Mirabilissimo100’s Weblog

maggio 23, 2017

SIRIA: L’ISIS HA FATTO ESPERIMENTI CON LE RMI CHIMICHE!

Filed under: Senza Categoria — mirabilissimo100 @ 5:28 am

ARMI CHIMICHE 3 BIDONI

Isis-armi chimiche, per G. Chiesa: “Laboratori del terrore con specialisti occidentali”

22 maggio 2017 ore 13:26, Americo Mascarucci
Secondo il quotidiano britannico Times, i jihadisti del Califfo Al Baghdadi avrebbero sperimentato alcune armi chimiche sui loro prigionieri, sfruttate come vere e proprie “cavie umane” e morte dopo un’agonia lunga anche dieci giorni. La scoperta sarebbe stata fatta all’università di Mosul, la “capitale” dell’Isis in Iraq. Nell’ateneo, sarebbero stati trovati dalle forze speciali di Bagdad documenti che testimonierebbero questi mostruosi esperimenti e l’obiettivo dell’Isis di utilizzare queste armi chimiche in Occidente, sciogliendole e nei liquidi in generale. Una notizia che sembra ricordare gli orrori del nazismo nei campi di sterminio e gli esperimenti atroci compiuti dall’esercito giapponese dell’unità 731 . Quanto è credibile questa notizia? Porterà anche a ripensare il giudizio negativo dell’Occidente su Bashar Al Assad? Intelligonews lo ha chiesto a Giulietto Chiesa, giornalista esperto di scenari geopolitici.
Il Times rivela come l’Isis abbia tastato l’efficienza delle armi chimiche su cavie umane. Quanto è credibile questa notizia?
“Non ho elementi sufficienti per dirlo, ma mi pare evidente come i media occidentali stiano correggendo tutte le fandonie raccontate fino ad oggi. Prima hanno accusato Assad di sterminare il suo popolo con le armi chimiche, poi quando si sono resi conto di aver fatto un buco nell’acqua stanno correndo ai ripari cercando di riguadagnare un minimo di credibilità. Ritengo si tratti di un’operazione prettamente mediatica come lo era quella precedente contro Assad. Stanno cercando di riparare ai loro stessi errori”.

Isis-armi chimiche, per G. Chiesa: 'Laboratori del terrore con specialisti occidentali'
Assad a questo punto sarebbe scagionato da ogni accusa visto che non è lui a detenere le armi chimiche e ad utilizzarle contro i suoi nemici?
“Se fossero vere queste notizie, visto che a fornirle non è un organo russo e dunque non tacciabile di lavorare per il nemico, certamente avremmo la conferma che l’Occidente sta correggendo i suoi errori visto che a fornire le armi chimiche all’Isis non sono stati certo i russi. La produzione di armi chimiche non può essere roba da terroristi analfabeti e primitivi. Le informazioni e le tecnologie che hanno portato alla creazione di queste armi, così come la formazione dei quadri, è a mio giudizio tutta farina dei servizi segreti occidentali, viene tutto dalle deviazioni. Naturalmente non dimentichiamo il coinvolgimento in altre misure e in altri termini dell’Arabia Saudita”.
Ammettiamo che la notizia sia vera, quanto ricorda gli orrori del nazismo nei campi di sterminio e le atrocità della famigerata unità 731 del Giappone?
“Forse siamo anche oltre. Ci troviamo di fronte ad una deformazione del concetto di guerra, ad una conduzione di una guerra ibrida ad alto potenziale distruttivo e criminale che a mio giudizio non ha precedenti nella storia moderna. Credo che ancora una volta l’Occidente debba fare una seria riflessione sulle proprie strategie e ancora di più sulla scelta dei propri alleati, oltre che sulla conduzione di una guerra che ha sostanzialmente patrocinato. La guerra in Siria è iniziata con un appoggio esplicito dell’Occidente al cosiddetto esercito siriano di liberazione, una sorta di terroristi moderati, e su questo si è poi incentrata l’estensione militare del Califfato. Questa mostruosità è figlia di coloro che l’hanno finanziata e sostenuta politicamente. Prima di scagliare l’attenzione internazionale sui capri espiatori o sulla manodopera scarsamente qualificata, punterei il dito su chi finanzia questi laboratori del terrore che, torno a ripeterlo, non possono che vedere la presenza di specialisti occidentali”..
#armichimiche #assad #mosul #siria #isis
**************************************************************************************

Siria, spuntano armi chimiche ISIS. G. Chiesa: “Nessuna novità. Da chi le hanno ricevute…”

18 maggio 2017 ore 13:03, Stefano Ursi
E’ la CNN a rendere noto che in Siria potrebbe essere attiva una cellula Isis per le armi chimiche: una notizia che sta facendo molto riflettere soprattutto per quanto riguarda il dibattito acceso che si è sviluppato, proprio sul presunto utilizzo di armi chimiche, da parte del governo siriano di Assad, sul quale pendono le nuove accuse della comunità internazionale sul presunto utilizzo di forni crematori per nascondere le prove dei massacri effettuati. Sullo scenario, mediatico e geopolitico siriano, IntelligoNews ha sentito il giornalista ed esperto di geopolitica Giulietto Chiesa che non usa mezzi termini: ”Siamo di fronte ad un’operazione propagandistica che tende ad accusare Assad di essere Hitler, infilando nella testa della gente, per associazioni mentali, i forni crematori di Hitler. Armi chimiche Isis? Si sapeva già”.

Siria, spuntano armi chimiche ISIS. G. Chiesa: 'Nessuna novità. Da chi le hanno ricevute...'

Giulietto Chiesa

La CNN ritiene possibile che in Siria esista in Siria una cellula Isis per armi chimiche…

”Esisteva già e ci sono già state numerose informazioni sulle cosiddette armi chimiche assegnate ad Assad, e che in realtà erano laboratori di Isis. Non è una novità, ma una scoperta che fanno gli americani quando smettono di raccontare balle sui rapporti fra Trump e la Russia e ne inventano altre nuove: grazie per l’informazione, ma la sapevamo già”.

Da qui nuova luce sulla questione del presunto bombardamento chimico dell’aviazione siriana, che poi portò all’attacco americano?

”Ripeto, le armi chimiche le hanno usate sia a Damasco che in altre circostanze i terroristi dell’Isis: in parte queste armi le hanno ricevute dagli alleati occidentali, in parte hanno imparato a produrle artigianalmente. Tutta questa operazione è interamente occidentale e ora, sui media occidentali, viene fuori pian piano la verità: perché sia la Russia che Bashar al-Assad hanno ripetutamente detto che le armi chimiche erano in mano ai terroristi dell’Isis. Anche qui nessuna novità, sappiamo che le hanno usate loro e che ogni volta che lo hanno fatto hanno tentato di far emergere il contrario, cioè che le avesse usate Assad. Complici, in questo, tutti gli alleati occidentali”.

Oggi l’accusa americana ad Assad di utilizzare forni crematori per nascondere le prove dei massacri: le prove? Siamo alle solite?

”Naturalmente. Le fonti che sono state usate nel rapporto di Amnesty sono già state smentite, perchè quelle fotografie risalgono al 2006 e non costituiscono elemento di prova, che non c’è. Ci sono solo fonti, che sono rimaste anonime, e che tuttora non vengono rivelate con la motivazione di proteggerle. Ma queste fonti sono già in Occidente da tanto tempo, dunque non c’è nessuna ragione per cui non si dica chi sono. Allo stato attuale delle cose, come detto, prove non ne esistono: siamo di fronte ad un’operazione propagandistica che tende ad accusare Assad di essere Hitler, infilando nella testa della gente, per associazioni mentali, i forni crematori di Hitler”.

Circolano voci e indiscrezioni secondo cui Assad potrebbe cercare rifugio a Londra. Ci crede?

”Non saprei, ma penso che Assad sappia di essere nel mirino di un assassinio. Abbiamo sentito un ministro israeliano dire apertamente che bisogna eliminarlo e dato che conosco come funzionano i servizi segreti, penso che possano esserci già delle squadre pronte ad assaltare i rifugi di Assad. Che sia minacciato di morte, dunque, mi pare evidente, che ci sia una chiarissima intenzione di ricominciare la guerra utilizzando le panzane sui crematori e le armi chimiche pure: dunque che lui tema per la vita sua e della sua famiglia è chiaro. E anche se è ancora in grado di difendersi, sono certo che la sua localizzazione sia stata già individuata e che non possa spostarsi di un centimetro senza che si sappia. Ci troviamo in una situazione nella quale l’Occidente sta organizzando l’assassinio di un capo di Stato ufficialmente riconosciuto all’Onu: siamo ormai al di là dei limiti di ogni decenza internazionale”.

#Assad #Siria #chimiche #armi #forni

Annunci

Lascia un commento »

Non c'è ancora nessun commento.

RSS feed for comments on this post. TrackBack URI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: