Mirabilissimo100’s Weblog

aprile 2, 2020

Due ambulanze bruciate della Misericordia di Martina Franca: la condanna e la solidarietà della Federazione di Puglia

 

Due ambulanze bruciate della Misericordia di Martina Franca: la condanna e la solidarietà della Federazione di Puglia

 
MISERICORDIA ANDRIA.IT
 
26 MARZO 2020
 

Gilardi: «Atto deplorevole in un momento drammatico, stiamo cercando soluzioni per aiutare concretamente la Confraternita»

Un atto deplorevole che assume un carattere ancor più disastroso in un momento così delicato per l’intera nazione e che priverà di importanti servizi una città come Martina Franca. E’ accaduto infatti nella notte che malviventi hanno incendiato, distruggendole completamente, due ambulanze della Misericordia di Martina Franca in servizio in città per tutti i servizi offerti dalla confraternita alla comunità di assistenza alla popolazione. Un gesto spregevole che la Federazione delle Misericordie di Puglia condanna fermamente con l’auspicio che le forze dell’ordine riescano rapidamente a trovarne i colpevoli. Resta la grande amarezza perché quando si distruggono mezzi salvavita come le ambulanze o mezzi della protezione civile, si distrugge un pezzo di tutti noi, un pezzo di comunità, un pezzo di servizio. Un servizio che naturalmente i volontari della Misericordia di Martina Franca ora potranno fare con molta più difficoltà. Dalla Federazione pugliese delle Misericordie la massima solidarietà al Governatore Lorenzo Massafra ed a tutti i volontari giallociano di Martina Franca.

«La Federazione – ha spiegato il Presidente Gianfranco Gilardi – sta già cercando soluzioni per aiutare concretamente la consociata per riprendere rapidamente tutti gli importanti servizi svolti in questa emergenza da Coronavirus. Ci auguriamo che vi sia anche un grande moto di solidarietà da parte di tutta la comunità martinese e non solo. Ci auguriamo anche che vi sia la rapida individuazione di chi ha compiuto questo gesto insano. I sacrifici di una vita per donare speranza al prossimo – ha concluso Gilardi – vanificati da balordi che nulla hanno a che fare con la nostra meravigliosa terra».

misericordia andria

La Confraternita Misericordia di Andria Onlus è un’associazione di volontariato che nasce nel 1992 e inizia a muovere primi passi  nel volontariato di Protezione Civile e nell’ambito dell’emergenza sanitaria quando ancora il sistema 118 non esisteva.

La Confraternita Misericordia di Andria ha stipulato nel 2003 con la ASL Bari1 le convenzioni per l’affidamento delle postazioni 118 di Ruvo di Puglia, Bisceglie e Minervino Murge, e successivamente ottiene anche le convenzioni per le postazioni 118 di Andria 1 e Andria 2 (dal 2009) e Trani, passate poi alla stessa ASL BAT.

Dal 2013, invece, il trasferimento nella nuova sede di via Vecchia Barletta 206 ad Andria e la possibilità di aumentare il proprio parco di automezzi oltre ai tanti volontari e soci cresciuti negli ultimi anni. Sono 125 soci e 95 i volontari operativi per attività che spaziano dall’assistenza sanitaria ai servizi sociali, dai trasporti specialistici al servizio dialisi, dal più grande Posto Medico Avanzato del Mezzogiorno sino alla Scuola di Formazione interna riconosciuta da numerosi enti certificatori.

CONTINUA NELLE PAGINE

http://www.misericordiaandria.it/due-ambulanze-bruciate-della-misericordia-di-martina-franca-la-condanna-e-la-solidarieta-della-federazione-di-puglia/

http://www.misericordiaandria.it/storia/

marzo 2, 2020

STEFANO ORSI: FRONTE SIRIANO 1 03 2020-SITREP 067

644 iscritti

ISCRIVITI
Questa puntata riguarda le ultime novità nella sacca di Idlib. L’impegno turco a sostegno del terrorismo internazionale è arrivato all’apice e oggi ci sono azioni di guerra vera e propria. Tutto questo in Siria, nazione sovrana che non ha mai invitato la Turchia, né tantomeno ha desiderato essere invasa. Sono dunque giorni di grandi scontri, Stefano ci dirà cosa è successo nelle ultime ore. Buona visione

 

febbraio 15, 2020

SOROS SOSTIENE L’INVASIONE E MOLTI IMMIGRATI VENGONO IN ITALIA PER DISTRUGGERCI CON I LORO CRIMINI

Soros & Bonino

 
RADIO SPADA.ORG
 
4 09  2017

I crimini degli immigrati e le mani di Soros sull’Italia

Mentre in giro per la penisola si susseguono gli stupri e le violenze ad opera di immigrati, sempre più italiani si accorgono che ormai il problema è generalizzato e, nonostante la cessazione degli sbarchi sulle nostre coste, miriadi di delinquenti e nullafacenti sono a piede libero per le vie delle nostre città, a fronte di un governo inetto, iniquo e criminale che si ostina a negare l’emergenza.

 

Il ruolo di Soros

George  Soros ha tessuto e continua a tessere la sua tela di ragno velenoso sull’Europa ed in particolare sull’Italia, fiaccata da disoccupazione, impoverimento della classe media e strangolamento di commercianti e piccoli imprenditori.

Questo figuro, il cui ruolo nelle tristi vicende italiane non è un fatto nuovo, basti pensare alle speculazioni sulla lira nel 1992 che misero in ginocchio il paese, ha reso l’Italia parte del suo piano per una “società aperta” – dal nome della sua organizzazione Open Society – fondata sull’imposizione del diktat dell’ideologia gender e lgbt oltre che su aborto e naturalmente libero accesso per i cosiddetti migranti.

Il blogger Enzo Pennetta, in un suo ottimo articolo, mette in luce i legami di questo personaggio non solo con Emma Bonino ma anche con Renzi che avrebbe aiutato nella sua corsa al potere in cambio della realizzazione dei diktat sorosiani non ultima una “casa rifugio”, proprio a Firenze, per bloggers vale a dire i cospiratori delle varie rivoluzioni colorate di Europa e Medio Oriente .

Nel frattempo l’informazione non allineata ai poteri forti e che anzi smaschera Soros e il suo diabolico carrozzone è a rischio di essere imbavagliata e soppressa mentre l’Italia firma un memorandum della Nato che assimila l’informazione realmente indipendente ad un’arma, ovviamente al servizio di Putin, lo spauracchio con il quale giustificare le manovre totalitarie delle élites mondialiste.

http://www.maurizioblondet.it/la-nato-riga-indicato-nemico-blog-litalia-firmato/

In tali frangenti, il solo governante UE a parlare chiaro è l’ungherese Viktor Orban, vituperato e censurato per il solo fatto di dire le cose come stanno sull’attuale invasione di alloctoni (rifugiati o migranti che dir si voglia) e sulle trame di Soros, le cui organizzazioni sono ormai illegali in Ungheria. Orban ha anche ricordato ai politicanti europei quella che dovrebbe essere un’ovvietà ossia che i musulmani non sono integrabili nella società europea

 

Razzismo?

Innanzitutto che cos’è il razzismo? Ritenere che un gruppo etnico o una razza sia biologicamente superiore alle altre è condannato dalla Chiesa, visto che tutti gli uomini sono uguali di fronte a Dio, pertanto l’esaltazione o il culto di una specifica razza che dovrebbe prevalere sulle altre in virtù di una presunta superiorità non è altro che paganesimo ed un insulto a Dio.

Nell’attuale situazione, il razzismo non c’entra nulla. Qui siamo di fronte ad un’invasione. L’importante è chiamare la realtà con il suo nome. L’invasione è pianificata da Soros e dai suoi sodali tra cui non mancano le ong operanti nel Mediterraneo, vere e proprie associazioni a delinquere e dedite al traffico di uomini da riversare in un paese come l’Italia, già piegato in due da corruzione, disoccupazione alle stelle e da un degrado morale e dei costumi senza precedenti.

Nel frattempo agenzie ONU, Unione Europea, massoneria e altri gruppi di potere occulti, continuano a promuovere aborto, gender e ideologia lgbt oltre a raccontarci la menzogna sulla necessità del calo delle nascite a livello mondiale salvo poi dirci che visto che in Europa e in Italia non nascono più bambini l’apporto dei rifugiati è necessario per ripopolare le nostre terre e promuovere la ricrescita economica.

Che dire poi della, a volte inevitabile, fuga all’estero di numerosi giovani, per la mancanza di opportunità nel paese di origine? Anche qui si promuove la mobilità, il nomadismo in un culto del “migrante”, analizzato in un bell’articolo di Guido Vignelli di alcune settimane fa

https://www.riscossacristiana.it/il-migrante-un-nuovo-idolo-cui-sacrificare-la-civilta-cristiana-di-guido-vignelli/

E i per i migranti si spendono infatti fior di quattrini, si pagano cialtroni di ogni genere chiamati mediatori culturali, si concede loro di insultare e maltrattare impunemente le forze dell’ordine

Come non vedere in ciò i preparativi di quella che alcuni analisti non conformi all’ideologia dominante hanno definito la “Grande Sostituzione”e la messa in atto del famigerato piano Kalergi per creare un’Europa meticcia, senza cultura e identità?

Si promuove l’aborto in Africa mentre si spostano intere e variegate popolazioni in Europa in un crescendo contraddittorio e caotico, quello sì generatore di odio e di razzismo.

Vediamo quindi che alla base di tutto ciò c’è il vero razzismo o meglio il vero odio, l’odio contro l’uomo stesso, la creazione ad arte di scompiglio, divisione e dissidi insanabili.

E chi è per eccellenza il generatore di discordie, di caos e di scompiglio e che dunque agisce per logiche all’apparenza contraddittorie se non il serpente antico, omicida fin dal principio, il principe di questo mondo?

Ed è proprio il demonio a guidare le azioni dei suoi servitori e a voler distruggere l’uomo ingannandolo nel contempo con il culto dell’uomo e dell’edonismo più sfrenato.


Conclusioni

Se molti pensano che punire alle prossime consultazioni elettorali l’attuale governo scellerato, imposto da Soros e dalla cricca mondialista sia già qualcosa ci si dimentica che migliaia di immigrati, nel caso di un giusto rifiuto delle richieste d’asilo, resterebbero sul suolo italiano.

Ora questi individui, vitto, alloggio, paghetta e altri generi di conforto, per cui molti italiani devono lavorare duramente, non li vedrebbero più. Le conseguenze di tale situazione sarebbero imprevedibili considerando che molti immigrati sono giovani in forze, ben nutriti che migrano per ragioni economiche o peggio, opportunisti, gente che nel proprio paese non sa come sbarcare il lunario, come ben sa chi è stato per lunghi periodi in Africa.

Va dunque sottolineato che di fronte all’incapacità o impossibilità delle forze dell’ordine di agire, gli italiani hanno il diritto e il dovere di assicurare la difesa delle proprie persone, dei propri familiari ed averi.

CONTINUA NELLA PAGINA

https://www.radiospada.org/2017/09/i-crimini-degli-immigrati-e-le-mani-di-soros-sullitalia/

 

 

 

LA VERITA’ SUL PIANO KALERGI

catturakal

 
Per chi voglia documentarsi in dettaglio sul Piano Kalergi, sulle sue origini culturali, sul contesto in cui sorse e su chi era davvero Kalergi, consigliamo l’ottimo libro di Matteo Simonetti “La verità sul Piano Kalergi”. Un’opera fondamentale che assieme ad altre dello stesso filone euroscettico – come ad esempio “La Dittatura Europea” di Ida Magli, “Il tramonto dell’euro” di Alberto Bagnai, “La fine della sovranità” di Alain de Benoist – getta luce su quell’abominio chiamato Unione Europea. Pietre miliari che dovrebbero costituire l’imprescindibile bagaglio culturale di chiunque aspiri a combattere l’Europa dei banchieri e a restaurare l’Europa dei popoli e delle nazioni.
 

«Questo libro, saggio storico-filosofico tutto rivolto all’attualità, colma una lacuna enorme. Il primo libro in Italia e il secondo in assoluto ad esaminare in profondità attori, fatti e misfatti dal 1920 ad oggi, “La verità sul piano Kalergi” rivela ciò che coscientemente è stato celato ai popoli e agli individui circa la natura di questa Europa. Il conte Kalergi, mente di rilievo ma anche inconsapevole (?) pedina è la figura di spicco di questa costruzione artificiale. Con lui e tramite lui agiscono poteri nascosti, che in un piano dettagliato e tramite un’opera paziente forgiano, anche nella teoria, una nuova élite, un nuovo stile di vita, che in parte è già in atto e in parte deve ancora completarsi».

«Matteo Simonetti è nato nel 1971, vive a Potenza Picena. Professore di storia e filosofia, pianista. Giornalista dal 2002, ha scritto, tra gli altri, per Secolo d’Italia, L’Indipendente, Liberal, Il Borghese, Percorsi di cultura politica, La Destra, Il Giornale del Ribelle. Insegna inoltre al Master “E. Mattei” presso l’Università di Teramo, dove è anche cultore della materia in Storia delle relazioni internazionali. Ha già pubblicato “Stasera dirige Nietzsche”, Pantheon 2005, “Demonocrazia”, Solfanelli 2010, “Hannah l’antisemita”, Edizioni all’Insegna del Veltro 2011».

INDICE:

Contro la difesa della nostra (in)Civiltà – saggio introduttivo di Andrea Giacobazzi

Introduzione

Kalergi, chi era costui?

Kalergi: una biografia

Le pubblicazioni di R. C. Kalergi

“Idealismo pratico”: una lettura ragionata

Praktischer Idealismus: un riepilogo

L’Europa di oggi è Paneuropa realizzata?

Il volto mondialista dell’immigrazione (europea)

Ignaz Seipel e Paneuropa – La Chiesa tra dubbi e machiavellismi

L’implicazione della massoneria

La questione dell’ebraismo

L’Unione europea come strumento dell’imperialismo anglofono

Il Premio Kalergi

Conclusione

Bibliografia

PAGINE 160 formato A5

© 2015 Edizioni Radio Spada

link: http://www.edizioniradiospada.com/component/virtuemart/ecommerce/la-verita-sul-piano-kalergi-100-detail.html?Itemid=0

************************************************************************************

IL PIANO KALERGI IN ATTO

Abbiamo visto come questo piano diabolico sia alla base dell’attuale Unione Europea, un’oligarchia di criminali in colletto bianco che ha instaurato una burocrazia di stampo sovietico per portare a termine gli scopi del mondialismo e l’asservimento di un intero continente a una casta di banchieri fanatici e senza scrupoli.

Abbiamo visto come questo piano diabolico sia alla base dell’attuale Unione Europea, un’oligarchia di criminali in colletto bianco che ha instaurato una burocrazia di stampo sovietico per portare a termine gli scopi del mondialismo e l’asservimento di un intero continente a una casta di banchieri fanatici e senza scrupoli.

Nell’arco di questo tempo abbiamo potuto assistere ad un accelerazione del Piano Kalergi. Grazie alle missioni Mare Nostrum e Triton, è stato infatti creato un vero ponte navale per portare direttamente i veicoli di riproduzione dei nuovi mostri sulle coste italiane che, attraverso la complicità criminale delle coop vaticane e di sinistra, vengono inseriti non più in centri di accoglienza, ma addirittura in appartamenti e abitazioni private per favorire l’amalgama etnico e l’opera di imbastardimento forzato.

L’eugenetica è la tecnica per migliorare la qualità razziale di un popolo, la sua salute, la sua longevità, la sua bellezza. Accanto a questa esiste anche un’altra tecnica, diabolica, che potremo chiamare “cacogenetica” che mira invece a degradare, ad abbruttire e a degenerare i popoli, in particolare quelli europei, per distruggere per sempre la razza bianca. E questo è appunto lo scopo del Piano Kalergi e dei burocrati di Bruxelles, coadiuvati dalle varie centrali mondialiste operanti sul territorio nazionale, quali il Vaticano, i partiti di sinistra, i Centri Sociali, le ONG, la criminalità organizzata e le associazioni ebraico-massoniche.

I popoli europei sono infatti i più dotati dal punto di vista spirituale, morale e intellettuale. Sono gli unici che possono costituire una seria minaccia all’instaurazione del regno messianico degli usurocrati teorizzato da Kalergi e dalle logge. Gli unici che ancora oggi, se volessero, potrebbero ribellarsi. Perciò, per i mondialisti, è tanto più necessario estirpare alle fondamenta ogni residuo di civiltà europea, di cultura europea e di memoria storica europea, imponendo sin nelle scuole una controeducazione demonica a base di genderismo, omosessualismo, relativismo, antirazzismo e multiculturalismo in modo da minare le fondamenta psichiche, caratteriali, spirituali e biologiche della persona e trasformare l’Europa in un’immensa pattumiera di genti di colore, mentalmente disturbate, sradicate e senza identità, come lo sono già gli Stati Uniti. Masse multietniche abbruttite dalla povertà e dagli psicofarmaci, che non possono ribellarsi perché non sanno chi sono e non è rimasto loro più alcun valore per cui combattere e per cui vivere, tranne il mero soddisfacimento delle pulsioni primarie e animalesche e la ricerca disperata dell’autoaffermazione narcisistica del proprio ego.

In questo scenario gli unici che emergeranno come “razza eletta” saranno coloro la cui religione impone un severo esclusivismo razziale e la pretesa di dominare su tutte le nazioni della terra. Kalergi infatti se da un lato inneggiava alla mescolanza razziale per i dominati, al contempo elogiava la religione ebraica basata sulla preservazione della stirpe, individuando in essa il principio della potenza politica e spirituale :

«Il giudaismo è il nocciolo intorno al quale si riunisce una nuova nobiltà, una razza di signori […] Ciò che separa principalmente gli ebrei dai cittadini medi è il fatto che siano degli individui consanguinei. La forza di carattere alleata all’acutezza spirituale, predestina l’ebreo a divenire, attraverso i suoi esponenti di spicco, il leader dell’umanità urbana, il falso o vero aristocratico dello spirito, un protagonista del capitalismo come della rivoluzione».

Interessante notare che il modello ideale di Europa per Kalergi, come per gli attuali eurocrati, fosse l’Unione Sovietica:

«E’ qui che si eleva al rango di simbolo, l’unione tra Lenin, l’uomo della piccola nobiltà rurale e Trotsky, il letterato ebreo: qui si riconcilia l’opposizione tra il carattere e lo spirito, lo junker e il letterato, gli uomini rustici e gli uomini urbani, i pagani e i cristiani, in una sintesi creatrice dell’aristocrazia rivoluzionaria […] Così la spada di Damocle del terrore bolscevico riuscirà più velocemente ad ammorbidire il cuore dei plutocrati e a rendere le esigenze sociali accessibili più di quanto abbia fatto in due millenni il vangelo di Cristo».

È assai significativo che Kalergi, considerato ufficialmente il Padre dell’Unione Europea, esprimesse tali giudizi elogiativi del terrore rosso e della bestialità bolscevica che, vale la pena ricordare, aveva creato un regime ultra-assassino inedito nella storia, violatore dei più elementari diritti umani e che di li a breve si sarebbe macchiato dei peggiori misfatti con la repressione degli oppositori, la liquidazione delle classi dirigenti dei vari paesi sovietizzati, la collettivizzazione delle terre, lo sterminio dei contadini e l’industrializzazione forzata.

Al di là della squallida retorica, l’esaltazione di Kalergi del comunismo del resto non deve stupirci dato che URSS e UE sono opera della medesima oligarchia finanziaria capitalista per cui Kalergi lavorava. Oligarchia che ha creato il socialismo, il marxismo, e l’europeismo tecnofinanziario come passi avanzati verso il Governo Mondiale (da notare che il primo nome della comunità europea fu CECA, esattamente come la CEKA, la “Commissione straordinaria di tutte le Russie per combattere la controrivoluzione e il sabotaggio”, dotata di potere esecutivo ed arbitrario, istituita il 20 dicembre 1917 da Lenin e Feliks Edmundovic Dzerzinskij, con lo scopo di combattere i cosiddetti “nemici” del nuovo regime russo, che evolse poi nel KGB e nel famigerato NKVD).

Deanna Spingola nella sua opera “The Rouling Elite” dedica un importante capitolo a descrivere come il comunismo sia “a Banker’s Perfect Political System”. Come non vedere infatti che l’esproprio di sovranità delle nazioni europee, la svendita alla finanza internazionale del settore strategico industriale, lo stesso ius soli che mira a rendere gli autoctoni degli stranieri in patria, pur presentandosi con la maschera del capitalismo neoliberista non sono altro che estensioni a livello generalizzato del principio comunista dell’abolizione della proprietà privata? Esproprio, che esattamente come nella Russia bolscevica, va a esclusivo vantaggio di una ristrettissima elite cosmopolita che, in spregio agli ideali del libero mercato, in questo modo elimina la concorrenza e si assicura l’indiscusso monopolio degli strumenti di produzione.

La fusione di capitalismo e comunismo è il sistema verso cui ci sta portando l’Unione Sovietica Europea e quello che dovranno essere gli Stati Uniti d’Europa teorizzati da Kalergi e di cui gli stessi Monti e Renzi si sono detti promotori. Un socialismo tecnocratico mondialista: oligarchico e gerarchizzato al vertice e a base collettivista e ugualitaria alla base.

È importante notare tuttavia che Kalergi non fu un innovatore ma un volgarizzatore di idee preesistenti, che seppe semplicemente adattare ai suoi tempi i principi basilari del mondialismo sinarchico.

Per chi voglia documentarsi in dettaglio sul Piano Kalergi, sulle sue origini culturali, sul contesto in cui sorse e su chi era davvero Kalergi, consigliamo l’ottimo libro di Matteo Simonetti “La verità sul Piano Kalergi”. Un’opera fondamentale che assieme ad altre dello stesso filone euroscettico – come ad esempio “La Dittatura Europea” di Ida Magli, “Il tramonto dell’euro” di Alberto Bagnai, “La fine della sovranità” di Alain de Benoist – getta luce su quell’abominio chiamato Unione Europea. Pietre miliari che dovrebbero costituire l’imprescindibile bagaglio culturale di chiunque aspiri a combattere l’Europa dei banchieri e a restaurare l’Europa dei popoli e delle nazioni.

CONTINUA NELLA  PAGINA

https://voxnews.info/2015/08/12/il-piano-kalergi-seconda-parte/

TUNISINO HA CONFESSATIO: “SIAMO VENUTI PER SGOZZARVI”

 
 
VOX NEWS.INFO
 
15 02 2020
Un giovane operaio edile di 24 anni, tunisinO, è stato arrestato nei giorni scorsi nel parmense con l’accusa di addestramento ad attività con finalità di terrorismo, islamico.
 
L’immigrato regolare e ‘integrato’ è stato trovato in possesso di 40 video con varie lezioni su come realizzare bombe, su tecniche di combattimento e di disarmo, su metodi per evitare la cattura o liberarsi dalle manette e persino per occultare i cadaveri degli uccisi.
Il 24enne e’ risultato anche inserito in un rete internazionale di gruppi jihadisti, legami su cui sono in corso ulteriori indagini. Si trova ora nel carcere di alta sicurezza di Parma. I magistrati hanno rilevato anche il «fondato pericolo di fuga in seguito a reiterati viaggi compiuti in Tunisia senza che siano emerse notizie riguardo ai suoi spostamenti».
 

Il giovane, con regolare soggiorno in Italia e residente nella provincia di Parma, è stato tenuto a lungo sotto controllo sui canali social da lui utilizzati, soprattutto Whatsapp e Facebook.

I documenti trovati a casa del 24enne di Parma mostravano inoltre «importanti elementi relativi al crescente processo di radicalizzazione del tunisino- spiegano ancora gli inquirenti- essendo stati rilevati evidenti segni di adesione ed esaltazione della jihad e del martirio di soggetti musulmani in omaggio ad Allah», come mostrato anche in alcuni video trovati nel telefono. Dai contatti telefonici, infine, le analisi della Digos hanno fatto emergere «l’inserimento dell’indagato in una cerchia relazionale internazionale di soggetti appartenenti ad ambienti jihadisti». I contatti, mantenuti attraverso Telegram e Whatsapp in maniera non intercettabile, erano con utenti esteri in Tunisia, Algeria, Filippine, Yemen, Gran Bretagna, Stati Uniti e altri ancora, mostrando tra l’altro «sequenzialità e coincidenze significative in relazione ai dati dei file scaricati e memorizzati nel cellulare».

Secondo il giudice delle indagini preliminari che ha convalidato l’arresto, «sussistono gravi indizi di colpevolezza a carico del fermato», che ha «realizzato comportamenti univocamente finalizzati alla commissione delle condotte di terrorismo». Per il Gip, «deve essere valutata quale concreta, specifica e inequivocabile condotta dell’indagato tesa ad auto-addestrarsi per realizzare un programma terroristico proposto dalle molteplici strutture jihadiste affiliate all’Isis».

VEDI VIDEO E CONTINUA  NELLA PAGINA

https://voxnews.info/2020/02/15/arrestato-operaio-tunisino-siamo-venuti-per-sgozzarvi-video/

L’IMMIGRAZIONE E L’INVASIONE PER DISTRUGGERE L’ITALIA E’ VOLUTA DALLA MASSONERIA

 
CORRISPONDENZA ROMANA.IT
 
22 AGOSTO 2018

(di Fabio Cancelli) A Lecce il 24 novembre 2017 si è tenuta la Tavola Rotonda sul tema “Dall’immigrazione all’accoglienza passando per lo Ius Soli”, promossa dall’Ispettorato Regionale di Puglia e Lucania della Massoneria di Rito Scozzese Antico e Accettato (RSAA) di “Palazzo Giustiniani” (Roma).

Si tratta del Rito Scozzese composto da Maestri Massoni del Grande Oriente d’Italia Palazzo Giustiniani (GOI). La Tavola Rotonda ha avuto il patrocinio della Provincia e del Comune di Lecce e della Camera Capitolare (cioè, in gergo massonico, la Loggia del 18° grado) “Giosué Carducci” di Lecce. All’evento hanno preso parte anche Leo Taroni, l’on. Federico Massa del PD, il giornalista Alessandro Cecchi Paone (omosessuale dichiarato, http://pernientecandida.corriere.it/2016/05/23/cecchi-paone-e-il-tg4-fede-mi-odia-pannella-mi-amava/?refresh_ce-cp, massone del GOI, sostenitore di matrimoni omosessuali e unioni civili: https://it.wikipedia.org/wiki/Alessandro_Cecchi_Paone).

Chi è Leo Taroni ? Imprenditore, iniziato massone nel 1970 nella loggia Dante Alighieri del GOI di Ravenna. Dal 2005 è 33° grado del RSAA, dal 2015 è Sovrano Gran Commendatore del RSAA di Palazzo Giustiniani e Presidente della Confederazione dei Supremi Consigli Europei del RSAA. Al seguente link c’è il ricco curriculum massonico di Leo Taroni: http://www.iskrae.eu/leo-taroni-luomo-dalle-mille-cariche-massoniche/. Illuminante è stato il discorso di Leo Taroni 33° a quella Tavola Rotonda, riportato sul website del RSAA: “Accoglienza: una scelta dettata dall’intelletto”: http://www.ritoscozzese.it/accoglienza-scelta-dettata-dallintelletto/

Il Capo del RSAA di Palazzo Giustiniani traccia una breve storia dell’immigrazione, dall’antichità fino ai nostri giorni. L’immigrazione è da lui ritenuta «un fenomeno fisiologico sovente legato all’evolversi della natura che ci circonda». Dunque un qualcosa di necessario, legato all’evoluzione… Le ragioni dell’immigrazione sono varie: accresciute esigenze alimentari, mutazioni climatiche, guerre.

Taroni sostiene la necessità di accogliere gli immigrati, perché si ha «un conto aperto con l’Africa e con il Medio Oriente», e perché respingerli vorrebbe dire consegnarli alla morte. Taroni cita addirittura Papa Francesco secondo il quale «Respingere gli immigrati è un atto di guerra» e raccomanda prudenza nel gestire il fenomeno migratorio. Eppure vien da dubitare del suo modo di intendere la prudenza allorché egli condivide in pieno la «proposta di legge presentata dai Radicali» che prevede tra l’altro «l’abolizione del reato di clandestinità».

A sostegno dell’immigrazione Taroni vuole «l’appoggio e l’intervento effettivo delle Nazioni Unite e dell’Europa intera».  Inoltre, come il PD e la CEI, egli vuole lo «ius soli».

Le seguenti parole del Sovrano Taroni 33° mostrano il sostrato iniziatico, ovvero ideologico, del suo immigrazionismo: «Ci vogliono idee, forti e mirati investimenti economici e persone, ma soprattutto capire che l’accoglimento è necessario non solo alla gente che fugge, ma che può essere utile anche a noi, come insegna la simbologia del rituale del IX Grado del R.S.A.A. nel quale “lo straniero rappresenta tutto l’insieme di conoscenze e di progresso già raggiunto prima di noi, e di cui ci si deve valere per procedere più oltre: un’opportunità per trarre profitto dall’esperienza offerta anche da ciò che non fa parte della nostra Tradizione”».

Chiaro? Taroni ci fa capire che bisogna accogliere lo Straniero perché lo Straniero rappresenta colui che è depositario della Gnosi o Conoscenza: questo insegna il 9° grado del RSAA! Non dimentichiamo che lo Gnostico, l’Iniziato, si ritiene uno Straniero rispetto al mondo creato dal Dio biblico Creatore e Legislatore.

Il 33° della massoneria fa capire che l’accoglienza degli immigrati permetterebbe di far fronte al calo demografico che c’è in Europa, mentre, al contrario, la natalità cresce nei Paesi africani.

 Le sue parole   fanno sorgere nel lettore alcune domande: perché non favorire piuttosto la procreazione e la natalità nelle famiglie europee, italiane, cristiane? Oppure si vuole che l’Europa e l’Italia diventino irreversibilmente multi-etniche, multi-culturali, e soprattutto multi-religiose, per indebolire il Cattolicesimo?  

Taroni raccomanda ai massoni (vedi rituale del IX grado) di aprirsi allo Straniero: con queste parole «E’ proprio per questo che Noi, uomini liberi per antonomasia, che cerchiamo la Luce e spalanchiamo le porte, dobbiamo aprirci allo “straniero” che, come ho già detto, può costituire “per noi” una opportunità ed un momento di crescita. […] Dobbiamo guardare in faccia la realtà rinunciando ai nostri pregiudizi, organizzandoci tempestivamente per affrontare un futuro che ormai ben conosciamo».

Anche il Gran Maestro del GOI Stefano Bisi, in tema di immigrazione, è sulla stessa lunghezza d’onda del Sovrano Leo Taroni 33°. Ad esempio: http://www.adnkronos.com/fatti/cronaca/2014/07/22/immigrati-grande-oriente-onorificenza-massonica-sindaco-lampedusa_k1QnJx7ML78qH05IiJGkEO.html ; https://www.grandeoriente.it/allocuzione/equinozio-di-autunno-xx-settembre-2014/ ; https://www.grandeoriente.it/appuntamento-la-storia-massoni-non-affrontano-problema-immigrazione-unmondoditaliani/ .

Non ci sorprende scoprire che anche Bisi è del 33° grado di Rito Scozzese. Ce lo dice lo stesso Leo Taroni che nel Messaggio del 19 giugno 2016 per il Solstizio d’Estate, saluta il Gran Maestro del GOI: «il carissimo Fratello Bisi, Fratello Scozzese iniziato al XXXIII Grado»: http://www.ritoscozzese.it/messaggi_del_sovrano/messaggio-del-sgc-leo-taroni-solstizio-destate-2016/

Entriamo ora in un cerchio più interno del pensiero del RSAA.  Il 16 aprile 2018 Leo Taroni 33° ha conferito a Taranto sul tema “Esoterismo e Tradizione” in un convegno delle “Sorelle” dell’Ordine della Stella d’Oriente (un Ordine legato al GOI). http://www.ritoscozzese.it/convegno-percorsi-iniziatici/.

Taroni elenca alcuni gruppi e personaggi che hanno ricercato il collegamento con la «Tradizione» primordiale esoterica: Misteri Greci, Orfismo, Dionisismo, culti di Cibele e Mitra, alchimia, Kabbalah, Marsilio Ficino, Pico della Mirandola, Paracelso, Rosa Croce, martinisti.

