitivo ex presidente yemenita Abdu Rabu Mansur Hadi. Questa offensiva al momento ha prodotto un numero approssimato di oltre 12.000 morti, fra questi moltissimi donne e bambini, oltre a  3 milioni di profughi e grandi distruzioni.

Nota: Si tratta di un conflitto dimenticato che non viene quasi mai menzionato dai media occidentali in quanto coinvolge le responsabilità degli USA, della Gran Bretagna e degli stretti alleati dell’Occidente: l’Arabia Saudita ed i paesi petroliferi del Golfo.

Fonte: Hispan Tv

Traduzione e nota: Luciano Lago

http://www.controinformazione.info/la-russia-e-lonu-avvisano-di-un-attacco-dellarabia-saudita-ed-i-suoi-alleati-contro-il-porto-di-al-hudaida-nellovest-dello-yemen/

Older Posts »