Mirabilissimo100’s Weblog

febbraio 20, 2019

Lukashenko Assures Putin Belarus Is Ready to Unite With Russia (VIDEO)

Filed under: Senza Categoria — mirabilissimo100 @ 3:57 am

RUSSIA INSIDER 

19 02 2019

Sweating Profously, Lukashenko Assures Putin Belarus Is Ready to Unite With Russia (VIDEO)

Coming out of a meeting with Putin the Belarusian leader fell over himself to assert he isn’t an obstacle to Russian-Belarusian unity

Write up by Newsweek:

The president of Belarus has said the country is ready to unite with long-time ally Russia, raising the prospect of Moscow absorbing the eastern European dictatorship on the borders of Poland and Lithuania.

President Alexander Lukashenko, who has ruled the former Soviet state since the presidential post was created in 1994, said Friday his nation was ready to join with Russia, The Moscow Times reported.

Lukashenko made the comments on the third and final day of bilateral talks with Russian President Vladimir Putin. Rumors have long abounded that Belarus could be absorbed into Russia under Putin’s watch, deepening the “union state” arrangement that has existed between them since the late 1990s.

“The two of us could unite tomorrow, no problem,” Lukashenko said Friday. “But are you—Russians and Belarusians—ready for it?” the president added, according to Interfax. “We’re ready to unite and consolidate our efforts, states and peoples as far as we’re ready.”

Lukashenko has an interesting formulation. He is willing to scale back Belarusian independence but not sovereignty. This allows theoretically for a voluntary Russian-Belarusian confederacy. In the same breath he questions whether Belarusians are ready for it. However historically he has been the main obstacle to such a union. Belarusians never asked for independence. It was foisted upon them by Yeltsin when he dissolved the Soviet Union as a way to topple Gorbachev and take over in Moscow himself.  

Putin for his part offered a lecture on realities of the modern world:

Putin tried to question the very concept of independent states in his subsequent remarks. “There are simply no fully independent states in the world. The modern world is a world of interdependence,” the Russian president said.

He pointed to the European Union as proof of his assertion. “There, the European Parliament makes more binding decisions for all members than the Supreme Soviet of the USSR once took such decisions for the Union republics. Is it not a dependency?” Putin asked.

Putin also suggested that U.S. military deployments in Europe have undermined nation sovereignty there.  “Do you think someone from European countries wants U.S. medium-range missiles to appear in Europe?” he asked.

“No one wants that. But they sit, they keep quiet. Where is their sovereignty? But apparently they believe that in the ultimate, general calculation, they are interested in such an organization in which they have invested part of their sovereignty,” he said.

VIDEO


BREAKING! Lukashenko To Putin: Belarus Is Ready to Unite With Russia If Our People Are Ready For it!

https://russia-insider.com/en/sweating-profously-lukashenko-assures-putin-belarus-ready-unite-russia-video/ri26312

The Israeli Lobby Is the Deep State

Filed under: Senza Categoria — mirabilissimo100 @ 3:53 am

RUSSIA INSIDER

15 02 2019

JASON CHARLES

This week the Intercept reported on the firestorm created by Rep. Ilhan Omar when she audaciously cited the AIPAC lobby as being behind a political smear campaign against her. The Intercept reported,

“…Rep. Ilhan Omar, D-Minn., responded sharply to reports that Republican leader Kevin McCarthy was targeting both Omar and fellow Muslim Rep. Rashida Tlaib, a Democrat from Michigan.

Omar quoted rap lyrics — “It’s all about the Benjamins baby” — to suggest McCarthy’s move was driven by the lobby’s prolific spending. Asked specifically who she was referring to, Omar responded, “AIPAC!” (The Intercept)

In this report they also linked to numerous undercover investigations that produced audio and video tapes of AIPAC political operatives funneling money to Israeli friendly politicians and government insiders as a means to sway national opinion. The report quotes a conversation on the tapes as follows,“David Ochs, founder of HaLev, which helps send young people to American Israel Public Affairs Committee’s annual conference, described for the reporter how AIPAC and its donors organize fundraisers outside the official umbrella of the organization, so that the money doesn’t show up on disclosures as coming specifically from AIPAC. He describes one group that organizes fundraisers in both Washington and New York. “This is the biggest ad hoc political group, definitely the wealthiest, in D.C.,” Ochs says, adding that it has no official name, but is clearly tied to AIPAC. “It’s the AIPAC group. It makes a difference; it really, really does. It’s the best bang for your buck, and the networking is phenomenal.” (Ochs and AIPAC did not immediately return The Intercept’s requests for comment.)
Without spending money, Ochs argues, the pro-Israel lobby isn’t able to enact its agenda. “Congressmen and senators don’t do anything unless you pressure them. They kick the can down the road, unless you pressure them, and the only way to do that is with money,” he explains.” (The Intercept)

Just so we are clear, an Israeli lobbyist and AIPAC organizer stated on video that AIPAC, through shadow funding has become the biggest, wealthiest, networking group in D.C.

The influence alluded to by AIPAC in these statements should be alarming. Politicians are being bribed to be political attack dogs for Israel.

Trump is Green Like the Swamp Thing

So, I am curious, what AIPAC’s going rate for a congressman is, relative to what the going rate for say…President Trump might be? It was Trump who went further than anyone saying that Rep. Omar should resign for her statements on AIPAC, he was quoted as saying,“Critics — both Democratic and Republican — said Omar’s tweets evoked anti-Semitic tropes. House Democratic leadership called on her to apologize, and the freshman congresswoman then released a statement where she “unequivocally” apologized.

Omar’s statement reads, “Anti-Semitism is real and I am grateful for Jewish allies and colleagues who are educating me on the painful history of anti-Semitic tropes. My intention is never to offend my constituents or Jewish Americans as a whole. We have to always be willing to step back and think through criticism, just as I expect people to hear me when others attack me for my identity. This is why I unequivocally apologize.”

“At the same time,” Omar continued, “I reaffirm the problematic role of lobbyists in our politics, whether it be AIPAC, the NRA or the fossil fuel industry. It’s gone on too long and we must be willing to address it.”

Trump said at the Cabinet meeting, “What (Omar) said is so deep seated in her heart that her lame apology — and that’s what it was, it was lame and she didn’t mean a word of it — was just not appropriate. I think she should resign from Congress, frankly.” (CNN)

As I predicted last October in an article l wrote, Trump pledged himself to Netanyahu to destroy Israel’s enemies, in that article I quoted Trump as saying,

“The Jews have endured terrible persecution, and you know that, we’ve all read it: We’ve studied it. They’ve gone through a lot and those seeking their destruction…we will seek their destruction.” (American Thinker)

So, Trump the Destroyer, making good on his promise to Netanyahu jumps right into the fray calling for the resignation of a politician over her complaints of foreign influence in American politics.

Trump, who campaigned on draining the swamp and ending foreign wars abroad, has quite literally done an about face on his promises and inextricably tied himself to Netanyahu and the Zionist war machine that controls American politics.

Everyone and I mean everyone wants to cozy up to the money in D.C., Trump included. As David Ochs, statedabove AIPAC is the richest, most influential lobby in Washington.

It is Israeli interests that utilize their vast network of compromised political elite and the Israeli dual-citizen Neocons controlling the Pentagon to drag us into perpetual war on their behalf. It is this Israeli loyal contingent that is the Deep State swamp in U.S. politics who are running the show.

Conclusion

Rep. Omar statements should be applauded. Constitutionally speaking she is more in line with the founders than Trump, who has completely entangled himself with these Zionist foreign operatives.

Didn’t Founder and President George Washington tell us to be wary of foreign entanglements? He wanted us to stay clear of foreign alliances as a national policy,

“It is our true policy to steer clear of permanent alliance with any portion of the foreign world.” -Farewell Address to the People of the United States | Monday, September 19, 1796

If Trump was going to sell out to anything, of course it would be to money. Big surprise, the guy that plates his mansions in gold sells out to the vast empire of Zionist wealth. Someone with his kind of money can only be envious of the groups that have more money than him, which for the last 200 years is the Zionist Rothschilds who own Israel. So, when we hear someone like David Ochs talk about the AIPAC funding network, in reality he is talking about the Rothschilds who literally own stakes in the biggest financial institutions on the planet. That is the funding network spoken about, that is why so many want AIPAC money, because it brings them that much closer to those who own the world.

When Baron Edmond De Rothschild set out to establish a Zionist state in Israel back in the late 1800’s that was not some pet project of the family, it was their entire End Game. Israel is the most important thing to this family and they will drag the world into the fires of hell to make sure their vision of a Greater Israel is made manifest.

If you want to find the ancient dragon, then follow the money and that money leads back to Israel, who in turn leads back to the Rothschild’s controlling interest in the region.

AIPAC is the monied Deep State and Trump is one of their many swamp creatures that are playing his blinded Christian Zionist supporters better than Obama, the Bush’s, the Clintons could do combined. He is truly the perfect Zionist operative.

Bipartisanship.

All we get out of this Trump deal is war, cultural division, unyielding debt, more war, a police state, and to be called antisemitic when we point out who is really pulling the strings in the Deep State of Washington Politics.

Trump has proven himself to be the ultimate Judas goat betrayer. Christians need to wake up to the fact that the devil, not God is running the show on this planet and that includes the Rothschild State of Israel. The second Temple was called Herod’s Temple, and Jesus cursed it and predicted its collapse, the 3rd Temple in Jerusalem will undoubtedly be called the Rothschild Temple once built, it doesn’t take a genius to see where all this madness is headed, but it does take the entire blinded Christian Zionist establishment to fall for this ungodly lie and support it for it to play out like Revelation indicates it will. Even the elect will be deceived Jesus told us, well we’re living it right now.

Paul when calling out the Jewish betrayers in his day asked this of the Galatians “So have I become your enemy by telling you the truth?” No doubt, Trump and his Zionist handlers will weaponize the antisemitism rhetoric and turn it against all of us that are telling the Truth about Zionist influence in our government, in our day. History repeats itself because the devil is always up to his old tricks.


Source: Wake The Church

https://russia-insider.com/en/israeli-lobby-deep-state/ri26271

How Israel, Iran Will Work With Russia-Led EAEU

Filed under: Senza Categoria — mirabilissimo100 @ 3:50 am


How Israel, Iran Will Work With Russia-Led EAEU

By Sputnik News – Russia -February 19, 2019

0201

Sputnik/Moscow: Israel, one of Washington’s key allies in the Middle East, refused to impose anti-Russian sanctions and is seeking to sign a free trade agreement with the Russia-led Eurasian Economic Union (EAEU), Israeli publicist Avigdor Eskin told Sputnik, explaining how Iran’s plans to ink a similar pact with the bloc may affect Tel Aviv.

Israel’s free-trade agreement (FTA) with the Russia-led Eurasian Economic Union (EAEU) is likely to become a focal point of the upcoming talks between Russian President Vladimir Putin and Israeli Prime Minister Benjamin Netanyahu, scheduled for 21 February in Moscow, says Avigdor Eskin, sn Israeli publicist and political analyst.

“Israel is one of the world leaders in the areas of high-tech, intelligence, military, agriculture and medicine. We can offer our partners in the Eurasian Economic Union best products,” Eskin stressed.

In April 2018 Tel Aviv resumed negotiations with Russia on free trade with the EAEU which initially started in October 2015, nine months after the bloc’s official establishment on 1 January 2015. According to the Israeli publicist, this development “is very natural”.

“There are around million and a half Russian speaking Israelis today,” Eskin pointed out. “Many of them are very successful in the areas of high-tech, science, arts. And they are very successful also in politics. For example, the current Knesset speaker, Yuli Edelstein, won the first place in the primaries of the Likud list for the next elections. He is a former resident of Moscow, former prisoner of Zion and his father is a Russian Orthodox priest until this very day in Kostroma area”.Rouhani Blames ‘Enemies’ Israel, US For Trying to Create Division Among Iranians

The political commentator highlighted that today ties between Russia and Israel are very strong.”Check, how many daily flights are between Moscow and Tel-Aviv,” Eskin remarked. “Therefore this is only natural to strengthen and develop these ties. I also want to mention a great job on this matter of Russian ambassador to Israel Anatoly Viktorov”.

When asked whether the US had signalled displeasure over Tel Aviv’s negotiations with the Russia-led bloc, the commentator stressed that “there has been no sign of any dissatisfaction from Washington so far”.

“We do not go to the agreement with any intention to undermine our relations with the friendliest [sic] Trump administration,” Eskin noted. “However, unlike other US allies, we refused to join sanctions against Russia. Today Israel is much stronger and more independent state that our partners in Western Europe. We have our deep interests to further improve the relations with Russia”.

Unlikely Bedfellows: Iran is Also Seeking to Ink Free Trade Deal With EAEU

On 12 February The Times of Israel drew attention to the fact that Iran is “incidentally” due to ink a free trade agreement with the bloc in the near future. On 17 May 2018 Tehran struck an interim deal enabling the formation of a free trade area between the EAEU and the Islamic Republic. It is expected that Tehran will strike a full-fledged free trade agreement with the union within next three years.© AP Photo / Elizabeth DalzielIsraeli Foreign Ministry Says Talks With EAEU on Free Trade Deal Moving Forward

Here is the rub, according to the media outlet, as Tel Aviv is advocating the increase in pressure on the Islamic Republic — Israel’s longstanding geopolitical rival in the region. “The State of Israel supports increasing the economic pressure on Iran so that it will change its behaviour,” an unnamed Israeli official told the newspaper.Two questions then arise: First, whether Iran’s participation in the EAEU endeavour could reduce the negative effect of sanctions imposed on Iran by Donald Trump’s following Washington’s pull-out from the Joint Comprehensive Plan of Action (JCPOA); second, whether all these could affect Tel Aviv’s determination to sign the FTA with the bloc.

“Israel is working on the framework which will put us in the position where some conflicts of interests may appear. This is being discussed,” Eskin responded commenting on the matter.

According to the Israeli publicist, Washington’s unilateral sanctions “work perfectly”. He noted that many European businesses had already fled Iran because of Trump’s sanctions, despite the fact that the EU continues to adhere to the JCPOA.

National flags of the Eurasian Economic Union Countries

© Sputnik / Tabyldy KadyrbekovNew Opportunities Open Up as Eurasian Economic Union Strikes Trade Deals With Iran, China

“There will be no substance to any deal with Iran now”, he opined. “Hopefully, the picture will change soon and Iran will become a friend and a partner of Israel again”.In the beginning of February 2019, the UK, Germany, France announced the creation of the INSTEX (Instrument for Supporting Trade Exchanges), a special purpose vehicle (SPV) to allow trade with Iran amid the US sanctions.

However, as Iranian Foreign Minister Mohammad Javad Zarif remarked on 17 February, the EU’s current efforts are insufficient to maintain the JCPOA. “INSTEX falls short of commitments by the E3 [France, Germany, and Britain] to save the nuclear deal,” Zarif stated at the Munich Security Conference.

Meanwhile, international players are signalling their willingness to bolster ties with the EAEU. Vietnam signed a free trade agreement with the bloc in 2015. China inked a trade and economic cooperation agreement with the EAEU on 17 May 2018, while Iran, Egypt, Singapore, Israel and India are considering joining the union’s economic initiatives in foreseeable future.

In addition, on 14 November 2018, Tigran Sargsyan, the chairman of the board of the Eurasian Economic Commission (EEC) and Secretary General of the Association of Southeast Asian Nations (ASEAN) Lim Jock Hoi signed a memorandum of understanding between the EEC and ASEAN in Singapore.

The EAEU is comprised of Russia, Belarus, Kazakhstan, Kyrgyzstan and Armenia and is designed to encourage regional economic integration and ensure the free movement of goods, services, and capital between member states.

The views and opinions expressed by the speaker and the contributor do not necessarily reflect those of Sputnik.

Syrian Authorities Find Israeli-Made Weapons Left Behind By Terrorists

Filed under: Senza Categoria — mirabilissimo100 @ 3:47 am

Syrian Authorities Find Israeli-Made Weapons Left Behind By Terrorists – PHOTOS

SYRIA NEWS

Last updated Feb 19, 2019

The Syrian authorities on Monday found large quantities of weapons and ammunition including US and Israeli-made rockets in Damascus Countryside.

A source told SANA that while the engineering units were combing areas liberated from terrorism in Damascus Countryside, the authorities found US and Israeli-made rockets, in addition to large quantities of ammunition, shells and various types of medium and light weapons hidden in underground warehouses.

The source said the confiscated munitions included large amounts of medium-size machine gun rounds, rifles, tank and artillery rounds, in addition to hundreds of Grad rockets and a large number of US made anti-tank missiles and Israeli 128 mm rockets.

The source added that the authorities also found large numbers of RPG rounds, cannons, Malyutka missiles and anti-tank shells.

Source: SANA

READ MORE

SIRIA: 800 MILIZIANI DELL’ISIS TORNERANNO IN EUROPA

Filed under: Senza Categoria — mirabilissimo100 @ 2:36 am

LA NUOVA BUSSOLA QUOTIDIANA.IT

18 FEBBRAIO 2019

Gianandrea Gaiani

Mezzi corazzati Usa in Siria

Trump agli europei: i foreign fighters sono roba vostra

Siria: gli 800 miliziani jihadisti, “foreign fighters” di nazionalità europea, prigionieri delle truppe americane e delle forze curde, potrebbero essere riconsegnati alla giustizia dei paesi di provenienza. L’ha annunciato Donald Trump con un tweet, dove ribadisce anche l’intenzione del ritiro “dopo la vittoria al 100%” sul Califfato. Silenzio europeo.

Un Donald Trump sempre più autoreferenziale prima annuncia con un tweet di aver conseguito la “vittoria al 100 per cento” contro lo Stato Islamico in Siria, poi il ritiro delle truppe Usa dal paese mediorientale e infine “invita” gli europei ad accogliere e processare gli 800 miliziani jihadisti, “foreign fighters” di nazionalità europea prigionieri delle truppe americane e delle forze curde. Il presidente Usa ha infatti chiesto “a Gran Bretagna, Francia, Germania e agli altri alleati europei di riprendersi oltre 800 combattenti dell’Isis catturati in Siria e che li processino”:

L’alternativa a non prendersi in carico gli ultimi jihadisti – prosegue Trump su Twitter con una velata minaccia – “non è tanto buona in quanto saremo costretti a rimetterli in libertà. Gli Usa non vogliono vedere che questi miliziani Isis entrino in Europa, dove prevedibilmente cercheranno di andare”. Trump non ha risparmiato la solita predica circa le tante cose importanti che gli Usa fanno per noi europei: (Noi americani) facciamo così tanto, e spendiamo così tanto ma ora è arrivato il momento che altri si facciano avanti e facciano quello che sono capaci di fare”.

