Mirabilissimo100’s Weblog

aprile 7, 2017

TRUMP OSTAGGIO DELLE LOBBIES ANTIRUSSE. ECCO A CHI GIOVA L’ATTACCO USA ALLA SIRIA

Filed under: Senza Categoria — mirabilissimo100 @ 4:49 pm
(di Giampiero Venturi)
07/04/17

I primi ad esultare per l’attacco missilistico americano alla base aerea siriana di Al Sharyat sono stati nell’ordine: l’ISIS, i miliziani islamisti del fronte di Idlib, Hillary Clinton, la Turchia di Erdogan, Israele e l’Arabia Saudita. Se gli effetti di un’azione mostrano le intenzioni che l’hanno generata, basterebbe questo per farsi un quadro.

La base colpita è una delle principali da cui partono le missioni che colpiscono lo Stato Islamico sul fronte sud, cioè l’arco di territorio compreso tra Palmira e Deir Ezzor. Sotto il profilo militare, aver colpito questa importante infrastruttura significa aver dato respiro ai tagliagole del Califfato ormai in ritirata su tutti i fronti.

Sotto il profilo politico il gioco è più sottile.

Dall’insediamento di Trump fino alla notte del 7 aprile, l’equilibrio geopolitico che si stava configurando a luci spente in Siria era complesso ma chiaro: Assad e i russi avrebbero vinto la guerra contro i ribelli e l’ISIS; gli USA, coscienti degli errori dell’era Obama, avrebbero partecipato al trionfo conquistando Raqqa attraverso le Syrian Democratic Forces; alla Turchia, per anni colpevole di ogni nefandezza, sarebbe stato lasciato il cuscinetto di territorio a ridosso del confine, per smaltire i profughi e controllare i curdi. La questione curda e gli equilibri interni alla Siria sarebbero stati discussi in seguito.

A qualcuno questo scenario non è andato giù.

L’Arabia Saudita ha visto sfumare il suo sogno di instaurare un governo sunnita in una Paese storicamente ostile. Israele, nonostante le garanzie di Mosca, ha visto potenziare il peso politico e militare di Hezbollah e del suo dante causa Iran. A tale proposito c’è da considerare che per lo Stato ebraico l’importante non sia tanto eliminare i nemici, ma fare in modo che siano deboli: il vero pericolo per Tel Aviv dunque, non è la dinastia Assad che gli israeliani hanno tollerato per 40 anni, ma Teheran. Il quadro che si stava configurando per la Siria del futuro a Netanyahu non dava sufficienti garanzie, soprattutto alla luce della nebulosa linea americana dei primi mesi 2017. Israele aveva bisogno di un segnale forte contro l’Iran, che con Obama non era mai arrivato, nonostante l’aiuto fornito da Barak ai miliziani ribelli sunniti.

La stessa Turchia, in mano al giocatore d’azzardo Erdogan, a conti fatti in Siria ha dovuto rinunciare all’operazione Scudo dell’Eufrate accettando la crescita delle milizie curde, decisive sul fronte anti ISIS. Erdogan, vedendo il rischio di rimanere col cerino in mano, ha ricominciato ad alzare i toni contro Assad, dopo averli attenuati in accordo con la Russia per quasi un anno. Lo scopo della Turchia è continuare ad avere voce in capitolo tra gli islamisti del nord, in modo da gestire il problema curdo siriano, fino al 2011 inesistente.

L’attacco americano alla Siria sembra paradossale ma in realtà va a incidere sugli equilibri sia interni americani che geopolitici.

Le conseguenze in Siria si vedranno nei prossimi giorni, anche in virtù della reazione di Putin, la cui pazienza con gli atteggiamenti ondivaghi di Trump non sarà infinita. Proprio mentre scriviamo, Mosca annuncia la fine della collaborazione con gli USA per la sicurezza nei cieli siriani.

È molto probabile che i missili americani siano però dimostrativi. Non avranno incidenza eccessiva sul piano militare, ma un significato politico molto chiaro, soprattutto per la politica interna. 

L’atto unilaterale di Trump, deciso a caldo e senza nessun passaggio preventivo (né all’ONU, né con gli alleati), più che riportarci all’era Bush, sintetizza la necessità di mostrare autonomia da Mosca e potere decisionale. Trump, messo alle strette dalle accuse del Russiagate, ha pensato che l’unico modo per non mostrarsi debole fosse colpire.

Sul fronte interno USA, i vantaggi del raid sono molti. In un solo colpo (anzi in 59, quanti sono i missili lanciati…) Trump ammutolisce chi lo vuole sottomesso a Putin e fuga i fantasmi di chi paventava una nuova dottrina Monroe, con ritiro USA dai principali scacchieri internazionali.

In tutto questo esulta la Clinton. Non contenta di aver provocato la guerra civile siriana armando le milizie jihadiste che combattono Assad, ha voluto affondare il colpo e vendicarsi di chi l’ha umiliata davanti a tutto il mondo. Da dicembre, l’ex Segretario di Stato USA fa proselitismo alla ricerca di alleati sul fronte anti Assad. Per l’ex first lady è un’ossessione: la collaborazione con la Russia in Siria (e altrove) non si deve fare. C’è una sola via: Guerra fredda, Guerra fredda, Guerra fredda!

I primi sentori che le elezioni di novembre le abbia vinte Trump ma il vero potere politico in politica estera ce l’abbia il Pentagono e le lobbies antirusse che lo controllano, si avevano già dai primi giorni dell’insediamento del tycoon newyorchese alla Casa Bianca. Il Russiagate è partito con la velocità della luce e uno ad uno, tutti i collaboratori “alternativi” alla politica atlantista sono caduti: su tutti Michael Flynn e Stephen Bannon, entrambi rimossi dagli incarichi sulla sicurezza nazionale.

L’America rimane in mano agli antirussi che non vogliono il cambiamento?

Possiamo dire che Trump per il momento è caduto nella trappola di chi non lo vuole amico di Putin. La Clinton e i falchi repubblicani come McCain in questo ambito si ritrovano alleati e vincenti.

Sostanzialmente negli USA si sta configurando in ambito politico quello che avviene anche in Europa: fronti ideologici tradizionalmente ostili (liberal e conservatori per intenderci) si alleano contro chi resiste alla globalizzazione e sbandiera identità sovrane.

Trump era nato come alternativa, ma ogni minuto che passa si mostra sempre più con le spalle al muro e incapace di imporre una terza via.

Tutti coloro che hanno esultato per la sua vittoria (russi compresi) oggi hanno avuto un sussulto.

Resta da vedere come reagirà il mondo DEM radicale e pacifista, ostile per natura a Trump ma improvvisamente scosso da un attacco che avrebbe tanto voluto fare Hillary Clinton. Gessetti o profili colorati in questo caso contano poco; dopo l’attacco USA alla Siria, c’è un solo dato oggettivo: la trappola delle armi chimiche è riuscita e oggi i terroristi islamici godono.

(foto: web)

http://www.difesaonline.it/geopolitica/tempi-venturi/trump-ostaggio-delle-lobbies-antirusse-ecco-chi-giova-lattacco-usa-alla

Annunci

Lascia un commento »

Non c'è ancora nessun commento.

RSS feed for comments on this post. TrackBack URI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: