Mirabilissimo100’s Weblog

novembre 21, 2019

Bolivia’s U.S.-Backed Coup Government Has Given The Military A License To Kill Protestors

Filed under: bolivia, golpe, POLITCS, war — Tag:, , , , , , — mirabilissimo100 @ 7:11 pm

Il governo golpista della Bolivia aumenta i fondi per la repressione

 
 
*************************************************************************
 
FORT-RUSS.COM
 
18 11 2019
 
PAUL ANTONOPOULOS
 
 

The de facto and unelected president of Bolivia, Jeanine Áñez, signed a decree that exempts all military personnel from being criminally responsible, even in the cases of murder, in the midst of demonstrations against the coup d’etat that ousted democratically elected first Indigenous President of Bolivia, Evo Morales. Effectively, Bolivian security forces have a license to kill now.

Since the decree was signed last Thursday, it has inevitably caused controversy with demonstrators and social media users alike. And it very well should – it is a blatant U.S.-orchestrated coup against Morales who helped his country reduce unemployment, poverty and illiteracy by at least 50% from 2006 to 2018, and liberated his country from strangling neoliberal policies of the International Monetary Fund and World Bank.

The decree was immediately denounced by the Inter-American Commission on Human Rights (IACHR), by Morales, and by regional leaders such as the newly elected president of Argentina, Alberto Fernández.

Although the decree is dated November 14, it was only made public on Saturday, a day after an anti-government march of coca growers in the department of Cochabamba left at least nine dead and 115 injured, according to the Office of the Ombudsman. For its part, the United Nations High Commissioner, Michel Bachelet, has expressed concern about the growing violence in the Andean country and the actions taken by the unelected government.

There is “information that at least seventeen people have died in the context of the protests, including fourteen only in the last six days,” Bachelet said in a statement from Geneva, adding that “while the first deaths occurred as a result of violent clashes between rival protesters, the most recent seem to derive from an unnecessary or disproportionate use of force by police or military personnel.”

However, this should not even be the least bit surprising for the UN commissioner since the U.S. has a long history of violent regime change in Latin America. It was revealed in a report by the Gray Zone that at least six of the main coup plotters were alumni of the infamous School of the Americas (SOA) at Fort Benning, a notorious training center that since the times of the Cold War has orchestrated regime operations against anti-U.S. Latin American leaders. The report explained that “brutal regime change and reprisal operations from Haiti to Honduras have been carried out by SOA graduates, and some of the most bloodstained juntas in the region’s history have been run by the school’s alumni.” While U.S. President Donald Trump cheered on a “a significant moment for democracy in the Western Hemisphere,” the U.S.-trained Bolivian military have now killed at least 23 people, mostly Indigenous.

Although the U.S. espouses the endless mantra of ‘freedom and democracy’, it has continuously demonstrated, such as in Venezuela and Syria, that it is willing to move away from its ‘peaceful’ liberal ideology and utilize reactionary forces when its political and economic interests are under threat. Morales managed to re-found the country politically and economically by embracing the Multipolar World, where the U.S. is no longer the sole power in the world, by improving ties with China and Russia, and by nationalizing natural resources and strategic companies.

Evo Morales said during an interview in June 2016: “We had a beggar state in 2005. In the economic part everything was imposed by the International Monetary Fund. The Fund had its office in the Central Bank of Bolivia. The CIA was a parasite that had its offices in the National Palace. The U.S. military group had its own at the headquarters of the Armed Forces in the Great Barracks General Miraflores. When there was political conflict and the parties on the right fought, the United States ambassador was the godfather… We had an agreed democracy. Everything was pact. It was legal, but there was no legitimacy.”

Although Morales ran Bolivia, one of Latin America’s poorest countries, mostly uninterrupted for 13 years unlike Venezuela’s Nicolás Maduro and Brazil’s Lula, the discovery of massive amounts of lithium was a gamechanger. The precious resource is necessary to power all batteries, a demand that is ever increasing for our technological world.

Although Morales’ impressive records speaks for itself, as he never prioritized the indoctrination of the Bolivian military, the SOA-trained officers were able to remain dormant until called upon by the U.S. to conduct a coup in the South American country. Two days before the Gray Zone report, in a previous article I already made the argument that former Venezuelan President Hugo Chávez had radicalized and ideologized the military to the constitutional national ideology and built a people’s militia capable of defending the government from internal and external, which is why even to this day, Maduro has not been ousted in a coup despite endless U.S.-backed attempts. This is something Morales did not do, allowing the U.S. to gain a strong foothold in the Bolivian military.

Morales created the Anti-Imperialist Command School in 2016. Completing several courses related to the ideology of the Bolivarian Alliance of the Americas (ALBA), as well on geopolitics and imperialism, became the only way to become a Captain in the Bolivian military. However, this is only a recent initiative, that began a decade after he became president, not even nearly enough time for him to reform the military ideology, especially since he never expelled pro-U.S. officers from the military, opting to wait for their retirements.

And now that Áñez is running the country with the military’s blessing, the years of advancements in Indigenous rights and living standards made by Morales will surely be reversed, especially as she considers their culture to be “Satanic” that is not compatible with modern life and should remain in the mountains or swamplands. Áñez criticizes socialism and expresses her fear that one day Bolivia will become like “Cuba” – this is mostly influenced by her adherence to radical Christian Evangelicalism that believes socialism to be the work of the devil.

Guided by her Evangelical beliefs, she is now an ally of Evangelical Brazilian President Jair Bolsonaro, a staunch supporter of the Brazilian dictatorship and has said that “too bad the Brazilian cavalry was not as efficient as the American cavalry that exterminated the Indians,” in reference to the American Indian genocide. Supporting reactionary pro-U.S. forces in Latin America has always meant a contempt and hatred of the Indigenous people – and it has often been the Evangelicals that were used in Latin America alongside paramilitaries or coup plotters to carry out U.S. interests in this region.

Although Bolsonaro dreams of a Brazil that is purged of most of its native population, like what was achieved in the U.S., Áñez has begun her own U.S.-backed campaign against the Indigenous populations by already greenlighting the murder of Morales supporters, who are overwhelmingly Indigenous just as the population of Bolivia is.

Her license to kill has not just seen many Indigenous murdered, but it will mean we will continue to see the Indigenous being murdered by the Bolivian military as they continue their peaceful mass demonstrations in support of the exiled Morales.

Source: InfoBRICS

READ MORE

https://www.fort-russ.com/2019/11/bolivias-u-s-backed-coup-government-has-given-the-military-a-license-to-kill-protestors/

Dozens Killed In Bolivia Since Political Crisis Began

Filed under: bolivia, POLITCS, war — Tag:, , , , , — mirabilissimo100 @ 7:07 pm

 

Bolivia, la persecuzione golpista minaccia il Congresso

 
 
 
Il governo golpista della Bolivia aumenta i fondi per la repressione
 
 
***************************************************************************
 
FORT-RUSS.COM
 
19 11 2019
DRAGO BOSNIC
 
 
LA PAZ – At least a few dozen people have been killed, while more than 700 more have been injured in clashes since the beginning of the foreign-instigated political crisis in Bolivia,
 the Inter-American Commission on Human Rights informed on Saturday.
 
 

A presidential election was held in Bolivia on October 20. The country’s Supreme Electoral Court declared that incumbent President Evo Morales had won the vote. His main rival, former President Carlos Mesa, stated that he did not recognize Morales’ victory.

After the results of the election had been announced, protests and strikes erupted across the South American country. Morales declared a state of emergency and accused the opposition of attempting to stage a coup.

On November 10, Morales announced his resignation, branding the recent developments as a coup d’·tat. He stepped down following the demands of the country’s armed forces, opposition and trade unions. The protests in the country continued even after Morales’ resignation.

On November 12, Morales arrived in Mexico, accepting an offer of political asylum. Meanwhile, the second vice president of Bolivia’s Senate, Jeanine Anez, declared herself interim president. The country’s Constitutional Court confirmed the legality of the transfer of power.

To make matters worse, the de facto and unelected president of Bolivia, Jeanine Áñez, signed a decree that exempts all military personnel from being criminally responsible, even in the cases of murder, in the midst of demonstrations against the coup d’etat that ousted the democratically elected first Indigenous President of Bolivia, Evo Morales.

Effectively, Bolivian security forces have a license to kill the demonstrators now. Since the decree was signed last Thursday, it has inevitably caused controversy with demonstrators and social media users alike. And it very well should – it is a blatant U.S.-orchestrated coup against Morales who helped his country reduce unemployment, poverty and illiteracy by at least 50% from 2006 to 2018, and liberated his country from strangling neoliberal policies of the International Monetary Fund and World Bank.

READ MORE

https://www.fort-russ.com/2019/11/major-dozens-killed-in-bolivia-since-political-crisis-began/

novembre 14, 2019

BOLIVIA: UN GOLPE CHE FA PENSARE AL RITOTNO DELLE DITTATURE SUDAMERICANE DEL PASSATO

Filed under: bolivia, dittatura, golpe, politica — Tag:, , , , — mirabilissimo100 @ 6:53 am

11 settembre 1973 - Salvador Alliende esce dal palazzo presidenziale di Santiago del Cile preso di mira dall'aviazione golpista di Augusto Pinochet.

 
11 settembre 1973 – Salvador Alliende esce dal palazzo presidenziale di Santiago del Cile preso 
di mira dall’aviazione golpista di Augusto Pinochet.
 
***************************************************************************
PICCOLE NOTE. IL GIORNALE.IT
 
11 NOVEMBRE 2019

Riesce il colpo di Stato in Bolivia. Evo Morales si dimette, dopo giorni di proteste seguite alle contestate elezioni del mese scorso, che lo avevano confermato alla guida del Paese. Il golpe è riuscito grazie all’ammutinamento della polizia e dell’esercito, che hanno sostenuto la spinta della piazza.

Un golpe da manuale

A “suggerire” al Presidente di dimettersi è stato il Capo di Stato Maggiore, generale Williams Kaliman, al quale si è aggiunto il “suggerimento” del comandante generale della polizia, Vladimir Yuri Calderón. Un classico golpe sudamericano.

il Presidente deposto Evo Morales con il Gen. Williams Kaliman.

Da copione anche le dinamiche usate nell’occasione: come avvenuto in Ucraina, in Venezuela (dove ancora non è riuscito),  Egitto (riuscito) e altrove, basta fare di un’elezione un grimaldello per far saltare un sistema inviso.

All’esito del voto, basta contestarne il risultato con l’accusa di brogli, portare in piazza una massa critica e poi rifiutare via via ogni apertura del presidente eletto, al quale si inoltra un’unica richiesta: le sue dimissioni.

Anche Morales, come altri prima di lui, aveva provato in extremis la via delle aperture: dopo le contestate elezioni del mese scorso aveva ceduto alla piazza aprendo a nuove elezioni. Troppo tardi, la tagliola si era ormai chiusa: offerta rifiutata con contro-offerta non rifiutabile.

Il ruolo dell’Osa, primo golpe statistico

A dar man forte alla piazza ribollente era stata l’Osa (Organizzazione degli Stati sudamericani), da tempo piegata alle logiche neoliberiste, che aveva denunciato come “statisticamente improbabile” la vittoria di Morales alle ultime elezioni. Un golpe statistico.

Peraltro, una dettagliata e approfondita analisi resa pubblica da Mark Weisbrot, condirettore del Center for Economic and Policy Research, alla quale rimandiamo (cliccare qui), racconta invece di una elezione più che valida… Tant’é.

Interessante il fatto che due giornali mainstream come Corriere della Sera e Repubblica, peraltro non certo sostenitori di Morales (anzi), raccontino di una presidenza che aveva fatto bene.

Così Rocco Cotroneo sul Corriere dell’11 novembre: “Morales non è stato un cattivo presidente […] la Bolivia gode di una crescita economica molto solida da anni e di una riduzione significativa della povertà”.

Sulla stessa linea Daniele Mastrogiacomo sulla Repubblica dello stesso giorno: “L’ex segretario del sindacato dei cocaleros ha governato bene. La Bolivia è cresciuta, ha un’economia solida, una difesa ambientale invidiabile”.

Ritorno all’oscurità

Dopo l’uscita di scena di Morales sono state arrestate figure invise alla piazza, incendiate le loro case e diramato un mandato di arresto contro l’ormai ex presidente.

La destra si è scatenata e dato che Morales gode di un supporto ampio tra la popolazione, per lo più i poveri, il rischio che si inneschino spirali violente è alto.

Si paventa il ritorno alle dittature sudamericane create dagli Stati Uniti, la cui mano è evidente in quanto sta avvenendo in Bolivia.

Dopo la repressione cilena contro i manifestanti che protestavano contro il carovita, i cui “eccessi” sono stati ammessi dallo stesso presidente Sebastián Pineira che l’ha ordinata, l’onda oscura ha travolto anche la Bolivia.

Resta il Venezuela, che ancora resiste a spinte similari. Ma ora che è caduto Morales il presidente Maduro è più solo.

Morales è, o meglio era, il più stretto alleato che aveva nel continente. Tanto che, quando forte spirava il vento del golpe venezuelano, i media che lo alimentavano spiegavano che dopo il Venezuela sarebbe stata la volta della Bolivia. Previsione auto-avverata.

Ora la destra sud-americana (dove americana va letto in senso ampio) potrà mettere le mani liberamente sulla cocaina boliviana, fonte di denaro oscuro che potrà essere usato per finanziare nuove fiammate, in Venezuela e altrove.

L’America First e le follie neocon

Sembrano tornati i tempi delle dittature latinoamericane, anche se è presumibile che i nuovi-vecchi padroni cercheranno di evitare, per quanto possibile, la repressione di massa di allora, memori delle reazioni che ebbero in Occidente.

L’isolazionismo americano proprio dell’America First richiede un controllo più stretto sul giardino di casa. Una prospettiva più consona ai vecchi arnesi che sostengono Trump che al presidente stesso, come si è visto nel caso Venezuela.

E che si somma all’interventismo muscolare dei neocon, che, volendo alimentare il contrasto con Mosca e Pechino, intendono tagliare i rapporti che russi e cinesi hanno allacciato in questi anni con alcuni Paesi sudamericani.

Il senso di tutto questo è che la ricreazione è finita. I movimenti di massa che si richiamano al socialismo, che, sopravvissuti agli anni delle dittature, hanno goduto nuova influenza o preso il potere nei vari Paesi latinoamericani, devono lasciare il passo di nuovo al verbo neoliberista dispiegato in tutta la sua pre-potenza al tempo delle dittature.

Poche le condanne del golpe in Occidente, tra queste quella del leader laburista Jeremy Corbyn e di Ilhan Omar, che corre per la Casa Bianca per il partito democratico.

Ma ieri la magistratura brasiliana ha scarcerato Luiz Inácio Lula da Silva, il leader del Partido dei trabajadores incarcerato con motivazioni fasulle (Piccolenote) prima delle ultime elezioni. Segnale in controtendenza. Rischi alti, vedremo.

CONTINUA NELLA PAGINA 

http://piccolenote.ilgiornale.it/42907/golpe-bolivia-soffia-vento-delle-dittature-sudamericane

BOLIVIA: PERICOLO GUERRA CIVILE

Filed under: bolivia, golpe, guerra, politica, proteste, razzismo — Tag:, , , , — mirabilissimo100 @ 6:44 am

 

 
SCONTRI TRA POLIZIA GOLPISTA E POPOLO PRO-MORALES
 
**********************************************************************
REMO CONTRO.IT
 
13 NOVEMBRE 2019
 DI REM
 

Nuova presidente ‘fai da te’ e ora la Bolivia rischia di esplodere

Bolivia, Jeanine Anez presidente anche senza quorum in Parlamento. La nomina della senatrice di Unidad democratica anche se non ha raggiunto

 i voti necessari per l’assenza dei deputati di Mas. Morales: “E’ un golpe”. Sette morti negli scontri. Gli Usa fanno richiamano in patria i familiari 

degli addetti all’ambasciata.

Jeanine Anez presidente di partito

La senatrice di opposizione Jeanine Anez del partito Unidad democratica, seconda vicepresidente del Senato, è stata dichiarata presidente ad interim della Bolivia dai parlamentari della sua formazione politica, contro la costituzione che impone il consenso di due terzi del parlamento. Il quotidiano El Deber, sottolinea che ciò è avvenuto nonostante le sedute di Camera e Senato non abbiano raggiunto il quorum costituzionale per l’assenza dei parlamentari del partito di maggioranza Movimento al socialismo, di Morales.

L’autonominata presidente, Bibbia in mano e Costituzione stracciata

Morales e l’autoproclamata

L’ex presidente esule in Messico, ha definito la nomina della senatrice Jeanine Anez una «autoproclamazione», a completamento del «golpe più subdolo e nefasto della storia». «Una senatrice di destra golpista che si autoproclama presidente del Senato e presidente ad interim della Repubblica senza quorum legislativo, circondata da un gruppo di complici e protetta da Forze armate e polizia». Il capo dello Stato dimissionario ha poi citato i molti articoli della Costituzione violati.

La presidente a metà Bolivia

Nel suo discorso dopo la nomina da parte del suo partito, Jeanine Anez, prima promette pacificazione, poi prova a colpevolizzare presidente e vice dimissionari, «abbandono delle loro funzioni», e i parlamentari della maggioranza assenti e non votati, con logica abbastanza audace. Resta il fatto che la Costituzione boliviana, sostengono i giuristi, prevede che affinché la rinuncia delle massime cariche dello Stato diventi effettiva le lettere di dimissioni debbano essere approvate dai due rami del Parlamento.

Ma la Bolivia trema e ribolle

I primi sette i morti negli scontri che stanno scuotendo il Paese da quando si è aperta la crisi costituzionale. Con i militari dalla parte dei golpisti la protesta nelle strade diventa «orda delinquenziale». E scatta la repressione con i primi accenni di ferocia che fanno temere il peggio. La gravità della situazione è stata sottolineata dall’ordine dell’amministrazione Trump, di far rientrare negli Stati Uniti i familiari dei dipendenti del governo americano che lavorano in Bolivia ed ha chiesto ai cittadini statunitensi di non recarsi nel Paese.

La trama, gli attori e le comparse

Il comandante generale delle Forze armate boliviane Williams Kaliman, lo stesso che ha ‘suggerito’ a Morales di rinunciare, era stato categorico: «Non ci scontreremo mai con il popolo». Quale parte di popolo? «L’ascesa politica di “Macho Camacho” (le formazioni catto-fasciste), che riporta la Bibbia o la resistenza dei “poncho rossi”?», la domanda retorica di Claudia Fanti. Esplicita da subito la ‘seconda vicepresidente del Senato Jeanine Áñez’ (pre autonomina a presidente), sollecitando i militari a fermare «le orde delinquenziali», vale a dire i militanti del  Movimiento al Socialismo di Evo Morales.

Evo Morales in Messico

Tra la quasi metà del paese che ha votato Morales, c’è anche chi è disposto a resistere, «come i migliaia di contadini dell’Altipiano tra cui i ponchos rojos, gruppi di combattenti aymara  che sono scesi in strada a El Alto al grido di ‘ahora sí, guerra civil’». E come la Confederación Sindical de Trabajadores Campesinos, che ha annunciato blocchi stradali in tutto il paese come forma di «resistenza generale al colpo di stato guidato da Carlos Mesa e soprattutto da Luis Fernando Camacho, leader del Comitato civico di Santa Cruz, da sempre bastione della ricca élite bianca di estrema destra».

Il ‘Bolsonaro boliviano’

Luis Fernando Camacho, imprenditore 40enne il cui nome compare nello scandalo dei Panama Papers, condivide politicamente molto il presidente brasiliano. Il soprannome di ‘Macho Camacho’, i costanti richiami a Dio, «con tanto di promessa, ripetuta per tre settimane, che la Bibbia sarebbe tornata al Palazzo di governo. Una promessa mantenuta pochi minuti prima della rinuncia di Morales, quando è entrato nell’antica sede del governo, il Palazzo Quemado, per depositarvi una bibbia insieme a una bandiera boliviana», mentre i suoi davano fuoco alla whipala, la bandiera dei popoli nativi.

Non solo destra fascista

Camacho e ogni altra espressione della destra, non esauriscono tuttavia l’elenco degli oppositori di Morales. Tra questi, anche gruppi di dissidenti del Mas, organizzazioni femministe e movimenti popolari che si sono opposti alla sua ricandidatura dopo il referendum perso nel 2016, una forzatura della Costituzione. Settori che dopo aver contribuito alla sua vittoria nel 2006, erano poi passati a denunciare il modello estrattivista nel Territorio Indigeno e nel Parco Nazionale Isiboro Sécure. Ora, di fronte al rischio di una guerra civile, l’allarme anche da queste forze è che la destra razzista, colonialista e patriarcale riesca a imporsi con un bagno di sangue.

CONTINUA NELLA PAGINA

https://www.remocontro.it/2019/11/13/nuova-presidente-fai-da-te-e-ora-la-bolivia-rischia-di-esplodere/

BOLIVIA: I RETROSCENA DEL GOLPE

 
EVO MORALES IN UNO DEI SUOI ULTIMI  DISCORSI 
 
***********************************************************************
REMO CONTRO.IT
12 11 2019
DA REM

Bolivia e il colpo di Stato truccato, Evo Morales in Messico

Evo Morales rifugiato il Messico. In Bolivia un colpo di stato vecchio stile fa calare il sipario sul primo governo indigeno nella storia del paese. Morales, che si dimette per evitare la guerra civile, ma l’odio e le violenze non si fermano. Alcuni dei retroscena internazionali e la destra nazifascista col segno della croce.

Di 12 Novembre 2019

Colpo di Stato senza carri armati

Bolivia, cacciato sul primo governo indigeno nella storia. Nella capitale La Paz, atti di vandalismo e scontri dei militanti di entrambe le fazioni in conflitto: edifici, macchine e bus incendiati, saccheggiati negozi e supermercati.

Caos istituzionale e vuoto di potere

Dopo la drammatica giornata che ha portato alle dimissioni del presidente Evo Morales, caos istituzionale e vuoto di potere mentre le squadracce della destra violenta imperversano per le strade. A livello internazionale si parla di ‘colpo di Stato’ e il Messico ha annunciato di aver concesso asilo politico al presidente dimissionario, che ha deciso di accettare l’offerta.

Evo Morales Ayma

@evoespueblo – Hermanas y hermanos, parto rumbo a México, agradecido por el desprendimiento del gobierno de ese pueblo hermano que nos brindó asilo para cuidar nuestra vida. Me duele abandonar el país por razones políticas, pero siempre estaré pendiente. Pronto volveré con más fuerza y energía.
«Parto per il Messico, fa male lasciare il Paese per motivi politici ma tornerò presto con più forza ed energia».
«La sua vita e la sua sicurezza sono in salvo» ha detto il ministro degli Esteri messicano dopo che l’ex presidente è salito sull’aereo che lo ha portato a Città del Messico.

Stato boliviano senza testa

Oltre Morales, si è dimesso il suo vice Alvaro Garcia Linera, i presidenti di Senato e Camera e anche il primo vicepresidente della Camera Alta. Tecnicamente le dimissioni del capo dello Stato saranno effettive solo quando ci sarà una loro approvazione da parte del Parlamento, la cui data della riunione non è stata stabilita. Questo fa sì che Morales resti per ora il presidente in carica e se il governativo Movimento al socialismo (Mas), non riuscirà raggiungere l’edificio del Parlamento senza subire attacchi e quindi a partecipare, non sarà mai possibile ottenere un quorum per procedere ad una transizione basata sulla Costituzione.

‘Cospiratori, razzisti e golpisti’

Morales, dopo aver scritto la lettera di dimissioni, aveva chiesto ai suoi oppositori, Carlos Mesa e Luis Fernando Camacho, di «assumersi la responsabilità di pacificare il Paese e garantire la stabilità politica e la convivenza pacifica del nostro popolo». Per poi definirli entrambi su Twitter «cospiratori, razzisti e golpisti».

@evoespueblo – Mesa y Camacho, discriminadores y conspiradores, pasarán a la historia como racistas y golpistas.

Appelli alla moderazione

Appelli alla moderazione e al rispetto della Costituzione arrivati da ogni parte: l’Onu, Osa, Unione europea (Ue) e la Cina. Russia, Messico, Uruguay, Venezuela, Cuba e vari organismi internazionali (Gruppo di Puebla e l’Alba, Alleanza bolivariana per i popoli della nostra America) definiscono “colpo di Stato” l’obbligo di rinuncia imposto a Morales con il contributo decisivo dei militari. Stati Uniti insolitamente silenti ma non disattenti.

Golpe si-no, vescovi in imbarazzo

«Non è un colpo di Stato, ora transizione rispettosa della Costituzione», prova e metterci una pezza la conferenza episcopale boliviana, in imbarazzo di fronte a certe organizzazioni pseudo cattoliche violente in piazza. «Come Conferenza episcopale stiamo accompagnando questo processo di transizione chiedendo che esso avvenga in modo pienamente legale e rispettoso della Costituzione, e in modo pacifico». Esattamente tutto il contrario di ciò che sta accadendo.

L’odiato «presidente indio»

«Al di là della controversa candidatura di Morales e persino dei dubbi sulla trasparenza delle elezioni del 20 ottobre, è ormai chiaro che l’opposizione non avrebbe accettato altro risultato che la sconfitta dell’odiato ‘presidente indio’», annota dal sudamerica Claudia Fanti. A ufficializzare anche nella forma il golpe, il comandante generale delle forze armate Willimas Kaliman, che ha “suggerito” a Morales di dimettersi, «consentendo la pacificazione e il mantenimento della stabilità». Ma la violenza, Evo Morales cacciato, invece dilaga con le formazioni pseudo cattoliche della destra fascisteggiante, che bruciano le case degli avversari politici, scatenati contro numerosi dirigenti e militanti del Mas, compresi quegli «indios de mierda».

Ora l’esercito in piazza

Ora i vertici militari, cacciato via Morales, annunciano «operazioni militari aeree e terrestri» contro i gruppi armati che stiano «operando al di fuori della legge», quasi certamente quelli che, come nella città di El Alto, hanno cominciato a protestare contro il colpo di stato. Il Comitato politico del Mas, il partito di Mirales, annuncia «un lungo cammino di resistenza, per difendere i successi storici del primo governo indigeno». Il fatto che alcuni movimenti popolari vicini al governo, come la Federación Sindical de Trabajadores Mineros e persino la Central Obrera Boliviana, abbiano sollecitato Morales alle dimissioni «dovrebbe indurre la sinistra anche a una profonda autocritica», scrive il Manifesto.

Golpe pianificato pre elezioni

Carlos Aparicio Veda, ambasciatore boliviano in Italia. «È stato un colpo di stato. Ed è stato pianificato dai comitati civici di Santa Cruz de la Sierra guidati da Luís Camacho e dalla formazione Comunidad Ciudadana di Carlos Mesa. La loro strategia è cominciata prima delle elezioni; in un comizio Camacho disse che non avrebbe riconosciuto la vittoria di Evo Morales se fosse stata annunciata e già aveva chiesto allora disobbedienza civile. Lungo tutta la campagna il gruppo fascista Union Civil Cruceñista da cui Camacho proviene ha bruciato le case dei militanti del Mas e vandalizzato la loro campagna elettorale».

Mosca accusa gli americani

Reazioni dalla Russia. Il Cremlino potrebbe chiedere una riunione straordinaria del Consiglio di sicurezza dell’Onu . La diplomazia russa esprime «preoccupazione per il fatto che la volontà del governo boliviano di cercare soluzioni costruttive non abbia trovato risposta dall’opposizione, mentre gli eventi si sono svolti secondo i modelli di un colpo di stato organizzato». Il presidente della commissione per gli affari esteri della Duma Alexey Chepa: «Questo è un colpo di Stato che è stato organizzato in modo evidente dagli Usa. Sotto la pressione dell’esercito e della polizia, Morales ha deciso di dimettersi, al fine di evitare spargimenti di sangue».

Gli errori politici di Evo Morales

«L’errore di Morales è stato credere di essere indispensabile. Si è aggrappato al potere troppo a lungo, e adesso si è bruciato», la valutazione di Gwynne Dyer su Internazionale. «Evo Morales il buono, primo presidente indigeno del paese (è cresciuto parlando la lingua aymara, imparando lo spagnolo solo da giovane adulto)». «Carlos Mesa, invece, appartiene alla minoranza bianca privilegiata (il 15 per cento della popolazione), che ha sempre controllato sia la politica sia le ricchezze. Mesa, storico e giornalista televisivo, si è dimesso dalla presidenza nel 2005 dopo aver cercato, invano, di nazionalizzare l’industria del gas». «Evo Morales ha preso il suo posto, facendo meglio di lui. Ha nazionalizzato non solo petrolio e gas, ma anche le miniere di zinco e stagno, e altre importanti aziende di pubblica utilità». Morales vincente grazie al boom delle materie prime che ha triplicato il pil del paese in 15 anni. Ma il boom è finito.

«Un politico più astuto di Morales avrebbe potuto decidere di lasciar vincere queste ultime elezioni a Mesa. Poi, nel momento in cui le entrate del paese fossero calate, Mesa sarebbe stato incolpato per la riduzione dei servizi sociali costruiti da Morales, e quest’ultimo sarebbe potuto tornare trionfalmente al potere in cinque anni, sostenendo che Mesa aveva tradito i poveri».

 
CONTINUA NELLA PAGINA

PERCHÉ IN BOLIVIA È RIUSCITO IL GOLPE PILOTATO DA WASHINGTON ED IN VENEZUELA È FALLITO

 

 
EVO MORALES DURANTE UN COMIZIO
 
************************************************************************
CONTROINFORMAZIONE.INFO
 
12 NOVEMBRE 2019

La differenza principale dal Venezuela è che i militari in Bolivia sono passati dalla parte dello zio Sam .
Un colpo di stato militare ha avuto luogo in Bolivia, portando al rovesciamento del presidente Evo Morales, che si è dimesso.

Le cose si sono evolute in modo simile a quello che abbiamo visto non molto tempo fa in Venezuela. Le elezioni furono usate come innesco e l’opposizione di destra fungeva da strumento per il rovesciamento del potere.

Gli Stati Uniti, i suoi satelliti in America Latina e l’UE non hanno riconosciuto l’esito delle elezioni in Bolivia, dopo di che sono iniziate le proteste di massa.

Evo Morales ha vinto le elezioni al secondo turno, davanti al candidato di destra del 10% dei voti. La sfumatura è che se ottieni un punteggio superiore al 10% rispetto al tuo avversario, non è necessario un altro round. Se è inferiore al 10%, questo è necessario.

Poiché le cifre erano sulla soglia (mentre Morales aveva complessivamente oltre 600.000 voti), questo risultato è stato usato per organizzare il colpo di stato, che Cuba, Nicaragua e Venezuela hanno condannato.

Gli eventi hanno effettivamente utilizzato lo stesso progetto del Venezuela: proteste di strada nelle principali città da parte della destra, attacchi violenti agli attivisti del partito al potere, agenti provocatori nelle strade, negazione della legittimità da parte degli Stati Uniti e della Colombia, pressione sull’esercito per porre fine al sostegno a Morales. Usando l’Organizzazione degli Stati Americani (OSA) per delegittimare Morales, a questi gli è stato proposto di partire per il Messico. Di conseguenza, tutto quello che non ha funzionato in Venezuela, dove questa strumentazione, incluso il presidente nominato da Washington (Guaidò) , era stato progettato per rovesciare Maduro, nel suo insieme ha funzionato invce in Bolivia, consentendo di rovesciare il presidente, che alle elezioni democratiche aveva guadagnato 600.000 voti in più del suo avversario.

 
MANIFESTANTI CONTRO IL GOLPE
Di fatto, si è trattato di un colpo di stato banale, con rivoluzione di piazza inclusa, come il colpo di stato ucraino.

Le differenze chiave tra Venezuela e Bolivia sono le seguenti:

  1. Il partito di Morales non è così profondamente radicato nella società come il Chavismo lo è in Venezuela, rendendo la capacità di Morales di mobilitare i suoi sostenitori molto più modesta di quella di Maduro .
  2. La Bolivia, in virtù della sua posizione geografica, ha avuto molto meno accesso all’assistenza di Cina, Russia o Cuba. Il paese è strategicamente isolato e i suoi vicini sono in gran parte orientati verso gli Stati Uniti, in particolare Cile e Brasile.
  3. Morales ha commesso un grave errore quando ha deferito la questione della valutazione elettorale all’OSA, l’organizzazione stessa che ha dichiarato Maduro illegittimo e ha sostenuto Guaido . È difficile dire quale verdetto si aspettasse da essa quando l’OSA, nel caso di Maduro, aveva mostrato che stava ballando completamente sulla melodia di Washington.
  4. Il fatto che alcuni anni prima Morales avesse tenuto un referendum nel paese, dove era interessato se fosse possibile andare per un altro mandato, aveva anche un ruolo contro Morales. La risposta che ha ricevuto è stata negativa, ma ha comunque preso parte alle elezioni, che ha dato ai suoi avversari carte aggiuntive, che non erano abbastanza per vincere le elezioni, ma abbastanza per un colpo di stato.
  5. L’economia della Bolivia dipendente dalle esportazioni di minerali ha mostrato un rallentamento o una stagnazione negli ultimi anni.
    Si può notare che dopo la crescita nei primi anni ’10, l’economia della Bolivia sotto Morales ha iniziato a rallentare e la crescita del PIL è rimasta in perdita del 4%. Allo stesso tempo, le riserve valutarie oro-oro sono leggermente diminuite nel paese e si sono verificati problemi nel settore energetico.

 

POPOLO CHE PROTESTA  E VIOLENZETuttavia, rispetto al Venezuela, la situazione economica della Bolivia è incomparabilmente più forte, il che alla fine non ha aiutato molto Morales, come la forte situazione economica della Libia non aveva aiutato Gheddafi.

  1. E forse, cosa più importante, a differenza del Venezuela, dove il ministro della Difesa non si è fatto comprare dalle promesse degli Stati Uniti o ha smesso di sostenere Maduro, gli alti gradi dell’esercito della Bolivia hanno optato per ciò che gli Stati Uniti non sono riusciti a raggiungere nei confronti dell’esercito venezuelano. Insieme alla mancanza di supporto esterno, questo ha comportato una perdita esplosiva di supporto interno.
  2. Tutti questi fattori hanno logicamente portato alle dimissioni di Morales e alla sua partenza dalla capitale, dopo che aveva annunciato che si sarebbero tenute nuove elezioni e che c’era stato un colpo di stato nel paese.
  3. L’opposizione chiede già che sia impedito a Morales di prendere parte a nuove elezioni, anche se in origine si trattava di stabilire se Morales avesse guadagnato il 10% in più o in meno rispetto al suo avversario. Ma l’opposizione o gli Stati Uniti hanno a cuore l’opinione di quelle persone che hanno votato per Morales? Beh, certo che no. Allo stesso modo in cui a nessuno importava di coloro che avevano votato per Maduro nel 2018 o che avevano supportato Yanukovich nel 2004 o 2014 in Ucraina.

In generale, se Morales sarà completamente escluso dal processo politico e non partecipa alle prossime elezioni, si può ritenere che abbia avuto luogo un colpo di stato.

Pertanto, gli Stati Uniti risponderanno alle sconfitte in Argentina e Venezuela con un colpo di stato in Bolivia, suggerendo che la lotta tra la “svolta a destra” e la “marea rossa” continuerà con una tensione senza sosta nel continente Latino Americano.

Mi dispiace un po ‘per la Bolivia – Morales aveva fatto molto per innalzare il tenore di vita in una povera colonia neoliberista , alla quale tutto tornerà come prima se l’ala destra si radicherà al potere, pronta a riorientare completamente verso Washington a livello politico-militare e le sfere economiche con conseguenze comprensibili per la popolazione locale.
Nota: Non è difficile indovinare a chi finiranno le concessioni delle miniere di Litio e giacmenti di gas ultimamente scoperti nel paese andino che Morales aveva nazionalizzato.

Fonte: colonnello Cassad , tradotto da Stalker Zone (Luciano Lago traduzione italiana)

CONTINUA NELLA PAGINA

https://www.controinformazione.info/perche-in-bolivia-e-riuscito-il-golpe-pilotato-da-washington-ed-in-venezuela-e-fallito/

BOLIVIA: DICHIARAZIONI RAZZISTE DELLA NUOVA PRESIDENTE GOLPISTA

 

 
POPOPLO ANDINO CHE PROTESTA
 
**********************************************************************
 
CONTROINFORMAZIONE.INFO
 
13 NOVEMBRE 2019
 
 
 
Il nuovo “Presidente ad interim” autoproclamato della Bolivia ritiene che gli indios siano “satanici”, non dovrebbero essere ammessi nelle città della Bolivia.
Jeanine Anez Chavez, autoproclamatasi presidente a interim, ha dimostrato il suo disprezzo per ogni regola costituzionale prendendo possesso dell’incarico di nuovo presidente ad Interim della Bolivia senza una maggioranza parlamentare, senza un voto di approvazione o una procedura costituzionale.
La Jeanine Anez Chavez ha accettato la rinuncia del presidente Evo Morales ed ha immediatamente manifestato una inclinazione razzista verso gli indios che pure rappresentano il 65% circa della popolazione del paese andino.
In un suo Twitter ha scritto: “sogno con una Bolivia libera dai riti satanici degli Indios, le città non sono luoghi per gli indios. Che se ne vadano sull’altopiano del Chaco”.
 
E come è possibile dubitare che Morales abbia rubato le elezioni quando l’opposizione è guidata da qualcuno che crede che il 65% della popolazione compia “rituali satanici” e non è adatto a vivere in città? Questo si chiede qualunque osservatore indipendente.
Non appena ha assunto il suo incarico la Jeanine Anez, è partita la caccia agli indios che sono stati in molti casi aggrediti da una folla inferocita, bastonati e inviati su camion e bus per farli allontanare dalle città come Santa Cruz, da La Paz e da Sucre.
Nel frattempo in Argentina, dove è presente una grossa comunità di boliviani immigrati, si sono svolte massicce manifestazioni di protesta contro il golpe in Bolivia
Migliaia di persone si sono radunate davanti all’obelisco e si sono mobilitate presso l’ambasciata boliviana. L’evento ha anche caratterizzato un’importante partecipazione della comunità boliviana in Argentina. Si sono anche mobilitati verso il ministero degli Esteri argentino, dove hanno denunciato i complottisti che sostengono le azioni di sopraffazione e violenza che stanno accadendo in Bolivia contro la comunità di origine india, azioni che hanno il sostegno degli Stati.