Non sono ancora giunte risposte dall’Europa ma è certo che nessuno Stato del Vecchio Continente sia entusiasta di riportare a casa i propri foreign fighters e altri prigionieri dello Stato Islamico: soggetti pericolosi che vanno processati e molto probabilmente condannati, ma a un numero di anni carcere tutto sommato limitato, a seconda dei sistemi giudiziari dei singoli Stati. Non è un mistero che in Francia stanno tornando in libertà jihadisti condannati non molti anni fa per terrorismo e fiancheggiamento del terrorismo. Nel dicembre 2017 il ministro della Difesa britannico Gavin Williamson disse senza peli sulla lingua che “i combattenti dell’Isis di nazionalità britannica vanno individuati ed uccisi: non deve essere consentito loro di tornare in Patria. Penso che un terrorista morto non possa arrecare alcun danno alla Gran Bretagna. Dovremmo fare il possibile per distruggere ed eliminare quella minaccia. Dobbiamo continuare a dar loro la caccia far sì che non esista per loro alcun porto sicuro, che non possano andare in altri Paesi a predicare il loro odio, a predicare il loro culto della morte”.

L’Unione Europea ha finora detto più volte di voler “recuperare alla società” i foreign fighters, come ha sottolineato anche il coordinatore Ue per l’antiterrorismo Gilles De Kerchove, ma sarà curioso vedere quali reazioni politiche determinerà l’iniziativa di Trump. Di certo le truppe statunitensi non elimineranno i prigionieri e i curdi hanno già fatto sapere che non intendono mantenere a vita questi miliziani. La polemica sui prigionieri si aggiunge a quella sul ritiro delle truppe Usa dalla Siria, giudicato troppo frettoloso da molti generali al Pentagono. “Il Califfato è prossimo a cadere e i soldati americani si apprestano a ritirarsi dalla Siria dopo una vittoria al 100 per cento sul Califfato” ha detto Trump dopo la battaglia nell’ultima roccaforte dell’Isis in Siria, a Baghouz.

Jospeh Votel, il generale alla guida del Comando centrale Usa (Centcom),responsabile delle forze della Coalizione che combatte lo Stato Islamico, si è dichiarato apertamente in disaccordo con la decisione del presidente. In un’intervista alla Cnn, Votel ha sottolineato che l’Iran è la maggiore minaccia per la pace in Medio Oriente mentre “eliminare il Califfato non è abbastanza per la sconfitta dell’Isis. Non avrei suggerito al presidente il ritiro” ha detto Votel. Di certo le iniziative di Washington hanno dato il destro al presidente siriano Bashar Assad per avvertire le fazioni che “scommettono” sugli Stati Uniti che Washington non le proteggerà più. Un riferimento, neppure tanto velato, ai curdi delle Forze Democratiche Siriane (formate dalle Unità di Protezione del popolo curdo, Ypg, a cui si aggiungono milizie arabe), principali alleati degli Usa nella lotta all’ Isis in Siria (e prima in Iraq) che potrebbero subire un duro contraccolpo dal ritiro dei soldati statunitensi.

“A questi gruppi che scommettono sugli americani diciamo che non vi proteggeranno più” – ha detto Assad in una dichiarazione trasmessa sulla tv pubblica. “Gli americani non vi metteranno nel loro cuore o tra le loro braccia. Vi metteranno in una tasca per essere uno strumento di scambio”. Le forze curde oggi controllano circa il 30 per cento del territorio siriano (ben oltre la regione abitata in maggioranza da curdi) ma dopo il ritiro degli Usa dovranno fare i conti con la pretesa di Damasco di riassumere il controllo degli ampi territori orientali ricchi di gas e petrolio, oltre che con le minacce provenienti dalla Turchia. Con la mediazione di Mosca i curdi hanno già avviato un riavvicinamento con Damasco e stanno cercando di negoziare una soluzione politica per preservare la loro semi-autonomia.

GLI USA CHIEDONO ALL’EUROPA DI PRENDERSI GLI 800 MEMBRI DELL’ISIS DA LORO CATTURATI

Filed under: Senza Categoria — mirabilissimo100 @ 2:04 am

TEMPI

LA REDAZIONE

18 FEBBRAIO 2019

Cosa fare dei “reduci dell’Isis” che tornano in Europa? «Serve una Norimberga europea»

Sono 129 i terroristi partiti o legati all’Italia e di questi solo 13 sono già ritornati, mentre in altri paesi il numero dei rientrati raggiunge già il 50%. «Il nostro Paese ha una delle percentuali di decessi più alta»

Ci ha pensato Donald Trump a infiammare il dibattito sui foreign fighters, che negli ultimi giorni era già stato riacceso dalla cronaca: «Gli Stati Uniti stanno chiedendo a Gran Bretagna, Francia, Germania e ad altri alleati europei di prendersi indietro più di 800 combattenti dell’Isis che abbiamo catturato in Siria e processato. Non vogliamo vedere questi combattenti dell’Isis spargersi per l’Europa. Noi abbiamo fatto così tanto e speso così tanto. È il momento che intervengano gli altri e facciano il lavoro che sono così capaci di fare. Noi ci ritiriamo dopo la vittoria al 100% sul Califfato».

«L’ITALIA HA PIÙ MORTI DEGLI ALTRI PAESI»

Sono 129 i terroristi partiti o legati all’Italia e di questi solo 13 sono già ritornati mentre in altri paesi, come Francia o Belgio, il numero dei rientrati raggiunge già il 50 per cento dei partiti. Secondo Lorenzo Vidino, della George Washington University ed ex coordinatore della Commissione italiana per lo studio della radicalizzazione, i bassi numeri nostrani sono dovuti al fatto che «il nostro Paese ha una delle percentuali di decessi più alta».

I miliziani partiti dall’Italia, spesso a causa della giovane età, non sono infatti stati addestrati a dovere e soprattutto, spiega il Corriere, «non hanno quasi mai occupato posizioni importanti nei ranghi del Califfato». Di conseguenza, sono spesso stati usati al fronte e «non sono riusciti a salvarsi da ferite, raid, regolamenti di conti o da fame e malattie».

IN ITALIA GIÀ 242 SOGGETTI A RISCHIO

Lo Stato siriano non vuole processare i terroristi stranieri e così gli Stati Uniti hanno chiesto all’Europa di riprenderseli. Al momento risultano tre italiani in Siria, tra i quali Samir Bougana e due donne, di cui una è Meriem Rehaily, padovana 23enne che nel Califfato ha avuto due figli. Altri però potrebbero riemergere dalle macerie della guerra.

Nel caso venissero rimpatriati, i foreign fighter sarebbero destinati ad almeno dieci anni di carcere in strutture di sicurezza, per evitare che radicalizzino altri detenuti. In Italia, scrive ancora il Corriere riprendendo i dati del Dap, «sono già 242 i soggetti considerati a rischio, divisi nelle quattro carceri di Bancali (Sassari), Nuoro, Rossano Calabro (Cosenza) e Asti.

«SERVE UN TRIBUNALE DI NORIMBERGA EUROPEO»

Processare i terroristi islamici partiti per unirsi all’Isis e che ora vogliono tornare a casa perché il Califfato è stato spazzato via (anche se non sembrano affatto pentiti), non è però così semplice. Spiega Gian Micalessin sul Giornale:

«Le nazioni europee non hanno nessuna voglia di riprenderseli, sia per la mancanza degli strumenti legislativi indispensabili per giudicarli, sia per l’impossibilità di organizzare dei tribunali speciali in grado di comminare condanne esemplari a chi si è reso complice degli orrori dello Stato Islamico. In questa condizione la consegna degli 800 terroristi rischia di rivelarsi estremamente controproducente. L’unica soluzione è allestire una sorta di nuovo Tribunale di Norimberga su base europea. Prima ancora di giudicare e condannare i colpevoli degli orrori dell’Isis è necessario interrogarli a fondo per far luce sulle cellule con cui collaboravano e individuare i complici che possono esser nel frattempo rientrati in Europa. Solo così potremo dire di aver vinto la guerra all’Isis, ripulito le città europee e aver reso giustizia a chi è caduto sotto i colpi di quei fanatici».

Hezbollah: Conferenza di Varsavia riflette paura israeliana verso Iran

Filed under: Senza Categoria — mirabilissimo100 @ 1:52 am

IL FARO SUL MONDO.IT

19 FEBBRAIO 2019

Hezbollah

La tanto attesa Conferenza di Varsavia ha lasciando uno strascico di polemiche tra le varie Cancellerie del mondo. A tal proposito, il vice capo del consiglio esecutivo di Hezbollah, Sheikh Ali Daamoush, ha sottolineato che i concetti della Conferenza di Varsavia rappresentano una nuova cospirazione contro l’Iran, “il cui potere militare e il sostegno alla causa palestinese spaventano l’entità sionista“.

Lo sceicco Daamoush ha aggiunto che la conferenza è stata una cassa di risonanza araba statunitense con i funzionari israeliani, al fine di sostenere la politica di normalizzazione a spese della causa palestinese, sottolineando che gli obiettivi di Varsavia non saranno mai raggiunti.

Sheikh Ali Daamoush, ha anche evidenziato il ruolo della Resistenza di Hezbollah nella protezione del Libano dall’aggressione sionista, salutando la sacra formula di Esercito-Popolo-Resistenza.

il vice capo del consiglio esecutivo della Resistenza libanese ha anche sottolineato l’atteggiamento di Hezbollah nel trattare la corruzione in Libano, aggiungendo che tutti i preparativi sono stati fatti per portare a termine questa missione.

Il fallimento della Conferenza di Varsavia

La Conferenza di Varsavia, iniziata mercoledì scorso nella capitale polacca ha visto la partecipazione di sessanta governi e alti livelli di diserzione, nonostante i vasti tentativi di Washington di organizzare un vertice onnicomprensivo per promuovere “Pace e sicurezza in Medio Oriente”, ma con l’obiettivo principale anti-Iran, definito la principale minaccia del Medio Oriente. L’incontro, totalmente fallimentare,  ha riunito una serie di monarchi del Golfo e altri arci-nemici di Teheran, tra cui Mike Pence, Mike Pompeo e il Primo Ministro israeliano, Benjamin Netatnyahu.

di Redazione

VENEZUELA: GLI USA BLOCCANO L’INVIO DI MEDICINALI

Filed under: Senza Categoria — mirabilissimo100 @ 1:47 am

CONTROINFORMAZIONE.INFO

18 FEBBRAIO 2019

Dr.a Antonieta Caporale Medico e dirigente sanitario

COME GLI USA BLOCCANO INVIO DI MEDICINALI AL VENEZUELA PER COSTRINGERE IL PAESE ALLA RESA

Caracas, 18 febbraio . L’ex ministro della Sanità venezuelano e ora consigliere dell’Università dell’America Latina e dei Caraibi, Antonieta Caporale, ha rilasciato un’intervista esclusiva dettagliata al corrispondente speciale dell’Agenzia di stampa federale (FAN) a Caracas.

Originaria di Caracas, Antonieta Caporale, lavora come medico dal 1992, subito dopo la laurea presso l’Università Centrale del Venezuela, dove ha ricevuto la sua specializzazione di ostetrico-ginecologo. Ha inoltre ricevuto un’ulteriore formazione: specialista nella gestione dei servizi sanitari e dell’amministrazione ospedaliera e specialista in diritto internazionale e diritti umani. Attualmente sta preparando una tesi di dottorato per la difesa nel campo del diritto internazionale pubblico. Ministro della Salute del Venezuela nel 2016-2017. Ha insegnato all’Università Centrale del Venezuela. Ha lavorato come capo-medico di molti ospedali, tra cui il Concepcion Palacios Maternity Hospital e l’Ospedale universitario di Caracas. Attualmente lavora come consulente presso l’Università dei paesi dell’America Latina e dei Caraibi.
-Dr.a Caporale, Che sta succedendo con le medicine nel paese adesso ?

