Mirabilissimo100’s Weblog

marzo 15, 2020

CORONAVIRUS COVID-19 EMERGENZA IN ITALIA:PAKISTANO SPUTA SUI PASSANTI URLANDO CHE HA IL CORONAVIRUS

 

***********************************************************************************
VOX NEWS.INFO
 
15 MARZO 2020
 

PAKISTANO SPUTA SUI PASSANTI: “HO IL CORONAVIRUS”, VANDALIZZA AUTO

E’ accaduto ieri pomeriggio nel cuore di Modena: un pakistano, regolarmente residente nel nostro Paese, di quelli che vanno bene anche a Salvini, ha iniziato a sputare addosso ai pochi passanti che incontrava in pieno centro.Il tutto, continuando ad urlare “Ho il coronavirus” e tentando anche di danneggiare le auto parcheggiate.

L’immigrato è stato inseguito dai cittadini presenti, che nel frattempo hanno contattato le forze dell’ordine comunicando via telefono i suoi spostamenti.

Polizia di Stato, vigili urbani ed un’ambulanza sono corsi sul luogo della segnalazione, identificando il soggetto in una zona poco distante: applicando tutte le precauzioni del caso e regolarmente provvisti di mascherine e guanti gli agenti hanno dapprima provveduto ad immobilizzare a terra il pakistano – invitando i curiosi nelle vicinanze a restare lontani – in seguito lo hanno sottoposto ad un’accurata perquisizione rinvenendo addosso all’asiatico un coltello di grosse dimensioni, che è stato posto sotto sequestro dai poliziotti.

Poi è stato caricato a forza in ambulanza e condotto presso l’ospedale cittadino, dove i medici hanno dapprima provveduto a sedarlo visto il perdurare del suo stato di agitazione, in seguito lo hanno sottoposto a tampone per verificare se veramente fosse positivo al coronavirus. Sarebbe risultano negativo.

Sarà comunque denunciato. Rimandarlo a casa no?

CONTINUA NELLA PAGINA

https://voxnews.info/2020/03/15/pakistano-sputa-sui-passanti-ho-il-coronavirus-vandalizza-auto/

************************************************************************************

QUI ITALIA NEWS

Secondo noi il pakistano ha fatto questa azione come un atto terroristico, con l’attenuante che era in stato di 

agitazione, per alcol, droga…….?

https://sites.google.com/site/quiitalianews/home/coronavirus-covid-19-emergenza-in-italia-3

marzo 9, 2020

SIRIA: FORZE SPECIALI STATUNITENSI SCHIERATE CON AL QAEDA A IDLIB IN TENTATIVO DI FALSE FLAG CONTRO LE FORZE TURCHE

Filed under: guerra, siria, terrorismo, turchia, usa — Tag:, , , — mirabilissimo100 @ 7:55 pm

 
CONTROINFORMAZIONE.INFO
 
9 MARZO 2020
 

Di Gordon Duff con Nahed al Husaini

Le intercettazioni di comunicazione e l’intelligence dall’interno dei gruppi terroristici sostenuti dalla Turchia raccontano una storia interessante. Gli americani sono lì, negli ultimi 2 giorni, carichi di denaro, promesse di passaporti statunitensi e famiglie reinsediate negli Stati Uniti.

Le forze statunitensi lanceranno imboscate e attentati suicidi contro gli avamposti turchi a Idlib per porre fine alla tregua negoziata a Mosca tra Erdogan e Trump il 5 marzo.

Può essere possibile stabilire se il video verrà girato usando le uniformi siriane catturate. Si dice anche che possano partecipare anche ufficiali turchi, alcuni sotto il controllo della CIA / Gulen.

Alcune fonti affermano che gli stessi americani erano scesi da Afrin durante l’attacco chimico fallito cinque giorni fa, in programma in coincidenza con l’invio illegale dell’inviato americano Jim Jeffries con forze terroristiche. Jeffries e il suo partito sono entrati a Idlib attraverso la Siria, incontrando i rappresentanti di Al Qaeda e White Helmet mentre, nelle vicinanze, un certo numero di militanti, tra cui membri dei White Helmets, sono stati gravemente feriti quando sono trapelate le informazioni sulle armi chimiche che stavano progettando di dispiegare.

Le troupe cinematografiche di White Helmet e della Reuters erano sulla postazione per fornire un video drammatico di un inviato americano che trasportava bambini morti, un disastro quando non si è materializzato e l’opportunità è andata persa. Si doveva provocare il pretesto per un intervento delle forze USA su Idlib.

Con il collasso dell’economia americana e la ripresa degli Stati Uniti dalle accuse di un tentativo di colpo di stato contro l’Arabia Saudita, c’erano poche possibilità che alcuni bambini assassinati per Facebook avrebbero fatto la differenza nell’anno elettorale per Trump e la sua amministrazione ora si ritrovava in fallimento dopo fallimento.

Forze turche a nord di Idlib
Nota: Gli USA non rinuciano alla possibilità di provocare una guerra fra la Turchia e le forze Siriane e Russe attestate su Idlib e sono alla disperata ricerca di creare una provocazione (una false flag) in cui coinvolgere le truppe turche.
Vari rapporti segnalano una intensa attività della CIA e di altre agenzie di Intelligence USA nella zona nord della Siria. Washington non si rassegna ad essere esclusa dal controllo della situazione in Siria.

Fonte: Veterans Today https://www.veteranstoday.com/2020/03/08/us-special-forces-deployed-with-al-qaeda-in-idlib-in-false-flag-attack-on-turkish-forces/

Traduzione e nota: Luciano Lago

CONTINUA NELLA PAGINA

https://www.controinformazione.info/forze-speciali-statunitensi-schierate-con-al-qaeda-a-idlib-in-tentativo-di-false-flag-contro-le-forze-turche-aggiornato/

————————————————————————————————————————-

FORZE SPECIALI INGLESI AIUTANO I TERRORISTI NEL SUD SIRIA

UN SOLDATO INGLESE FERITO E’ STATO SOCCORSO

6 03 2020

La RAF si arrampica per salvare il soldato SAS ferito nell’esplosione dello IED in Siria

ESCLUSIVO: gli elicotteri sono decollati dalla RAF Akrotiri a Cipro e hanno volato attraverso lo spazio aereo israeliano e la Giordania settentrionale per evacuarlo dalla Siria meridionale prima di essere portato in una struttura medica nel vicino Iraq

https://www.mirror.co.uk/news/world-news/raf-scramble-save-sas-soldier-21642140

————————————————————————————————————–

A CURA DI RIVISTA DI GEOPOLITICA

https://sites.google.com/site/rivistadigeopolitica/home/siria-forze-speciali-statunitensi-schierate-con-al-qaeda-a-idlib-in-tentativo-di-false-flag-contro-le-forze-turche

SIRIA: UN FALSO ATTACCO CHIMICO DA PARTE TERRORISTA FALLITO

Filed under: guerra, siria, terrorismo, turchia, usa — Tag:, , , , , — mirabilissimo100 @ 7:45 pm

 
I TERRORISTI DI IDLIB AVEVANOPREPARATO UN FALSO ATTACCO CHIMICO
INIZIO FEBBRAIO 2020
ECCO LA NOTIZIA  DEL 5 03 2020 CHE UN ATTACCO CHIMICO E’ ANDATO MALE E TROVATO IL SITO DEI FALSI ATTACCHI
E SCOPERTA LA COLLABORAZIONE FRA FORZE SPECIALI USA E TERRORISTI
 
—————————————————————————————————————————————–
MAURIZIO BLONDET
 
5 02 2020
 
PRONTO IL FILM DEI CASCHI BIANCHI PER ACCUSARE ASSAD DI “GASARE IL SUO POPOLO
I caschi bianchi hanno girato un nuovo falso video di “attacco chimico di Assad” nell’Idlib siriano, ha detto il MoD russo. Il film, coprodotto dal noto White Helmets, dovrebbe essere rilasciato a breve sui social media.

La produzione del nuovo film si è conclusa martedì nel villaggio di Zerba, situato nella parte controllata dai militanti della provincia siriana di Idlib, ha detto il Centro russo per la riconciliazione siriana, citando diverse fonti indipendenti.

Il video, girato dal noto gruppo White Helmets in collaborazione con terroristi locali, pretende di mostrare le conseguenze di un “attacco chimico” sui civili da parte delle truppe governative siriane.

Il filmato, secondo il MoD, mostra i “soccorritori” che vagano in un folto pennacchio di “gas color senape” e si occupano delle “vittime ” dell’attentato “attacco”.

Secondo l’esercito russo, il video dovrebbe essere rilasciato a breve sui social media per essere raccolto dagli organi di informazione pro militanti nel mondo arabo e in Occidente. Numerosi “attacchi chimici” in Siria sono stati incolpati dal governo del paese dai militanti nel corso della guerra, che infuria nel paese dal 2011.

I presunti “attacchi” di solito si verificano durante i rapidi progressi dell’esercito siriano contro militanti e terroristi antigovernativi. Negli ultimi giorni, l’esercito siriano ha sfondato le difese jihadiste a Idlib e ha rapidamente liberato un territorio che era sotto il controllo dei militanti per anni.

Il gruppo White Helmets, finanziato dal Regno Unito e dagli Stati Uniti, che si pubblicizza come un’organizzazione umanitaria “imparziale” che cerca di salvare i civili della Siria, è stato un tesoro per anni. Un documentario di Netflix al riguardo ha anche vinto il premio Oscar nel 2016. Il gruppo, tuttavia, ha anche operato quasi esclusivamente in parti della Siria detenute da jihadisti, e si ritiene che abbia forti legami con il ramo locale di Al Qaeda. Le forze armate russe avevano precedentemente accusato il gruppo di partecipare a video in scena di presunti attacchi chimici.

https://www.rt.com/news/480057-video-fake-chemical-attack/

CONTINUA NELLA PAGINA

https://www.maurizioblondet.it/pronto-il-film-dei-caschi-bianchi-per-accusare-assad-di-gasare-il-suo-popolo/

————————————————————————————————————————-

 
 
SOUTH FRONT .ORG
 
5 03 2020
 

 I “RIBELLI MODERATI” SI GASANO PER ERRORE

All’inizio del 5 marzo, l’aeronautica israeliana ha effettuato una serie di attacchi aerei contro obiettivi nelle province siriane di Homs e Quneitra. Secondo l’esercito siriano, l’attacco è stato condotto dallo spazio aereo libanese alle 00:30 ora locale. Gli aerei da guerra israeliani hanno usato due voli civili della Qatar Airways come copertura per i loro attacchi. La parte siriana ha affermato di aver intercettato tutti i missili ostili. Tuttavia, a Quneitra sono state riportate esplosioni a terra. Pertanto, almeno alcuni di loro in effetti hanno colpito i loro obiettivi.

I precedenti attacchi israeliani in Siria si sono verificati il ​​2 marzo e il 23 febbraio. Il 2 marzo, un elicottero d’attacco israeliano ha distrutto un veicolo nella provincia di Quneitra dopo che le truppe israeliane nelle alture del Golan sarebbero state colpite da un cecchino. Il 23 febbraio gli aerei da guerra israeliani hanno preso di mira posizioni del gruppo palestinese della Jihad islamica a Damasco.

“Completamente per caso”, l’aumento delle azioni militari israeliane in Siria è avvenuto in seguito all’escalation del conflitto siriano-turco a Idlib.

Il 4 marzo, Hayat Tahrir al-Sham, il Partito islamico del Turkistan e altri gruppi collegati ad al-Qaeda sostenuti dall’esercito turco hanno fatto un altro tentativo di riconquistare la città di Saraqib, situata sull’incrocio delle autostrade M4-M5, dall’esercito siriano . Nonostante l’intensa artiglieria e il supporto aereo della Turchia, i membri di al-Qaeda non sono riusciti a raggiungere il loro obiettivo.

I sostenitori della 25a divisione delle forze speciali e Hezbollah schierati lì affermano che le forze a guida turca hanno subito notevoli perdite negli scontri ma non forniscono numeri particolari. Le prove video dal terreno confermano che le forze filo-governative hanno riconquistato un carro armato da battaglia T-90 che avevano perso in precedenza nella stessa area.

Anche le truppe siriane entrarono nel villaggio di Afis a nord di Saraqib ma non riuscirono a garantirlo completamente. Il villaggio rimane contestato. Se le forze a guida turca mantengono il controllo su di essa, saranno in grado di eseguire attacchi su veicoli che si muovono attraverso l’autostrada M5 da Saraqib ad Aleppo.

Lo stesso giorno, 2 soldati turchi sono stati uccisi e altri 6 sono rimasti feriti nel fuoco di artiglieria dell’esercito siriano nell’Idlib orientale. In risposta, l’esercito turco ha tentato di abbattere un aereo da guerra siriano Su-22 che bombardava le posizioni di al-Qaeda a ovest di Saraqib. I sostenitori turchi affermano che un missile anti-aereo è stato lanciato da un jet da combattimento F-16. Tuttavia, molto probabilmente si trattava di un MANPAD lanciato da uno dei cosiddetti “posti di osservazione” della Turchia nell’area. Nelle scorse settimane, i soldati turchi sono stati più volte avvistati lanciando MANPAD su aerei siriani e russi. Il ministero della Difesa russo afferma ufficialmente che i posti di osservazione turchi si sono fusi con basi terroristiche e sono stati utilizzati per eseguire attacchi contro aree controllate dal governo. Tuttavia, i soldati turchi circondati dall’esercito siriano continuano a godere della sicurezza e di ricevere rifornimenti.

Le battute d’arresto nell’Idlib meridionale e orientale hanno costretto la Turchia e i suoi delegati a spostare l’attenzione dei loro sforzi militari. Alla fine del 4 marzo, le forze di al-Qaeda sostenute dalla Turchia attaccarono posizioni dell’esercito siriano nella parte occidentale di Aleppo. Entro la mattina del 5 marzo, avevano catturato il villaggio di al-Sheikh ‘Aqil e al-Rraqim Hilltop. Il controllo di queste posizioni consentirà loro di bombardare il sobborgo occidentale della città di Aleppo in modo più efficace.

Dall’inizio delle azioni militari turche a Idlib a febbraio, le forze armate siriane hanno abbattuto 13 UAV militari turchi, affermano fonti pro-governative. Secondo loro, questo numero include 7 droni da combattimento Bayraktar TB2 e TAI Anka. Va notato che solo una parte di queste affermazioni è stata confermata da prove visive.

I militanti Hayat Tahrir al-Sham hanno tentato di organizzare una provocazione chimica nella parte orientale di Idlib, ma si sono avvelenati, ha riferito il ministero della Difesa russo il 4 marzo. Secondo il rapporto, i membri di Hayat Tahrir al-Sham hanno in programma di organizzare l’incidente il 2 marzo durante l’esercito siriano avanza nella parte occidentale di Saraqib facendo esplodere i contenitori con una sostanza chimica, ma una perdita del contenitore ha causato vittime tra i militanti stessi.

CONTINUA NELLA PAGINA

https://southfront.org/turkish-drones-falling-in-idlib-moderate-rebels-gas-themselves-by-mistake/?fbclid=IwAR2z8MyhtXfkYeGsq9fQ2fxvy5_g9vMUxPUpCcOD4tUZbXlHR-wmzALS5ic

—————————————————————————————————————————————-

Syrian Army Found Place Where Militants Planned Chemical Provocation In Greater Idlib (Photos)

SOUTH FRONT.ORG

8 03 2020

L’ESERCITO SIRIANO HA TROVATO IL LUOGO IN CUI I MILITANTI PIANIFICAVANO LA PROVOCAZIONE CHIMICA A IDLIB

L’esercito arabo siriano (SAA) ha trovato il luogo in cui i militanti pianificavano di organizzare una provocazione chimica vicino alla città di Saraqib, nel sud-est di Idlib, secondo quanto riferito dalla TV Russia-24 Russia l’8 marzo.

Le truppe siriane hanno scoperto una munizione a propulsione a razzo contenente una sostanza chimica, un dispositivo esplosivo improvvisato (IED) e attrezzature per lavorare con sostanze chimiche pericolose.

“Durante un’ispezione più approfondita accanto al contenitore del liquido è stato scoperto un dispositivo esplosivo improvvisato con i fili forniti. La nostra attrezzatura ha registrato che la sostanza gialla nel contenitore è una sostanza tossica chimica. I risultati dell’analisi preliminare, il cloro “, ha dichiarato il canale siriano, Hassan Bashir.

L’agenzia RIA Novosti ha pubblicato diverse foto che mostrano i materiali e le attrezzature trovati dall’ASA vicino alla città di Saraqib.

I militanti di Hay’at Tahrir al-Sham (HTS), affiliato ad al-Qaeda, hanno  tentato  di usare le sostanze chimiche per organizzare una provocazione il 2 marzo. Tuttavia, hanno finito per avvelenarsi, secondo il Ministero della Difesa della Russia.

La provocazione dei militanti aveva probabilmente lo scopo di giustificare un intervento degli Stati Uniti e di altre nazioni occidentali contro l’ASA. Piani simili sono stati scoperti da fonti russe, siriane e libanesi nell’ultimo anno.

VEDI LE FOTO CONTINUA NELLA PAGINA

https://southfront.org/syrian-army-found-place-where-militants-planned-chemical-provocation-in-greater-idlib-photos/?fbclid=IwAR0Xk2H8BGT5D9T1ANXft_zvQ2lY8vx_W2Mnv1pEgPNIA5N1SNWyOg4HFB8

———————————————————————————————————————————-

Forze speciali statunitensi schierate con Al Qaeda a Idlib in False Flag Attack contro le forze turche

Di Gordon Duff con Nahed al Husaini

  

VT 8 03 2020

Le intercettazioni di comunicazione e l’intelligence dall’interno dei gruppi terroristici sostenuti dalla Turchia raccontano una storia interessante. Gli americani sono lì, negli ultimi 2 giorni, carichi di denaro, promesse di passaporti statunitensi e famiglie reinsediate negli Stati Uniti.

Le forze statunitensi lanceranno imboscate e attentati suicidi contro gli avamposti turchi a Idlib per porre fine alla tregua negoziata a Mosca tra Erdogan e Trump il 5 marzo.

Può essere possibile stabilire se il video verrà girato usando le uniformi siriane catturate. Si dice anche che possano partecipare anche ufficiali turchi, alcuni sotto il controllo della CIA / Gulen.

Alcune fonti affermano che gli stessi americani erano scesi da Afrin durante l’attacco chimico fallito cinque giorni fa, in programma in coincidenza con l’invio illegale dell’inviato americano Jim Jeffries con forze terroristiche. Jeffries e il suo partito entrarono a Idlib attraverso la Siria, incontrando i rappresentanti di Al Qaeda e White Helmet mentre, nelle vicinanze, un certo numero di militanti, tra cui membri dei White Helmets, furono gravemente feriti quando trapelarono le armi chimiche che stavano progettando di dispiegare.

Le troupe cinematografiche di White Helmet e Reuters erano sulla stazione per fornire un video drammatico di un inviato americano che trasportava bambini morti, un disastro quando non si è materializzato e l’opportunità è andata persa.

Con il collasso dell’economia americana e la ripresa degli Stati Uniti dalle accuse di un tentativo di colpo di stato contro l’Arabia Saudita, c’erano poche possibilità che alcuni bambini assassinati per Facebook avrebbero fatto la differenza nell’anno elettorale per Trump e la sua amministrazione ora si ritrovava in fallimento dopo fallimento.

CONTINUA NELLA PAGINA

https://www.veteranstoday.com/2020/03/08/us-special-forces-deployed-with-al-qaeda-in-idlib-in-false-flag-attack-on-turkish-forces/

———————————————————————————————————–

A CURA DI RIVISTA DI GEOPOLITAICA

https://sites.google.com/site/rivistadigeopolitica/home/siria-un-falso-attacco-chimico-da-parte-terrorista-fallito

 

SIRIA: CHI FINANZIA I TAGLIAGOLA DELL’ISIS?

Filed under: siria, terrorismo, usa — Tag:, , , , — mirabilissimo100 @ 7:37 pm


RIVISTA DI GEOPOLITICA
 
9 03 2020
 
ISIS O DAESH: DA RICORDARE CHE SONO STATI FORMATI E SOSTENUTI DAGLI USA E LORO ALLEATI
 
NOTIZIE VARIE DEGLI ANNNI 2014-2015
 

Bianca per le presidenziali 2016. Rand Paul, senatore, libertario, non-intervenzionista, è sicuro che dietro l’ascesa dell’Isis ci sono gli americani, anzi, “un paio di  repubblicani esperti di affari esteri” – Lindsey Graham e John McCain (quest’ultimo sconfitto da Obama nel 2008 e oggi guerrafondaio n.1). “Isis è sempre più forte perché i falchi nel nostro partito hanno fornito indiscriminatamente armi agli estremisti”, ha detto a Morning Joe su Msnbc il senatore. “Volevano far fuori Assad e bombardare la Siria. Sono stati loro a creare questa gente”. E poi: “Tutto quel che i falchi hanno fatto e detto in politica estera negli ultimi 20 anni riguardo a Iraq, Siria e Libia, lo hanno sempre sbagliato”.

La tesi non è inedita. Anzi è storia. L’11 settembre ha cambiato il  corso degli eventi in quanto risultato degli errori di Washington, che in Afghanistan e Pakistan per anni ha finanziato gruppi di insorti per rovesciare i governi locali.

La situazione oggi è fluida o in stallo, tutti attendono che a giugno sia verificata l’efficacia dell’accordo sul nucleare in Iran impostato da Obama (personalmente credo che la lungimiranza del presidente americano verrà capita solo in futuro). Nonostante Isis resti una minaccia, Obama si guarda bene dall’inviare “truppe sul  campo” per sconfiggere i 25.000 terroristi dello Stato Islamico. Non sarà perché nelle fasce ‘manipolabili’ della popolazione (in Italia leghisti e destre ‘di pancia’) l’operazione “alert terrorismo” ha già dato i frutti? Con i video raccapriccianti di decapitazioni o l’abbattimento di reperti archeologici in città storiche, lo scopo è raggiunto: scatenare nelle masse la reazione psicologica paura/odio/voglia di punizione.

Cospirazionismo? Decidete voi. Ma che direste sapendo che la tesi della ‘regia occulta’ ha avuto l’avallo anche ai massimi livelli dell’amministrazione di Washington? Ne ha parlato il n. 2 di  Barack Obama, Joe Biden, vice-presidente degli Stati Uniti. In un discorso tenuto  all’Università di Harvard, in Massachusetts, Biden (notoriamente incline alle gaffe) ha accusato i paesi alleati Usa nel Golfo – Turchia, Emirati Arabi Uniti, Arabia Saudita e Qatar – di non fare abbastanza per combattere Isis e, peggio, di essere loro i finanziatori del gruppo che ha preso il posto di Al-Qaeda (surclassando in un anno i seguaci di Osama bin Laden per brutalità, strategia,  soldi e marketing mediatico).

Basta rileggersi il trascript di un programma andato in onda su Cnn il 7 ottobre 2014 per averne conferma – Joe Biden: “Hanno fatto piovere centinaia di  milioni di dollari e decine di migliaia di tonnellate di armi nelle mani di chiunque fosse in grado di combattere contro Assad, peccato che chi ha ricevuto i rifornimenti erano… al Nusra, al Qaeda e gli elementi estremisti della Jihad provenienti da altre parti del mondo”.

L’amministrazione Obama ha presentato scuse formali e ritrattazioni. Ma in privato, funzionari della Casa Bianca ammettono che “mentre il vice-presidente è stato poco diplomatico, la sua posizione non è errata quando dice che soldi e armi sono finiti nelle mani di estremisti”. Corollario: le frasi dell’unico “uomo onesto a Washington” (come è stato definito Biden) unite alla dichiarazione di Rand Paul sul ruolo dei falchi repubblicani, in pratica ufficializzano l’asserzione secondo cui dietro Isis ci sono i paesi arabi alleati dell’America con la regia del governo di Washington.

Una settimana fa, ulteriore inattesa conferma. Il gruppo conservatore americano “Judicial Watch” ha reso pubblico un rapporto ‘top secret’ della Dia (Defense Intelligence Agency), i servizi segreti del Pentagono. Il documento, 7 pagine, datato 12 agosto 2012, espone il solito errore geopolitico di sempre. La Dia prevede e convalida la creazione di uno Stato islamico per sbarazzarsi del presidente siriano Bashar al-Assad, la cui dittatura – oggi sappiamo – ha causato il  massacro di oltre 200.000 vittime nella guerra civile siriana. Ma la nascita di un “principato salafita” che “unifichi l’estremismo jihad tra sunniti in Iraq e in Siria” non impedisce un’altra accurata previsione: “Assad rimarrà al potere”.

La scorsa estate Isis ha conquistato Mosul in Iraq, il mese scorso ha preso il controllo anche di Ramadi. E da tre giorni  la bandiera nera dello Stato Islamico sventola anche nella storica città siriana di Palmyra.

Il papello desecretato suscita domande inquietanti. Uno, diventa lecito mettere in dubbio gli sforzi che ampliano i poteri statali anti-terrorismo, cioè il monitoraggio di Cia e Nsa da parte del governo Usa, e dei servizi in Uk e altri paesi alleati (anche in Italia per il Giubileo di ottobre). Due, l’Occidente combatte contro un nemico comune che però è nato in laboratorio come il mostro di Frankenstein, grazie a maneggi ed alchimie degli stessi suoi creatori per fini geopolitici inconfessabili. Ecco perché non ha senso continuare a fare gli stessi errori  degli ultimi 20 anni, come dice l’ottimo Rand Paul.

 
 

CONTINUA NELLA PAGINA

 
https://www.ilfattoquotidiano.it/2015/05/30/isis-chi-lo-finanzia-americani-e-alleati-naturalmente/1733028/?fbclid=IwAR1mpbtwS6fvYzpnUQHpsE2F1Xhj4j8Npk7ZQBd4EZsO8bNGoPzUHjukn50

Il senatore USA Rand Paul conferma che gli USA e altri loro alleati finanziano ISIS, come abbiamo evidenziato nei nostri articoli.

All’elenco delle nazioni che hanno finanziato l’ISIS indicate dal senatore Usa (“Usa, Arabia Saudita, Qatar e altri paesi”) possiamo aggiungere con sicurezza Turchia e Kuwait; in particolare il governo turco ha dato un grande supporto agli uomini di Al Baghdadi, consentendo ai jihadisti provenienti dai paesi caucasici – in particolare da Cecenia e Uzbekistan – di introdursi in Siria tramite i confini turchi, dove erano operativi agenti dei servizi segreti (turchi) che hanno fornito armi ai miliziani e hanno fatto da tramite tra i terroristi ed i servizi segreti di Usa, Israele e Inghilterra (i paesi coinvolti nel progetto ISIS secondo le dichiarazioni di Snowden )

Inoltre almeno il 10% dei miliziani sono di nazionalità turca; una percentuale assai elevata, se consideriamo che all’ISIS hanno aderito terroristi provenienti da tutti i paesi islamici e diverse centinaia provengono dall’Europa: in particolare Inghilterra e Germania (nazioni dove la presenza di cittadini islamici è elevata, in Germania la comunità turca è molto numerosa: si parla di 1,7 milioni di persone) secondo il viminale alcune decine sono “italiani”. Sono almeno 35 le nazionalità “rappresentate” tra i miliziani del califfato.

ISIS-USA: la dichiarazione del parlamentare iracheno
Ieri il parlamentare iracheno Mohammed Sehoud ha dichiarato: “Gli Usa hanno bombardato l’ #ISIS perché si è esteso più di quanto concordato con essi“. La notizia, ripresa da fonti irachene, è riportata dalla pagina Tg 24 Siria, che si è sempre rivelata molto attendibile.

NON ci sentiamo di condividere la teoria avanzata dal parlamentare iracheno, ma essa conferma, se ce ne fosse bisogno, i legami tra ISIS e USA, che in particolare nell’area medio orientale sono ben noti… come è NOTORIO che Abu Bakr Al Baghdadi sia un AGENTE DELLA CIA e del MOSSAD, che in passato ha lavorato in operazioni di spionaggio nei paesi islamici; lo ha affermato Edward Snowden, ma anche i servizi iraniani e altre fonti…

Gli USA non hanno deciso di bombardare i miliziani ISIS perché questi si sono espansi più di quanto concordato con gli USA come sostiene il deputato iracheno; Secondo quanto abbiamo avuto modo di apprendere tramite approfondite ricerche, coadiuvate da blogger siriani e un blogger tunisino, i motivi sono altri; in parte ne abbiamo parlato nell’articolo: “Gli attacchi USA ai terroristi ISIS? Operazione di facciata!” – torneremo presto sulla questione con importanti aggiornamenti su questioni di cui i mass media non parleranno mai…

 
 
Aggiornamento: ISIS, Hillary Clinton ammette il coinvolgimento USA: L’ex segretario di Stato Usa rivendica la creazione della guerriglia islamista, in funzione anti Assad. Poi accusa Obama di averne perso il controllo a causa della sua posizione troppo attendista. Leggi l’articolo:  Hillary Clinton: L’Isis è roba nostra, ma ci è sfuggita di mano
 
CONTINUA NELLA PAGINA
 
 
 
**********************************************************************************
 
IL GIORNALE.IT
 
16  11 2015
 
RAFFAELLO BINELLI
 
 

Putin: Isis finanziato da 40 Paesi, anche membri del G20

 
Il leader russo al summit del G20: i jihadisti dell’Isis sono finanziati da persone fisiche provenienti da 40 paesi
 
Il presidente russo, Vladimir Putin, punta il dito contro i finanziatori dell’Isis, finanziati da persone fisiche provenienti da 40 Paesi, tra cui anche membri del G20.
 