Da mezzogiorno, migliaia di manifestanti hanno iniziato a marciare dal monumento centrale, attraversando Corrientes Avenue fino ad arrivare all’ambasciata boliviana a Buenos Aires. La chiamata ha riunito gruppi politici, sindacati, federazioni educative e movimenti sociali. Tra questi, Confederazione dei lavoratori dell’economia popolare (CTEP), Quartieri permanenti, Movimento Evita, La Cámpora, Frente Patria Grande, Nuevo Encuentro, La Poderosa, CTERA e CONADU.

Il collettivo di boliviani residenti in Argentina prese la forma di un’assemblea aperta in cui chiunque volesse prendere la parola. “La mano nera degli Stati Uniti è ancora una volta dietro un colpo di stato. Non vogliono che la Bolivia sia un esempio per i paesi vicini. Ci sono 42 aziende al litio in funzione che metteranno il prezzo sul litio in tutto il mondo. Gli Stati Uniti vogliono impadronirsi del futuro della Bolivia e della grande ricchezza del paese”, ha affermato uno dei militanti di Evo Argentina Generation.

“Torneremo meglio. Combatteremo, vinceremo e torneremo. Lunga vita a Evo Morales Ayma! ”, hanno gridato guadagnando gli applausi di tutti i presenti.

La presenza di fronte all’ambasciata è servita anche a denunciare le informazioni in arrivo dalla Bolivia. Pertanto, i presenti hanno annunciato che la polizia nella città di El Alto, dipartimento di La Paz, stava reprimendo ferocemente le mobilitazioni popolari.

Juana, un residente boliviano in Argentina arrivato da Escobar, ha affermato che “molti di noi che sono presenti oggi torneranno in Bolivia per combattere per la nostra patria”.

http://www.resumenlatinoamericano.org/2019/11/11/argentian-con-evo-multitudes-se-movilizaron-en-solidaridad-con-evo-morales-y-contra-el-golpe-de-estado-fotoreportaje

Fonte: Resumen Latino Americano

Traduzione: Lisandro Alvarado

CONTINUA NELLA PAGINA

https://www.controinformazione.info/dichiarazioni-razziste-della-nuova-presidente-golpista-della-bolivia/

BOLIVIA: DIEGO MOLEA SPIEGA CHE E’ STATO UN COLPO DI STATO

Filed under: aggressione, bolivia, golpe, politica, violenza — Tag:, , , — mirabilissimo100 @ 6:18 am

Ecco spiegato perché in Bolivia è un colpo di Stato

 
 
*************************************************************************
 
L’ANTIDIPLOMATICO.IT
13 11 2019
 

di Diego Molea – Pagina|12
L’interruzione forzata dell’ordine democratico nello Stato Plurinazionale della Bolivia domenica scorsa, 10 novembre, è il prodotto di una serie di atti costituiti come colpo di Stato contro il governo di Evo Morales.

 

La richiesta di un urgente ripristino della democrazia e la cessazione della violenza fanno parte della pretesa della comunità internazionale, in particolare di un’America Latina che avverte i sintomi delle pagine più oscure del suo passato.

 

Che cos’è un colpo di Stato

 

Rafael Martínez – Professore all’Università di Barcellona – indica che un colpo di Stato sono “le azioni concatenate e realizzate in un breve lasso di tempo, attraverso la minaccia, per rimuovere il potere esecutivo, da un piccolo gruppo con capacità elevata di deterrenza che utilizzerà canali illegali, che tenteranno successivamente di giustificare, mentre si tratta in realtà della difesa dei propri interessi che presentano come collettivi”.

 

Questo concetto si adatta perfettamente alla situazione boliviana: l’opposizione, accompagnata da movimenti sociali, polizia e forze armate, ha compiuto una serie di atti di violenza e incitamento durante le ultime settimane che hanno portato alle dimissioni forzate di Evo Morales.

 

La dottrina accetta di definire come un colpo di Stato un atto di violenza organizzata compiuto per deporre un presidente o un governo e sostituirlo con un altro. Nello stesso senso, Figueroa Ibarra lo indica come una rottura del quadro istituzionale.

 

Il 20 ottobre 2019, lo Stato Plurinazionale della Bolivia ha tenuto le sue elezioni generali. Quando furono annunciati i risultati che indicavano una clamorosa vittoria di Evo Morales, l’opposizione denunciò brogli e scoppiarono conflitti in diverse città: mobilitazioni sociali e incendi nel quartier generale del Tribunal Superior Electoral. I giorni seguenti, l’opposizione ha convocato scioperi generali, intensificando la violenza (specialmente contro la popolazione indigena).

 

Luis Fernando Camacho, un imprenditore schierato all’opposizione del governo Morales, ha invitato l’esercito e la polizia a “schierarsi con il popolo”, minacciando l’uso della violenza e chiedendo le dimissioni del presidente.

Venerdì 8 novembre, la polizia si è ammutinata in tre unità e le manifestazioni si sono diffuse in tutto il paese. 

La domenica, l’OSA, convocata dal governo boliviano per sovrintendere al conteggio, ha suggerito di tenere le elezioni attraverso un nuovo tribunale elettorale. Evo Morales ha annunciato la convocazione di elezioni generali e la rimozione di tutti i membri del Tribunal Superior Electoral, al fine di pacificare la Bolivia. Ore dopo, le forze armate e la polizia boliviana hanno “raccomandato” al presidente di rinunciare.

 

Tra le pressioni delle forze di sicurezza e le proteste incoraggiate dall’opposizione, Morales si è dimesso chiedendo di fermare la violenza, “in modo che Mesa e Camacho non continuino a perseguitare, rapire e maltrattare i miei ministri, i leader sindacali e le loro famiglie e in modo che non continuino a danneggiare commercianti, professionisti indipendenti e trasportatori che hanno il diritto di lavorare”, così come il vicepresidente e i presidenti di entrambe le Camere. A seguito della denuncia di un mandato di arresto illegale, gruppi violenti hanno saccheggiato la residenza di Morales e di sua sorella. Il Messico gli ha offerto asilo “per motivi umanitari e in virtù della situazione di urgenza che vive la Bolivia”. Pertanto, il mandato costituzionale è stato interrotto senza l’intervento del parlamento.