Egli è convinto «che l’esteriorità esoterica del percorso iniziatico debba inevitabilmente trasmutarsi – quasi alchemicamente – in una vera, personale dimensione interiore che – superati i simboli, gli archetipi esteriori, i progressivi stati di coscienza – porti al momento intuitivo di percezione ed identificazione nell’Uno.
Questo è quanto offre il Percorso Scozzese, se ben inteso ed individualmente interiorizzato, metodo squisitamente esoterico che affronta i progressivi stati coscienziali dell’Iniziato e determina la simultanea apertura del cuore e della mente scevri da ogni vincolo materiale e temporale. […] La Tradizione, metodologicamente esoterica e propria degli Ordini Iniziatici, consente se effettivamente perseguita come Via sapienziale, di pervenire al centro esatto del Sé inteso – a mio avviso – come conoscenza ed acquisizione del Divino che è in ciascun Essere umano
».

Taroni sottolinea che l’iniziazione massonica è «un momento elitario» e che in Massoneria «non possiamo dare spazio al buonismo». A proposito dei massoni, o iniziati, dice: «Questi Iniziati, in quanto tali qualificati, possono sostanzialmente ripercorrere a ritroso sino alle origini il momento della Conoscenza che consente la percezione armonica dell’Uomo con il Tutto e permettere che l’assioma ”Così in alto, così in basso” della Tavola Smeraldina attribuita ad Ermete Trismegisto, sia semplicemente “Così in alto”».

Dunque, Taroni fa capire che il RSAA propone ai suoi Iniziati il raggiungimento di stati coscienziali sovraumani fino all’identificazione con l’Uno. Temiamo però che non sia un cammino «in alto», ma «in basso», verso Lucifero, espulso per sempre dal Cielo. (Fabio Cancelli)

CONTINUA NELLA PAGINA

https://www.corrispondenzaromana.it/limmigrazionismo-dettato-dalla-massoneria-esoterica/

 

VOX NEWS.INFO: ULTIME NOTIZIE 15 02 2020

AFRICANO SI DIVERTE A BRUCIARE LE AUTO DEGLI ITALIANI A RAVENNA

 

Protesta isolani: “Perché non possiamo vivere tra greci senza immigrati?” – VIDEOFebbraio 15, 2020

febbraio 13, 2020

SIRIA: NOTIZIE DAL FRONTE 10 02 2020 DA CONTROINFORMAZIONE.INFO

Filed under: guerra, siria, turchia, violenza — Tag:, , , — mirabilissimo100 @ 12:55 pm

 

AEREI MILITARI TURCHI HANNO CERCATO DI PENETRARE NELLO SPAZIO AEREO SIRIANO, MA QUESTO GLI È STATO IMPEDITO DAI CACCIA SUKHOI RUSSI.

Lunedì 10 febbraio, come riporta il portale di notizie cinese “Sohu”, citando le proprie fonti.

Secondo i media, l’incidente è avvenuto pochi giorni fa nella provincia di Aleppo. La fonte afferma che gli F-16 turchi intendevano colpire le posizioni dei militari siriani nella zona di de-escalation di Idlib, che include parte della provincia di Aleppo.

A questo proposito, i caccia da combattimento russi Su-35 sono decollati dalla base aerea di Hmeimim e hanno contrastato i tentativi di un attacco aereo turco.

“I jet russi Su-35 in realtà hanno bloccato l’ingresso degli F-16 turchi nello spazio aereo siriano, impedendo loro di attraversare il confine dello spazio aereo. Alla fine i piloti turchi sono stati costretti a ritirarsi ”, ha detto la fonte citando la pubblicazione.

Vale la pena notare che non esiste una conferma ufficiale dell’incidente.

Base russa di Hmeimin in SiriaLe forze aereo spaziali russe esercitano di fatto il controllo dello spazio aereo siriano e non consentono l’ingresso in tale spazio agli aerei da guerra di altre potenze. Sono stati segnalati, oltre all’ultimo incidente con gli aerei turchi, altri tentativi di aviogetti israeliani di entrare nello spazio aereo siriano, frustrati dai caccia russi che si levano in volo dalle basi in Siria per intercettare e bloccare tali tentativi.

https://news-front.info/2020/02/10/vks-rossii-pomeshali-tureczkim-istrebitelyam-vojti-v-vozdushnoe-prostranstvo-sirii/

Fonte: Press Tv

Traduzione: L.Lago

https://www.controinformazione.info/aerei-militari-turchi-hanno-cercato-di-penetrare-nello-spazio-aereo-siriano-ma-questo-gli-e-stato-impedito-dai-caccia-sukhoi-russi/

—————————————————————————————————————————————–

SIRIA NEWS.AI MILITARI RUSSI È STATO PERMESSO DI ABBATTERE GLI AEREI ISRAELIANI ALLA MINIMA MINACCIA.

Ai militari russi è stato permesso di abbattere gli aerei israeliani alla minima minaccia, la Turchia sta preparando un attacco contro le truppe siriane e russe.
I militari russi hanno concesso il permesso ai sistemi di difesa aerea di abbattere gli aerei israeliani senza preavviso.
I media riportano che i militari russi in Siria hanno ricevuto il diritto di abbattere qualsiasi aereo militare israeliano, elicotteri e veicoli aerei senza equipaggio, che non solo invadono lo spazio aereo della Repubblica araba, ma rappresentino anche la minima minaccia.

“Secondo le regole stabilite delle operazioni militari dell’esercito russo in Siria, il comandante del sistema di difesa aerea può sparare direttamente senza chiedere ai suoi superiori in caso di emergenza, e al comandante può essere ordinato di abbattere un aereo sconosciuto che è entrato nella zona di riconoscimento della difesa aerea. Vale la pena notare che dopo il briefing, il presidente russo Putin ha emesso un ordine corrispondente al comandante delle forze di difesa aerea russe in Siria e ha ribadito che qualsiasi aereo non identificato vicino alla base delle forze aeree di Khmeimim dovrebbe essere distrutto. In effetti, è abbastanza chiaro che il presidente Putin sta mostrando forza a Israele e lo avverte di non essere senza scrupoli in Siria e di non agire in modo avventato “, riferisce Sohu
Se tali informazioni sono vere, le forze armate russe e siriane possono effettivamente iniziare a lanciare un fuoco proattivo su aerei, elicotteri e droni israeliani.

Più di un centinaio di carri armati turchi si stanno preparando ad attaccare l’esercito russo e siriano
La Turchia prevede di eseguire un attacco su larga scala contro l’esercito siriano, coinvolgendo oltre un centinaio di carri armati, veicoli corazzati, aerei e artiglieria, con l’intenzione di restituire al controllo dei terroristi l’intera parte liberata del territorio di Idlib e Aleppo.
“L’Esercito Siriano (SAA) continua i suoi progressi non solo verso Idlib, ma anche lungo l’autostrada M5. Solo poche ore fa, le truppe siriane hanno liberato tre insediamenti situati su questa autostrada da terroristi contemporaneamente. Tra questi c’è il paese di Ahmed, che si trova all’incrocio della M5 con una strada che porta alla citata base militare di Al-Mastum, dove si trovano i militari turchi.
Se guardi la mappa, sorge la domanda sulle ulteriori tattiche del SAA. Se le forze governative siriane conducono un’offensiva esclusivamente lungo la strada Sarmin-Idlib, allora c’è la possibilità che le truppe turche possano bombardare avanzando gruppi di assalto da due fianchi: da Al-Mastum e Taftanaz. Tutto questo sembra una trappola istituita dai turchi contro la SAA ”, cita la pubblicazione della rivista militare.

Carri armati russi trasferiti in SiriaNon è noto come esattamente tale opinione corrisponda alla realtà, tuttavia, dato il fatto che anche l’esercito russo è sul fronte, è ovvio che la Turchia intende iniziare a confrontarsi con le truppe russe nel territorio della Repubblica araba.

Fonte:

http://avia.pro/blog/novosti-sirii-9-fevralya-2020-goda-rossiyskim-voennym-razreshili-sbivat-izrailskie-samolyoty

Traduzione: Sergei Leonov

 
—————————————————————————————————————————————–
 

RUSSIA: ISRAELE HA CERCATO DI UTILIZZARE UN AEREO PASSEGGERI IRANIANO COME SCUDO IN SIRIA

La Russia ha denunciato che il regime israeliano ha tentato di abbattere un aereo passeggeri iraniano con 172 civili a bordo che stava per atterrare all’aeroporto di Damasco usandolo come scudo di fronte ai missili di difesa aerea siriani.

“Israele” ha cercato di ingannare il sistema radar siriano attraverso un attacco informatico e provocare un “fuoco amico” nella direzione di un Airbus A320 in arrivo da Teheran, come aveva fatto nel settembre 2018, quando un IL-20 russo era stato stato distrutto da un Missile di sistema S-200 con 15 ufficiali a bordo. Il ministero della Difesa russo, che ha riferito dell’atterraggio urgente dell’A320 all’aeroporto di Hamaimim a Latakia, non ha spiegato come è stato salvato l’aereo civile.

Tuttavia, mentre cercava di inviare uno dei suoi aerei nel cielo siriano, Israele, che usava l’A320 come scudo, ha cercato di implicare la difesa antiaerea siriana in questo incidente, una pericolosa evoluzione a cui la Russia non mancherà di reagire. Fonti militari russe lo confermano. La Russia punirà severamente Israele per aver infranto i suoi impegni. E come?

Secondo alcuni rapporti, la Russia intende fornire ai sistemi di difesa aerea siriani, a cui la Resistenza ha accesso, tutte le informazioni sui voli dei caccia israeliani. Questi sono i dati raccolti dai radar S-400 che sarebbero ora disponibili per le unità di difesa aerea siriane. I sistemi di difesa aerea S-400 possono essere integrati con i sistemi missilistici di difesa aerea Pantsir-S e i sistemi di difesa aerea Syrian Favorit S-300. Pertanto, è logico supporre che la Siria ora possa attaccare gli aerei israeliani proprio con l’aiuto di questi dati e attraverso il sistema S-300.

Non molto tempo fa, Netanyahu aveva giurato che l’incidente con l’IL-20 era solo una coincidenza e che non vi è alcuna possibilità che questa tragedia si ripetesse. Tuttavia, venerdì 7 febbraio, Tel Aviv ha eseguito la stessa manovra, questa volta contro un aereo passeggeri civile iraniano, ignorando completamente gli avvertimenti della parte russa sull’inammissibilità di tali azioni. Ora la risposta è aperta, afferma un esperto, citato da Avia.pro.

Aereo russo sfiorato da missili israelianiA metà gennaio, e per la prima volta dall’incidente dell’IL-20 russo abbattuto nel 2018 dal regime israeliano, quest’ultimo ha attaccato obiettivi russi. E’ accaduto all’aeroporto T-4 di Homs dove i missili sionisti sparati dal Libano miravano a un campo di aviazione che ospitava aerei russi.

Secondo osservatori politici, l’imminente ripresa dell’offensiva nella provincia strategica di Idlib da parte dell’esercito siriano aiutato dalla Russia e dalla Resistenza è una prospettiva particolarmente “temuta” dagli Stati Uniti e dai loro alleati israeliani, nella misura in cui questa ripresa significa che l’iniziativa andrà immediatamente a est verso Deir Ezzor, dove la Resistenza attende il suo momento per liberare Al Tanf e aprire l’ultimo passo siriano-iracheno che è ancora nelle mani degli Stati Uniti e dei suoi alleati.

Fonte: premiere TV

Traduzione: Luciano Lago

https://www.controinformazione.info/russia-israele-ha-cercato-di-utilizzare-un-aereo-passeggeri-iraniano-come-scudo-in-siria/

—————————————————————————————————————————————–

SIRIA ATTACCATA IN CONTEMPORANEA DA ISRAELE E DA TURCHIA

Le forze di difesa aerea siriane hanno intercettato diversi missili lanciati dalle alture del Golan occupate, secondo i media statali siriani.

L’agenzia di stampa ufficiale siriana SANA ha riferito che il sistema di difesa aerea ha abbattuto la maggior parte dei missili prima che raggiungessero i loro obiettivi nelle prime ore di giovedì.

“Le nostre difese aeree hanno affrontato un attacco israeliano” a ovest di Damasco, afferma il rapporto.

I missili sono stati lanciati giovedì a prima ora dal Golan siriano occupato e dal Libano meridionale, colpendo l’area di al-Kiswa, Marj al-Sultan, il ponte di Baghdad e il sud di Izraa.

ps://www.youtube.com/watch?v=zZWvr_hM4iU

L’agenzia SANA non ha ulteriormente approfondito i possibili obiettivi e vittime dell’attacco, ma l’Osservatorio siriano per i diritti umani (SOHR) con sede a Londra sostiene che tre posizioni del governo vicino a Damasco e ad ovest della capitale erano state prese di mira e che un incendio è scoppiato in una delle aree.

ISRAELE ATTACCA FREQUENTEMENTE GLI OBIETTIVI MILITARI ALL’INTERNO DELLA SIRIA IN QUELLO CHE È CONSIDERATO UN TENTATIVO DI SOSTENERE GRUPPI TERRORISTICI DI TAKFIRI CHE HANNO SUBITO PESANTI SCONFITTE CONTRO LE FORZE GOVERNATIVE SIRIANE.

Convoglio turco entra nel nord della SiriaIl convoglio militare della Turchia entra in Idlib per proteggere i terroristi, impedire l’avanzata delle forze siriane

Un convoglio militare turco di carri armati e veicoli corazzati ha attraversato la città siriana di Dana, a est del confine turco-siriano nella provincia nord-occidentale siriana di Idlib, il 5 febbraio 2020. (Di AFP)

L’esercito siriano afferma che un convoglio militare turco è passato in Siria per proteggere i terroristi Takfiri sponsorizzati da stranieri e impedire i progressi dell’esercito nella provincia nordoccidentale di Idlib, in contemporanea alla recente aggressione aerea israeliana contro il paese arabo.

L’agenzia di stampa ufficiale SANA della Siria ha citato una dichiarazione rilasciata dal comando generale dell’esercito e delle forze armate secondo cui un convoglio militare turco, incluso un certo numero di veicoli corazzati, è passato dall’area di Oglinar in Siria e si è schierato sulla linea tra le città di Binnish, Giovedì, Ma’aret Masrin e Taftanaz.

L’intrusione, ha aggiunto la dichiarazione, è avvenuta in “palese sincronia” con l’aggressione aerea israeliana.

Secondo un precedente rapporto della SANA, le forze di difesa aerea siriane hanno intercettato diversi missili lanciati dalle alture del Golan occupate e dal Libano meridionale colpendo l’area di al-Kiswa, Marj al-Sultan, il ponte di Baghdad e il sud di Izraa intorno alla capitale, Damasco, all’inizio di giovedì .
Le forze di difesa aerea siriane hanno intercettato diversi missili lanciati dai “territori occupati palestinesi”, secondo i media statali siriani.

“Il comando generale dell’esercito e delle forze armate continua i suoi compiti nazionali nel difendere la sicurezza della patria e dei cittadini, e afferma allo stesso tempo la prontezza dell’esercito arabo siriano e la sua determinazione ad affrontare l’aggressione indipendentemente dai suoi diversi nomi e moduli “, afferma la dichiarazione.

"I simultanei tentativi israeliani e turchi e chiunque sostenga il terrorismo armato di Takfiri non riusciranno a impedire ai nostri coraggiosi soldati di svolgere i loro compiti sul campo fino a liberare tutti i territori siriani dalle organizzazioni terroristiche armate", afferma la nota.

 

Negli ultimi quattro anni, l’esercito turco ha organizzato almeno due invasioni non autorizzate nel nord della Siria per respingere i militanti curdi, che Ankara accusa di nutrire intenzioni sovversive contro l’amministrazione turca.

La Siria ha denunciato le offensive, dicendo che avrebbe risposto con azioni della stessa natura se fosse necessario.

Damasco è stato persino avvicinato dalla popolazione a maggioranza curda delle aree assaltate per il supporto militare di fronte all’esercito turco.

Citando testimoni e un sorvegliante di guerra, Reuters ha riferito che le forze governative siriane sono state colpite da sbarramenti di artiglieria turchi mentre cercavano di impadronirsi della città di Saraqeb nella provincia nord-occidentale di Idlib in una nuova spinta per riconquistare l’ultima roccaforte detenuta dai miliziani.

Il cosiddetto Osservatorio siriano per i diritti umani (SOHR) ha detto mercoledì che le forze siriane sostenute da attacchi aerei erano state circondate ed erano entrate a Saraqeb, 15 chilometri (9 miglia) a est della città di Idlib.

I miliziani “sono riusciti a respingere le forze governative dalla maggior parte di Saraqeb in un attacco dalla parte settentrionale della città che è coinciso con il bombardamento turco contro l’avanzata delle forze governative”, ha affermato l’Osservatorio.

Testimoni hanno riferito che le forze governative siriane sono state sottoposte a bombardamenti da posti di osservazione turchi nell’area.

I nuovi scontri si stanno verificando nonostante un accordo di cessate il fuoco del 12 gennaio tra Turchia e Russia, che sostiene le parti opposte del conflitto.

Mercoledì scorso, il presidente turco Recep Tayyip Erdogan ha dichiarato che le forze del governo siriano a Idlib dovranno ritirarsi dietro una fila di posti di osservazione turchi entro la fine di questo mese, avvertendo che se non lo facessero, Ankara li respingerebbe.

Negli ultimi quattro anni, l’esercito turco ha organizzato almeno due invasioni non autorizzate nel nord della Siria per respingere i militanti curdi, che Ankara accusa di nutrire intenzioni sovversive contro l’amministrazione turca.

https://www.presstv.com/Detail/2020/02/06/618021/Turkey-Syria-Idlib-Israel-airstrike

Fonte: Press Tv

Traduzione: Luciano Lago

https://www.controinformazione.info/siria-attaccata-in-contemporanea-da-israele-e-da-turchia/

—————————————————————————————————————————————–

A CURA  DI SIRIA NOTIZIE E INFORMAZIONI

https://sites.google.com/site/siriaelearmichimiche/home/siria-notizie-dal-fronte-10-02-2020

febbraio 10, 2020

GEOPOLITICA: SIRIA-RUSSIA-USA-NOTIZIE 10 02 2020

SIRIA: 10 02 2020

 

AEREI MILITARI TURCHI HANNO CERCATO DI PENETRARE NELLO SPAZIO AEREO SIRIANO, MA QUESTO GLI È STATO IMPEDITO DAI CACCIA SUKHOI RUSSI.

https://www.controinformazione.info/aerei-militari-turchi-hanno-cercato-di-penetrare-nello-spazio-aereo-siriano-ma-questo-gli-e-stato-impedito-dai-caccia-sukhoi-russi/
 
—————————————————————————————————————————————–
 
 

SIRIA NEWS.AI MILITARI RUSSI È STATO PERMESSO DI ABBATTERE GLI AEREI ISRAELIANI ALLA MINIMA MINACCIA.

https://www.controinformazione.info/siria-news-ai-militari-russi-e-stato-permesso-di-abbattere-gli-aerei-israeliani-alla-minima-minaccia/
 
—————————————————————————————————————————————-
 

RUSSIA: ISRAELE HA CERCATO DI UTILIZZARE UN AEREO PASSEGGERI IRANIANO COME SCUDO IN SIRIA

https://www.controinformazione.info/russia-israele-ha-cercato-di-utilizzare-un-aereo-passeggeri-iraniano-come-scudo-in-siria/
 
—————————————————————————————————————————————-
 
 

IL SACERDOTE RACCONTA COME HEZBOLLAH HA PROTETTO I CRISTIANI DURANTE LA GUERRA IN SIRIA

https://www.controinformazione.info/il-sacerdote-racconta-come-hezbollah-ha-protetto-i-cristiani-durante-la-guerra-in-siria/
 
—————————————————————————————————————————————–
 

SIRIA ATTACCATA IN CONTEMPORANEA DA ISRAELE E DA TURCHIA

https://www.controinformazione.info/siria-attaccata-in-contemporanea-da-israele-e-da-turchia/
 
—————————————————————————————————————————————-
 

SIRIA ATTACCATA IN CONTEMPORANEA DA ISRAELE E DA TURCHIA

https://www.controinformazione.info/siria-attaccata-in-contemporanea-da-israele-e-da-turchia/
 
—————————————————————————————————————————————-
Il Sultano ha disatteso tutti gli accordi sul disarmo dei ribelli alqaidisti e ora minaccia d’intervenire militarmente per bloccare l’offensiva governativa nella provincia di Idlib. Gli Usa ne approfittano per rilanciare l’alleanza con Ankara e ritardare la pacificazione siriana.
 
https://it.sputniknews.com/opinioni/202002088695551-siria-putin-e-erdogan-alla-resa-dei-conti/
 
—————————————————————————————————————————————–
 
Cinque militari turchi sono morti ed altri cinque sono stati feriti dopo un attacco di artiglieria delle forze armate siriane contro una postazione di osservazione nella provincia di Idlib, riporta il canale televisivo turco NTV, citando una dichiarazione del Ministero della Difesa della Turchia.
https://it.sputniknews.com/mondo/202002108703720-siria-attacca-posizioni-turche-in-idlib-lesercito-turco-risponde/
 
*************************************************************************************

RUSSIA: 10 02 2020


 
 

QUATTRO DIFENSORI DELLA LPR UCCISI NEL DONBASS DALL’ARTIGLIERIA DI KIEV

 
 
—————————————————————————————————————————————–
 

ZELENSKY HA INVITATO CONTE A CHIUDERE GLI UFFICI LPR E DPR IN ITALIA

 
—————————————————————————————————————————————–
 

LAVROV HA REAGITO ALLE MINACCE STATUNITENSI CONTRO LA ROSNEFT

 
—————————————————————————————————————————————–
 

LA RUSSIA RISPONDERÀ ALL’ESERCITAZIONE “DEFENDER EUROPE 2020” USA-NATO IN EUROPA

 
 
————————————————————————————————————————————-
************************************************************************************
 
 

USA: 10 02 2020

 

GLI STATUNITENSI HANNO INIZIATO L’EVACUAZIONE DI 15 BASI MILITARI IN IRAQ

 
 
—————————————————————————————————————————————–
 

GLI USA IN IRAQ AVEVANO GIÀ PRONTO UN NUOVO OMICIDIO MIRATO

 
 
—————————————————————————————————————————————–
 
 

UN NUOVO ATTACCO DI SABOTAGGIO DEI TERRORISTI FILO USA IN VENEZUELA

 
 
———————————————————————————————————————————–
 

TRUMP E I NEOCON: IL VERO GRUPPO DOMINANTE SULLA POLITICA DI WASHINGTON

 
—————————————————————————————————————————————-
 

IL GRUPPO DI POTERE CHE ORIENTA LE DECISIONI DI TRUMP E DEI NEOCON DI WASHINGTON

 
—————————————————————————————————————————————-
 

UN ANZIANO OPERATORE DI DRONI AMERICANO, PENTITO, RIVELA I CRIMINI DEGLI USA

 
 

“Come i nazisti. Peggio dei nazisti”. Ex operatore dei droni militari USA ricorda le atrocità del suo lavoro e condanna l’assassinio di Soleimani

 
 
—————————————————————————————————————————————-

IN CHE MODO WASHINGTON “ESPORTA LA DEMOCRAZIA” NEI PAESI ATTENZIONATI

 
—————————————————————————————————————————————–
 

LA TV TEDESCA ESPONE LE MENZOGNE ​​SULL’ACCUSA DI STUPRO CON CUI HANNO INTRAPPOLATO JULIAN ASSANGE

—————————————————————————————————————————————–

OPINIONE NON CONFORME DI PETER KÖNIG. IL CORONAVIRUS : UN MODO PER DESTABILIZZARE LA CINA?

 
 
————————————————————————————————————————————
 

NETANYAHU CANCELLA IL SUO DISCORSO A SEGUITO DELLE OPERAZIONI DELLA RESISTENZA

 
—————————————————————————————————————————————–
 

Giornalisti comprati e collusi con la Cia. Il libro di Udo Ulfkotte finalmente in italiano

 
 
—————————————————————————————————————————————–
 

Gli Stati Uniti vogliono sanzionare la compagnia russa Rosneft per le sue relazioni con il Venezuela, ma temono il caos del mercato

 
 
—————————————————————————————————————————————–
 
Il presidente della Repubblica Islamica iraniana ha dipinto Qasem Soleimani come un “uomo che voleva mantenere la stabilità e la pace nella regione” mediorientale
 
 
 
 
 


AURORA SITO RIVISTA DI GEOPOLITICA: ARTICOLI 10 02 2020

 
 

Autore: Aurorasito

 
 
 DI  ALESSANDRO LATTANZIO
 
***********************************************************************************
 
PRIMA PAGINA
La minaccia di guerra di Trump all’Iran generata da menzogne

La minaccia di guerra di Trump all’Iran generata da menzogne

Scritto il10 FEBBRAIO 2020 

PUBBLICATO INCOVERT
Finian Cunningham, SCF 9 febbraio 2020 L’intelligence militare irachena ha scoperto che quasi sicuramente l’attacco missilistico a una base nordamericana…
L’unificazione tedesca fu uno dei peggiori errori di Mosca

L’unificazione tedesca fu uno dei peggiori errori di Mosca

Scritto il10 FEBBRAIO 2020 

PUBBLICATO INSTORIA
Stanislav Borzjakov, Histoire et Societé 10 febbraio 2020 Esattamente 30 anni fa, durante i colloqui col cancelliere tedesco Helmut Kohl,…
Coronavirus, terrorismo biologico?

Coronavirus, terrorismo biologico?

Scritto il10 FEBBRAIO 2020 

PUBBLICATO INCOVERT
Orfilio Peláez, Granma.cu, 7 febbraio 2020 – Histoire et Societe Un articolo pubblicato nel blog personale dal giornalista spagnolo Patricio…
L’occidente e il medico-eroe di Wuhan

L’occidente e il medico-eroe di Wuhan

Scritto il9 FEBBRAIO 2020 

PUBBLICATO INGEOPOLITICA
Bruno Guigue I media occidentali hanno trovato un nuovo osso da masticare sulla Cina: la fiaba del dottore che ha…
L’esercito statunitense è “peggio dei nazisti”

L’esercito statunitense è “peggio dei nazisti”

Scritto il9 FEBBRAIO 2020 

PUBBLICATO INCOVERT
Graig Graziosi, The Independent, 7 febbraio 2020 Un ex-pilota di droni degli Stati Uniti parla contro le atrocità che dice…
Bartini, genio preveggente

Bartini, genio preveggente

Scritto il8 FEBBRAIO 2020 

PUBBLICATO INSTORIA
Jurij Avdeev, Stella RossaTra le priorità del Paese, il Presidente Vladimir Putin ha chiesto l’attuazione di progetti innovativi in vari…
Verità e miti sulla morte di Jurij Gagarin

Verità e miti sulla morte di Jurij Gagarin

Scritto il8 FEBBRAIO 2020 

PUBBLICATO INSTORIA
Andrej Sidorchik, USSR Life – Libertégérie, 29 marzo 2018Nell’aprile 1961, il primo cosmonauta della Terra Jurij Gagarin, un semplice ragazzo sovietico con…
Come gli USA costrinsero Gorbaciov a rinunciare al miglior missile sovietico

Come gli USA costrinsero Gorbaciov a rinunciare al miglior missile sovietico

Scritto il8 FEBBRAIO 2020 

PUBBLICATO INDIFESA
Aleksej Timofeeshev, RBTH 18 gennaio 2018Alla fine degli anni ’80, Washington esercitò una forte pressione su Gorbaciov per ordinare la…
L’evoluzione dei cacciatorpediniere giapponesi moderni

L’evoluzione dei cacciatorpediniere giapponesi moderni

Scritto il8 FEBBRAIO 2020 

PUBBLICATO INDIFESA
Jon Harris, Navalanalyses 28 giugno 2016Dalla fine della Seconda guerra mondiale, il Giappone ha ordinato tanti tipi di cacciatorpediniere quanto…
Il programma della bomba atomica giapponese

Il programma della bomba atomica giapponese

Scritto il8 FEBBRAIO 2020 

PUBBLICATO INSTORIA
Nazi A-BombIl programma atomico giapponese iniziò in modo del tutto indipendente dal programma atomico della Germania nazista. La Germania era…
Il nuovo bombardiere russo Tu-160M decolla per la prima volta

Il nuovo bombardiere russo Tu-160M decolla per la prima volta

Scritto il7 FEBBRAIO 2020 

PUBBLICATO INDIFESA
RT 6 febbraio 2020 Un Tu-160 modernizzato, il noto bombardiere strategico russo, con avionica, comandi e altro equipaggiamento nuovissimo, decollava…
L’F-35 non funziona e l’F-35A non può sparare

L’F-35 non funziona e l’F-35A non può sparare

Scritto il7 FEBBRAIO 2020 

PUBBLICATO INDIFESA
Joel Hruska, ExtremeTech 31 gennaio 2020 Gli statunitensi non sono molto d’accordo in questi giorni, ma per fortuna c’è un…
Discorso di Vladimir Putin allo Yad Vashem: “Questo crimine ha avuto dei complici”

Discorso di Vladimir Putin allo Yad Vashem: “Questo crimine ha avuto dei complici”

Scritto il6 FEBBRAIO 2020 

PUBBLICATO INSTORIA
Histoire et Societé, 06 febbraio 2020 Che si sia d’accordo o meno (personalmente sono doppiamente in disaccordo) con la celebrazione…
“Non c’è la repressione sulla coscienza di Stalin!”

“Non c’è la repressione sulla coscienza di Stalin!”

Scritto il6 FEBBRAIO 2020 

PUBBLICATO INSTORIA
Mikhail Panjukov, Ekspress Gazeta 4 marzo 2018 Meyerkhold scrisse delle denunce, Tukhachevskij preparò la sconfitta dell’Armata Rossa e Babel andava…
La Russia avvicina la Siria al successo

La Russia avvicina la Siria al successo

Scritto il6 FEBBRAIO 2020 

PUBBLICATO INRESISTENZA
Salman Rafi Sheikh, New Eastern Outlook 05.02.2020Nell’ultima settimana di gennaio, James Jeffery, rappresentante speciale degli Stati Uniti per la Siria,…
La Turchia diffonde falsità sull’Esercito arabo siriano

La Turchia diffonde falsità sull’Esercito arabo siriano

Scritto il5 FEBBRAIO 2020 

PUBBLICATO INRESISTENZA
Drago Bosnic, FRN, 4 febbraio 2020 Il ministro della Difesa turco Hulusi Akar affermava che il suo Paese aveva ucciso…
La politica USA contro l’Iran: Culmine della disperazione

La politica USA contro l’Iran: Culmine della disperazione

Scritto il5 FEBBRAIO 2020 

PUBBLICATO INGEOPOLITICA
Tony Cartalucci – LDR, 5 febbraio 2020 La politica nordamericana contro l’Iran ha raggiunto nuove vette di disperazione e nuovi…
L’US Space Force: la peggiore pornografia politica

L’US Space Force: la peggiore pornografia politica

Scritto il5 FEBBRAIO 2020 

PUBBLICATO INGEOPOLITICA
Caleb Maupin, New Eastern Outlook 03.02.2020 Il 3 gennaio 2019, la Cina faceva atterrare il rover Chang-e 4 sul lato…
L’Arabia Saudita è la grande perdente nella guerra contro lo Yemen

L’Arabia Saudita è la grande perdente nella guerra contro lo Yemen

Scritto il4 FEBBRAIO 2020 

PUBBLICATO INRESISTENZA
Raqda Suas, Syria Times, 04 febbraio 2020 La sanguinosa campagna guidata dal regime saudita contro lo Yemen entrerà nel sesto…
L’Esercito arabo siriano ed alleati combattono la “vera guerra al terrore”

L’Esercito arabo siriano ed alleati combattono la “vera guerra al terrore”

Scritto il4 FEBBRAIO 2020 

PUBBLICATO INRESISTENZA
Vanessa Beeley, Global Research, 4 febbraio 2020 Probabilmente la propaganda più odiosa che sia stata emessa dal cartello mediatico occidentale…
Come la Cina gestisce il nuovo coronavirus?

Come la Cina gestisce il nuovo coronavirus?

Scritto il3 FEBBRAIO 2020 

PUBBLICATO INEURASIA
World AffairsSono passate due settimane da quando la parola coronavirus è entrata nel lessico comune della gente in tutto il…
Boris Johnson accusa Donald Trump di danneggiare l’economia globale

Boris Johnson accusa Donald Trump di danneggiare l’economia globale

Scritto il3 FEBBRAIO 2020 

PUBBLICATO INGEOPOLITICA
Alain Tolhurst, Politics Home 3 febbraio 2020 Boris Johnson ha accusato Donald Trump di “sabotare l’economia mondiale” entrando in guerra…
 
 
 
 
 
 
 
CONTINUA NELLA PAGINA
Older Posts »