Il presidente Chavez aveva iniziato a sviluppare il settore sanitario e il presidente Maduro ha continuato questo sviluppo. Questo si riflette nel fatto che un tempo c’erano solo 5.000 centri ambulatoriali nel paese, e sotto il governo di Chávez, il loro numero è aumentato a 24.000. Il numero di medici ha raggiunto 27 mila. Naturalmente, le grandi case farmaceutiche e i loro proprietari esteri stanno cercando di influenzare la coscienza delle persone attraverso i mass media. Hanno intrapreso attacchi di informazione principalmente su pazienti affetti da cancro, pazienti con malattie cardiovascolari e pazienti con lesioni traumatiche. Al momento, i tentativi dell’opposizione di impedire in qualche modo gli acquisti di medicinali non si fermano. Nel 2017, Donald Trump ha firmato un decreto che dichiara che tutte le società che hanno conti negli Stati Uniti non possono condurre transazioni finanziarie con il Venezuela. Ciò ha portato al fatto che, ad esempio, la Colombia, che già aveva firmato contratti per la fornitura di medicinali contro la malaria, li annulla per ordine del presidente Santos il 3.11.2017. Intendo BSM Medical, il contratto è stato risolto nel 2017.

Nel mese di novembre 2017, il presidente Maduro ha annunciato che quasi 300.000 dosi di insulina più le medicine necessarie per i bambini malati di cancro, la cui fornitura era stata precedentemente concordata con le società Baxter, Abbott e Pfazer, non entreranno nel paese perché Citybank si è rifiutata di servire questo contratto e si è bloccato deposito. Di conseguenza, le vite di migliaia di pazienti sono state messe in pericolo. Anche gli appalti per la missione Barrio Adentro per $ 4 miliardi sono stati congelati da Citybank e Euroclear Bank.
Questo significa, blocco delle forniture di medicinali – questa non è finzione.

Voglio dire che c’è un blocco, un blocco intenso, direi addirittura un blocco satanico. È diretto non solo contro il governo, ma anche contro quelle aziende che vogliono cooperare con il governo per aiutare il popolo del Venezuela. Questa guerra è diretta sia contro il presidente sia per prendere le risorse del paese. Ad esempio, la Colombia, a giudicare dai rapporti dei media occidentali, è ora “pronta a fornire assistenza al Venezuela”. Ma in Colombia non esiste una medicina gratuita. Che tipo di aiuto possono darci quando i colombiani stanno morendo perché non hanno i soldi per comprare la medicina giusta. E quelli che decidono di non morire, vanno dalla parte venezuelana per ricevere cure mediche gratuite, il che è garantito da tutta la nostra costituzione. 
Sì, All’inizio hanno cercato di disturbare in qualche modo il nostro sistema sanitario, inducendoli a distribuire cibo e medicine. Quando è diventato chiaro che queste misure non erano sufficienti, hanno deciso di introdurre un blocco economico del paese. Ma il Venezuela, nonostante tutte le difficoltà, continua a pagare le bollette che devono essere pagate. E poi, nonostante il fatto che il Venezuela stia pagando nonostante tutte le difficoltà, ricorre a trucchi del genere per abbassare il rating del Paese e dichiarare il Venezuela un paese con un “alto rischio” per le imprese. quale dovrebbe E poi, nonostante il fatto che il Venezuela stia pagando nonostante tutte le difficoltà, ricorre a trucchi del genere per abbassare il rating del Paese e dichiarare il Venezuela un paese con un “alto rischio” per le imprese. quale dovrebbe E poi, nonostante il fatto che il Venezuela stia pagando nonostante tutte le difficoltà, ricorre a trucchi del genere per abbassare il rating del Paese e dichiarare il Venezuela un paese con un “alto rischio” per le imprese.

-Quali gruppi della popolazione sono i primi a essere colpiti dal blocco economico del Venezuela ?

Non c’è un gruppo che è più colpito da queste sanzioni. Le sanzioni sono dirette contro l’intera popolazione del Venezuela. Il Venezuela è un paese del mondo e il blocco economico non è solo un blocco, è una guerra, principalmente una guerra psicologica. Pertanto, tutte queste sanzioni sono dirette contro l’intera popolazione. Stiamo cercando di condurre un lavoro esplicativo tra la popolazione. Ma capiamo anche che questi paesi non sono l’intera popolazione del mondo, che ci sono altri punti di vista.

-In che modo il governo tenta di eludere le sanzioni e si impegna a fornire alla popolazione le medicine?

Speriamo per il sostegno di quei paesi che sono nostri amici. Oggi, il presidente Maduro ha annunciato in televisione che il Venezuela ha ricevuto 833 tonnellate di medicinali da paesi amici, come Russia, Cuba e Cina. Naturalmente, gli Stati Uniti stanno cercando di mantenere la posizione dell’egemone nel mondo e continuano a decidere per gli altri paesi cosa è buono per loro e cosa è male per loro. 
Voglio sottolineare che sempre e in qualsiasi paese i gruppi più vulnerabili sono poveri, gli indios, persone con malattie croniche e persone con disabilità. Ma Chavez ha svegliato il popolo del Venezuela e il popolo del Venezuela, che sono un popolo pacifico, fortemente a favore dell’eliminazione del blocco esterno. Nessun altro riderà e svilirà la nostra dignità fino dal 1999. Stiamo risolutamente combattendo per il nostro diritto alla salute, per il diritto alla libertà, per l’uguaglianza, per il diritto al lavoro e per i nostri vecchi avere il diritto a una vecchiaia dignitosa.  

Nota: Mentre la massiccia propaganda dei media in Occidente tenta di far credere che tutte le difficoltà della popolazione del Venezuela siano dovute soltanto al regime di Maduro, si nasconde il fatto che il blocco economico imposto dagli USA sul paese latino americano sta causando gravissime conseguenze sulle persone più deboli ed indifese, bambini, malati ed anziani che soccombono per mancanza di medicinali e di generi di prima necessità.

L’Imperialismo USA, quando deve piegare un paese, ricorre alla tattica di strangolare economicamante e prendere per fame e malattie la popolazione in modo da creare rivolte nella popolazione. Una tattica infame già sperimentata da Washington in altri paesi e che adesso viene sperimentata in Venezuella.

VENEZUELA: NON C’E’ CRISI UMANITARIA

Filed under: Senza Categoria — mirabilissimo100 @ 1:18 am

AURORASITO

19 02 2019

Dati che smentiscono la “crisi umanitaria” in Venezuela

19 Febbraio 2019

da aurorasito

Mision Verdad 17 febbraio 2019

L’annuncio dell’ingresso di “aiuti umanitari” dagli Stati Uniti da Colombia e Brasile, valutati 20 milioni di dollari, risibili in contrasto col danno causato dall’assedio finanziario, pari a 30 miliardi di dollari, non riescono ad egemonizzare l’opinione pubblica, soprattutto a causa delle minacce d’intervento militare colate furtivamente dalla Casa Bianca, ma anche perché i dati reali sulla situazione politica ed economica venezuelana non sono in sintonia con quelli delle nazioni che soffrono di profondi scempi sociali. La crisi umanitaria è una categoria di diritto umanitario internazionale, che fa riferimento a disastri naturali e conflitti ad alta densità fornendo aiuti transnazionali da governi e organizzazioni internazionali, argomento per intervenire nelle decisioni che riguardano gli Stati, violandone la sovranità. Haiti, Somalia e Sud Sudan sono i precedenti del Venezuela, attuale obiettivo delle crociate umanitarie. L’Organizzazione delle Nazioni Unite definisce che, per esistere un’emergenza di questa natura, violenze, fame e malattie devono colpire milioni di persone senza che lo Stato possa esercitarvi un controllo efficace. Yemen, Libia, Iraq, Siria, Repubblica Democratica del Congo, Ucraina, sono alcuni Paesi che l’Agenzia delle Nazioni Unite per i Rifugiati (UNHCR) considerava i più critici nel 2018 perché immersi in crisi sociali complesse e prolungate. Le guerre che le colpiscono aumentano crisi alimentari, epidemie, profughi interni e migrazioni forzate. In questo senso, le caratteristiche specifiche si ripetono in queste regioni di Africa, Asia ed Europa orientale, mentre in Venezuela non accadono o sono assai meno intense.

Insicurezza alimentare indotta e controffensiva di CLAP
Dal 2016, la storia della “crisi umanitaria” cominciò a essere spacciata dall’Assemblea nazionale, tribuna dell’opposizione e nell’Organizzazione degli Stati americani (OAS) con Luis Almagro a capo dell’operazione, anticipando che gli effetti del decreto Obama e la sua ratifica da parte del presidente Donald Trump avrebbero afflitto la vita quotidiana della popolazione. Il deterioramento delle condizioni economiche nella popolazione venezuelana a seguito delle violente aggressioni economiche, che hanno anche incoraggiato la proliferazione dell’economia parallela e della speculazione, è innegabile, ma non c’è ancora alcun punto di confronto coi veri crolli strutturali nelle regioni asiatiche e africane. Gli ultimi rapporti della FAO stimano che tra il 2016 e il 2018 si registrava un aumento dell’11% della denutrizione, insufficiente a aggiungere e emergenze alimentari subite dai Paesi subsahariani, dove la percentuale di persone denutrite è pari al 30% del totale popolazione Il boicottaggio premeditato dell’industria privata per fare pressione economica, insieme all’attacco alla moneta da parte delle mafie dei cambio, peggiorava l’accesso del cittadino comune ai prodotti essenziali del paniere di base. Allo stesso tempo, le sanzioni finanziarie applicate alla Banca Centrale del Venezuela e alla PDVSA, limitavano la capacità del governo venezuelano di manovrare per rispondere alla precarizzazione del cibo. Ma la politica di distribuzione del cibo a prezzi agevolati, che lo Stato venezuelano articola attraverso il CLAP, ha in gran parte contenuto gli effetti di tali aggressioni dirette alla popolazione. L’attacco e il discredito internazionale a una struttura che attualmente garantisce cibo di base a più di 6 milioni di famiglie, riafferma le intenzioni di strumentalizzare la storia della carestia come elemento della presunta “crisi umanitaria” in Venezuela, destinata a giustificare un intervento. Non dimentichiamo che l’anno scorso il governo della Colombia, sotto la tutela del dipartimento di Stato degli Stati Uniti, impediva l’ingresso di oltre 25000 scatole di cibo CLAP, mentre le banche internazionali ostacolavano il pagamento di altri 18 milioni, forzando il Paese a triangolare coi paesi alleati per evitare il blocco.

Conseguenze delle aggressioni finanziarie nella sanità pubblica
Più critico fu il sabotaggio nell’acquisizione di forniture mediche per spezzare i servizi di emergenza ospedaliera. Le condizioni deteriorate dei centri di benessere, hanno anche come principale innesco l’ordine esecutivo firmato da Donald Trump nell’agosto del 2017. Ai fenomeni nazionali dell’accaparramento della medicine, all’aumento dei prezzi e del contrabbando che distraggono risorse, si aggiungono gli impedimenti internazionali per importare medicamenti, come il rifiuto di Citibank di ricevere il pagamento per l’acquisto di 300mila dosi di insulina, l’ostruzione in Colombia di una spedizione con farmaci anti-malaria dopo la ripresa di tale malattia che era stata sradicata, o il recente blocco da parte della Spagna di una spedizione via compagnia aerea Iberia di 200mila unità di medicinali per malattie croniche, acquistate in Qatar. Ora, la controffensiva venezuelana compensa nuovamente le gravi conseguenze di tali attacchi molteplici. L’attivazione del piano vaccinale nazionale gratuito del 2018, col supporto dell’Organizzazione mondiale della sanità e dei rappresentanti dei medici cubani, ne è un esempio. Nei mesi di aprile e maggio fu sviluppato un processo di vaccinazione con oltre 11 milioni di dosi, per un totale di 9 milioni di beneficiari. Tra le malattie incluse, c’erano difterite, tubercolosi, malaria, epatite 

B, poliomielite, morbillo e tetano. L’arrivo della nave ospedale cinese “Ark of Peace” nel settembre 2018, è un altro elemento da valutare quando il governo viene accusato della situazione ospedaliera. Questa nave arrivava nei porti venezuelani con 120 medici, 8 sale operatorie, 300 posti letto ospedalieri e circa 2666 dispositivi medici per fornire assistenza specializzata. L’attività era coordinata tra Cina e Venezuela. A differenza degli Stati che hanno perso la capacità di esercitare il controllo sul territori e in caso di guerra o disastri naturali non possono gestire le soluzioni alle crisi sanitarie che ne derivano, il Venezuela poté stabilire partnership con Paesi e agenzie organizzazioni internazionali per mitigare i danni alla salute della popolazione.

Dislocamenti interni e rifugiati: cifre verificabili
Una caratteristica elementare dei Paesi con crisi umanitarie è l’espulsione forzata interna e verso altri Paesi, per proteggersi dagli scontri violenti. Nel rapporto annuale del 2018, l’UNHCR specificava che i due terzi dei 68 milioni di sfollati per guerre e conflitti provengono da cinque Paesi: Siria, Afghanistan, Sud Sudan, Myanmar e Somalia. D’altra parte, la Colombia ha 7,7 milioni di vittime del conflitto profughe nel territorio nazionale, essendo il Paese latinoamericano coi maggiori sfollati interni. D’altra parte, in Venezuela non si registrano spostamenti forzati nel Paese, ma l’uso decontestualizzato di dati su migrazioni e rifugiati da parte dei media internazionali è ampiamente documentato, rivendicando l’attenzione a una crisi migratoria, sebbene non corrispondenti a profughi causati da scontri bellici. I dati pubblicati da diverse iniziative per caratterizzare l’”esodo venezuelano” come un problema che minaccia la sicurezza internazionale, variano di numero e confondono migranti e rifugiati. La verità è che le ragioni della migrazione venezuelana sono fondamentalmente economiche (esacerbate dalle campagne dei media) e salirono alle stelle nel 2017, quando il blocco finanziario contro il Paese si intensificò. Attualmente 12750 persone emigrate per migliorare lo status economico sono tornate col Piano Ritorno in Patria, un programma implementato per rimpatriare le vittime venezuelane di sfruttamento del lavoro, xenofobia e tratta di persone.

Attori e elementi che smentiscono la “crisi umanitaria”
Lo Stato venezuelano mantiene l’articolazione con attori statali e non statali per proteggere i programmi sociali, a condizione che il sostegno non sia condizionato. Nella riunione tenutasi con FAO ed UNICEF a metà gennaio, nel quadro dell’invito della presidenza a cui parteciparono le Nazioni Unite, furono firmati accordi relativi ai programmi di alimentazione scolastica, istruzione completa ed agricoltura urbana. Allo stesso modo, i membri del Comitato Internazionale della Croce Rossa (ICRC) parteciparono insieme alla Vicepresidenza e al Ministero della Salute, nella valutazione dei meccanismi di cooperazione per rafforzare l’area medica, dopo che in precedenza, il presidente della Croce Rossa Christoph Harnisch avvertiva della natura politica dell’operazione che vuole attivarsi al confine con la Colombia, dichiarando di non partecipare a ciò che non considerava aiuti umanitari. Il Ministro della Salute Carlos Alvarado annunciò l’ingresso di 18 milioni di forniture mediche, in gran parte derivanti cogli accordi stabiliti con Cuba e Cina, alcune acquistate direttamente sul mercato internazionale che non ostacolava i pagamenti e altre attraverso fondi rotativi e la Pan American Health Organization. La gestione diretta delle istituzioni venezuelane impedisce a Washington azioni coordinate per provocare una crisi umanitaria che promuova l’imminente caduta delle strutture che mantengono l’ordine politico del paese. Vale a dire: lo Stato e il Chavismo. Riconoscendo gli organismi paralleli come legittimi e finanziandoli, gli Stati Uniti negano all’autorità politica del governo nazionale di agire come massimo rappresentante del Paese nel risolvere i problemi. Così, denunciano che il Venezuela non accetta “aiuti umanitari”, mentre ignorano gli sforzi multilaterali per garantire la stabilità sociale. Perché una soluzione diplomatica minaccia le variabili che hanno prodotto per giustificare l’ingresso militare nel territorio come presunto “aiuto umanitario”.

Traduzione di Alessandro Lattanzio

SIRIA: SCOPERTI A DAMASCO ARMI USA E ISRAELIANE IN DOTAZIONE AI RIBELLI

Filed under: Senza Categoria — mirabilissimo100 @ 12:49 am

L’ANTIDIPLOMATICO.IT

19 02 2019

FONTE SANA

Che non si ripeta in Venezuela! Ennesima scoperta di armi di USA e Israele a Damasco in dotazione ai “ribelli”

Le autorità siriane hanno scoperto grandi quantità di armi e munizioni prodotte dagli Stati Uniti e da Israele nella provincia di Damasco. Non è primo del genere e molto probabilmente non sarà neanche l’ultimo del genere.


VIDEO. Che non si ripeta in Venezuela! Ennesima scoperta di armi di USA e Israele a Damasco in dotazione ai ribelli


Al fine di ripristinare la normalità nelle zone liberate del terrorismo e proteggere la vita della popolazione, le autorità siriane, con l’aiuto dell’esercito, continuano i loro sforzi per rimuovere le tracce di armi abbandonate dai terroristi.Durante il processo di pulizia delle aree liberate dalla presenza dei terroristi nella campagna di Damasco, le autorità siriane hanno trovato nascosti in depositi sotterranei razzi e vari tipi di medi e leggeri armi con marchi dei produttori americani e israeliani, secondo quanto ha riportato una fonte all’Agenzia SANA.La stessa fonte, ha aggiunto che sono stati trovati grandi quantità di munizioni, proiettili di mitragliatrice di medie dimensioni, fucili, proiettili, artiglieria e centinaia di razzi Grad, così come molti missili anticarro anche di fabbricazione americana e razzi israeliani di 128 mm. Inoltre hanno trovato un numero imprecisato di razzi RPG, cannoni, missili e missili anticarro Malyutka.
 
L’esercito siriano ha sequestrato in molti operazioni armi, medicine e cibo con marchi che indicavano la loro origine statunitense o israeliana. È anche noto che sia gli Stati Uniti così come Israele hanno fornito supporto a terroristi e “ribelli” dall’inizio della crisi in Siria nel 2011.

VIDEO

https://www.lantidiplomatico.it/dettnews-video_che_non_si_ripeta_in_venezuela_ennesima_scoperta_di_armi_di_usa_e_israele_a_damasco_in_dotazione_ai_ribelli/82_27244/

Older Posts »