 

Il politologo Andrés Malamud spiega che sono necessari tre elementi per generare ciò che sta accadendo oggi in Bolivia: l’interruzione del mandato presidenziale, una procedura non costituzionale (in questo caso attraverso le dimissioni forzate) e definita dalle forze armate.

 

Siamo di fronte a un colpo di Stato eccezionale e vertiginoso, un atto rapido e violento: una brusca interruzione di un governo costituzionale.

Le presidenze di Evo Morales, accompagnate alla vicepresidenza da Álvaro García Linera, hanno lasciato al popolo boliviano una riduzione della povertà di 23 punti percentuali rispetto al livello del 38,2% registrato nel 2005; aumento dell’aspettativa di vita; nazionalizzazione di idrocarburi; crescita del PIL sostenuta del 5% annuo; espulsione delle agenzie di controllo dagli Stati Uniti; e la più grande riserva di litio al mondo scoperta nella salina di Uyuni.

Diego Molea è rettore dell’Università Nazionale di Lomas de Zamora

 

(Traduzione de l’AntiDiplomatico)

CONTINUA NELLA PAGINA

https://www.lantidiplomatico.it/dettnews-ecco_spiegato_perch_in_bolivia__un_colpo_di_stato/82_31691/

Noam Chomsky denuncia: Gli Stati Uniti sostengono il golpe in Bolivia o l’omicidio di Evo Morales

Filed under: aggressione, bolivia, golpe, guerra, politica, proteste, violenza — Tag:, , , , , , — mirabilissimo100 @ 6:14 am

 

La denuncia di Noam Chomsky: Gli Stati Uniti sostengono il golpe in Bolivia o l'omicidio di Evo Morales

 
 
EVO MORALES  UN GRANDE LEADER GIUSTO E LEALE MA CON TANTI NEMICI
 
***************************************************************************
L’ANTIDIPLOMATICO.IT
 
11 11 2019
 
 Il politologo Noam Chomsky denuncia che gli Stati Uniti sono dietro il colpo di Stato dell’opposizione in Bolivia per rovesciare il presidente Evo Morales.

 

“Il golpe è promosso dall’oligarchia boliviana (…) e ha il pieno sostegno del governo degli Stati Uniti, a lungo desiderosi di espellere Evo Morales e il suo movimento dal potere”, ha affermato il noto scienziato politico nordamericano.

 

In una dichiarazione, Chosmky ha avvertito che il centro operativo dell’ambasciata americana a La Paz (capitale boliviana) ha lasciato intravedere due piani nel paese sudamericano: “il ‘piano A’, un colpo di Stato, e il “piano B”, l’omicidio di Morales “.

 

Le azioni dei golpisti costituiscono una grave violazione della Carta delle Nazioni Unite e di tutte le norme internazionali, ha lamentato, prima di esprimere la speranza che il popolo boliviano e il governo possano frustrare le trame dei fascisti e dell’oligarchia boliviana. 

CONTINUA NELLA PAGINA

https://www.lantidiplomatico.it/dettnews-la_denuncia_di_noam_chomsky_gli_stati_uniti_sostengono_il_golpe_in_bolivia_o_lomicidio_di_evo_morales/82_31636/

BOLIVIA: BRUTALE AGGRESSIONE CONTRO LA PRESIDENTE DEL SENATO ADRIANA SALVATIERRA

 

In Bolivia brutale aggressione della polizia golpista alla presidente del Senato Adriana Salvatierra del MAS (VIDEO)

 
LA PRESIDENTE DEL SENMATO ADRIANA SALVATIERRA
 
 
FOTO CHE MOSTRA IL SEGNO DELL’AGGRESSIONE  UNO STRAPPO ALLA CAMICETTA
 
********************************************************************
L’ANTIDIPLOMATICO.IT
 
 13 11 2019
 

La legittima presidente del Senato della Bolivia, Adriana Salvatierra, è stata brutalmente aggredita e malmenata dalle forze di polizia schierate coi golpisti quando ha cercato di entrare nella sede legislativa per assumere la presidenza del paese, così come indica la Costituzione del paese andino. 

 

Nei video si vedono gli agenti della polizia boliviana aggredire la giovane senatrice del MAS mentre prova ad entrare in Parlamento. 

Sarebbe questa la «transizione democratica» di cui cianciano certi esponenti della destra italiana, autoproclamati moderati come Antonio Tajani, già presidente del Parlamento Europeo, molto vicino ai golpisti venezuelani. 

Tornando al golpe che si consuma in queste giornate drammatiche in Bolivia, prima di provare ad entrare e nel bel mezzo del tumulto la senatrice si è rivolta alla stampa: «Siamo parlamentari, dobbiamo entrare nella nostra fonte di lavoro, tenere gli incontri corrispondenti e chiediamo al colonnello di consentirci di entrare», ha affermato Salvatierra. 

 

Ieri, Jeanine Áñez, seconda vicepresidente del Senato, si è proclamata capo dello Stato del paese anche se l’Assemblea legislativa era praticamente vuota, senza rappresentanti del MAS (i due terzi dei parlamentari) e senza aver accettato le dimissioni di Evo Morales e Álvaro García Linera, destituiti dal un golpe militare. 

Parimenti le dimissioni di Adriana Salvatierra non sono state ratificate e quindi è venuta ad occupare il posto che gli spetta secondo quanto indica la Costituzione dello Stato Plurinazionale della Bolivia.

Mentre Áñez si è dichiarata Presidente senza che nessuno l’abbia promossa nemmeno al grado di Presidente del Senato. 

Sull’autoproclamazione nella giornata di ieri era intervenuto anche Evo Morales dal Messico con un tweet molto chiaro: «L’autoproclamazione attenta contro gli articoli 161, 169 e 410 della Costituzione politica dello Stato (CPE) che determinano l’approvazione o il rifiuto di dimissioni presidenziali, la successione costituzionale alle presidenze del Senato o dei Deputati e la supremazia del CPE. La Bolivia subisce un assalto al potere del popolo».  


ABTONIO TAJANI CONTRO MORALES E MADURO!

Antonio Tajani

@Antonio_Tajani

Ci auguriamo che la transizione democratica di queste ore in si verifichi anche in . Le parole di Maduro nelle ultime ore sono sintomo di paura: ha capito di non essere eterno, ha capito che opprimere il proprio popolo è stato un errore.

VEDI VIDEO E CONTINUA NELLA PAGINA

https://www.lantidiplomatico.it/dettnews-in_bolivia_brutale_aggressione_della_polizia_golpista_alla_presidente_del_senato_adriana_salvatierra_del_mas_video/82_31690/

Older Posts »