Il leader russo ha precisato inoltre di aver condiviso con i colleghi del summit ad Antalya (G20) i dati in suo possesso sul finanziamento ai terroristi.

L’incontro Putin-Obama

A margine dei lavori del G20 ad Antalya si è svolto un faccia a faccia tra Putin e Obama. Com’è andata? L’incontro è stato costruttivo, ma non segna una svolta nelle relazioni fra Russia e Stati Uniti, ha precisato il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov. Il colloquio, che non era in programma, “dimostra che non c’è alternativa al dialogo” bilaterale, ha aggiunto Peskov. “Sarebbe assolutamente irrealistico aspettarsi che un incontro di 20 minuti possa essere foriero di una inversione a U nelle relazioni bilaterali che rimangono dove sono, così come le divergenze”, ha spiegato il portavoce, aggiungendo che tuttavia “c’è la consapevolezza che il dialogo fra Russia e Stati Uniti non ha alternative, e questo è un fatto”. Nel corso del colloquio i due leader hanno discusso di Siria ma anche di Ucraina.

CONTINUA NELLA PAGINA

https://www.ilgiornale.it/news/mondo/putin-isis-finanziato-40-paesi-anche-membri-g20-1194975.html

 
************************************************************************************
Risultato immagini per ISIS FINANZIATO CIA
 
 

Isis – Un ex agente CIA rivele: è un nemico totalmente creato e finanziato dagli Stati Uniti !!

 
 

L’ex collaboratore della CIASteven Kelley ha detto che l’ISIS è un nemico totalmente creato e finanziato dagli Stati Uniti. “E’ un nemico completamente creato”, ha detto Kelley in un’intervista a Press TV da Anaheim, in California.

“I finanziamenti arrivano dagli Stati Uniti e dai suoi alleati e il fatto che le persone pensino che questo sia un nemico che deve essere attaccato in Siria o in Iraq è una farsa, dato che è chiaramente qualcosa che abbiamo creato, controlliamo, e solo ora è diventato svantaggioso attaccare questo gruppo come un nemico legittimo”, ha aggiunto l’ex agente della CIA.

Le parole di Kelley arrivano in un momento in cui il presidente degli Stati Uniti Barack Obama cerca l’approvazione del Congresso prima diestendere la campagna aerea americana su obiettivi Isis in Iraq e Siria. Il Pentagono ha lanciato finora circa cento raid su obiettivi Isis nel nord dell’Iraq da quando è stato autorizzato l’uso della forza a inizio agosto.

“Se vuoi risolvere il problema alla radice e rimuovere questa organizzazione è togliere i finanziamenti e occuparsi delle entità responsabili della creazione di questo gruppo. Credo che il gruppo probabilmente andrebbe via, sarebbe sconfitto dalle armate di Bashar Assad”, ha concluso Kelley.

CONTINUA NELLA PAGINA

http://zapping.altervista.org/isis-un-ex-agente-cia-rivele-e-un-nemico-totalmente-creato-e-finanziato-dagli-stati-uniti/

************************************************************************************

ISIS sarebbe stata creata dalla CIA

 

L’ex agente Cia Steven Kelley ha detto che Isis è un gruppo terroristico creato, realizzato e finanziato dalla Cia.

Nella intervista, effettuata dall’emittente Press TV ad Anaheim, California, e riportata dal blog yournewswire.com, il 12 febbraio, Kelley afferma che Isis «è un nemico del tutto inventato (…) Il suo finanziamento proviene dagli Stati Uniti e dai suoi alleati e far credere alla gente che questo nemico sia qualcosa che debba essere attaccata in Siria o in Iraq è una farsa, perché questo nemico è l’abbiamo creato noi, controllato noi, e ora è scomodo per noi pensare di attaccarlo come legittimo nemico», ha detto Kelley.
L’ex agente Cia ha fatto queste dichiarazioni mentre il presidente Barack Obama sta cercando di ottenere l’approvazione del Congresso prima di espandere la campagna aerea di Washington dall’Iraq nella vicina Siria, contro obiettivi dello Stato Islamico.
Il Pentagono ha già lanciato oltre 100 attacchi aerei sulle posizioni Isis nel nord Iraq da quando Obama ha autorizzato l’uso della forza contro il gruppo terroristico.
La Casa Bianca insiste che non ha bisogno di esplicita autorizzazione del Congresso per le operazioni in quanto sono destinate a proteggere il personale e gli interessi americani all’interno del paese arabo. Kelley, in un passaggio, afferma che Isis sarebbe poi sfuggito di mano perché non era “autorizzato” a operare in Siria.
«Se si vuole arrivare alla radice del problema e eliminare questa organizzazione, la prima cosa che occorre fare è tagliare i finanziamenti e procedere contro gli enti responsabili della creazione di questo gruppo», ha detto Kelley.

CONTINUA NELLA PAGINA

https://www.agcnews.eu/isis-cia-creatura/

************************************************************************************

KENNETH O’KEEFE EX UFFICIALE USA AMMETTE L’ ISIS-ISIL E’ UNA CREATURA DEI GOVERNI BUSH-OBAMA, CIA-NATO

 IL TERRORISMO MADE IN MOSSAD-DOD-CIA-NSA-PENTAGONO-NATO-BCE-P2-ONU-SCEICCHI SAUDITI E DEI GOVERNI NEOCONS OBAMA-BUSH

 
Dichiarazioni ufficiali
 
Hillary Clinton: “L’Isil è roba nostra, ma ci è sfuggita di mano”
 
Edward Snowden:” l’Isil è stato addestrato dalla Cia e dal Mossad.
Le casseforti dell’Isis sono Ubs e Hsbc. Obama si sapeva dal 2008
a Washington ed il mondo sta realmente facendo guerra all’Isis, i soldati britannici combattono al fianco dell’Isil
 
Generale Wesley Clark ammette: “L’ISIS è nato grazie al finanziamento dei nostri amici e alleati per combattere fino alla morte contro Hezbollah

INTERVISTA ALL’ EX MARINE KENNETH O’KEEFE

Press TV ha condotto un’intervista con Kenneth O’Keefe, un ex  Marine degli Stati Uniti e attivista per la pace, a Londra, per discutere la situazione in Medio Oriente.

Quello che segue è una trascrizione del colloquio.

Press TV: Che cosa ne pensi di questo? Da un lato molti potrebbero dire che gli Stati Uniti sono almeno in parte dietro la formazione di ISIL. Tuttavia, ora che ha dichiarato guerra alla ISIL.

O’Keefe: Si adatta molto bene. Sono assolutamente d’accordo. Non so nemmeno vedo come non ci può essere alcun dibattito sull’opportunità o meno gli Stati Uniti attraverso i suoi procuratori, principalmente il Qatar, gli Emirati Arabi Uniti e Arabia Saudita, finanziando questi psicopatici.  

Li vediamo in giro nel migliore equipaggiamento americano: giubbotti antiproiettile, formazione corazzati da trasporto truppa, che hanno ricevuto. Questo è tutto molto evidente. In Giordania e in altri luoghi del Medio Oriente, anche in Turchia, che sono stati autorizzati a inondare attraverso le frontiere. Tutti i confini adiacenti in Iraq e in Siria, soprattutto Turchia e Giordania, sono stati aperti in modo che questi psicopatici possono entrare. Per molti anni abbiamo finanziato questi psicopatici. In realtà, tutto quello che sono è solo una forma rimarchiata di al-Qaeda, che è una creazione della CIA. Torniamo al Mujahideen e la lotta contro l’invasione sovietica e così via e così via. Si tratta di una creazione, un mostro, un Frankenstein creato da noi. E ‘stato finanziato da noi, e se volevamo fermare la sua esistenza tutti avremmo dovuto fare è smettere di finanziarla. Ma naturalmente i poteri forti vogliono nessuna parte di questo.

Press TV: Cosa ne pensi di alcuni analisti dicono gli Stati Uniti stanno ora usando questo come una backdoor per fare attivamente quello che volevano fare più di tre anni fa, e che è quello di eliminare sostanzialmente il governo di Assad?

O’Keefe: Sono assolutamente d’accordo con questo. Naturalmente ciò che accadrà è proprio come la campagna di Libia, dove la NATO ha preso il ruolo di primo piano – si parla di una no-fly zone, ma in realtà quello che era stato un mezzo per essere in grado di colpire gli obiettivi che erano essenziali per la difesa della Libia sotto Gheddafi. Naturalmente vediamo la Libia ora.
Vediamo lo stesso modello in Iraq. Vediamo questo schema continuamente in Afghanistan. Noi siamo quelli che presumibilmente hanno combattuto una guerra contro il terrorismo all’indomani di 9/11 e da allora questa folle guerra al terrore, che non è altro che una guerra sponsorizzata dallo stato di terrore, abbiamo visto l’ascesa e la crescente terroristi elementi all’interno il Medio Oriente.  

Non so perché qualcuno pensa che questo sarà diverso. In realtà, questo è l’obiettivo a lungo termine dei poteri forti, sono felice di vedere questo tipo di fanatismo, perché giustifica la continuazione del puntellamento del complesso militare industriale e il ciclo senza fine della guerra. Tenete a mente che i bankster, quelli che gestiscono il mondo, che vogliono la guerra. La guerra è PROFITTO per loro. E il popolo, noi siamo quelli che devono fermare questa follia. In realtà, la chiave del sistema di petrodollari che consente un numero illimitato di fondi che vanno a questi psicopatici.

Press TV: Pensi che il popolo americano è daccordo con questo? Perché Siamo stanchi della guerra  dopo l’Iraq e l’Afghanistan dopo, e in realtà un mese fa, quando sono stati presi i sondaggi erano assolutamente contro l’essere coinvolti nella situazione in Siria o guerra in generale.  

Tuttavia, sembra con questa situazione con ISIL e, naturalmente, le immagini costanti che abbiamo di omicidi raccapriccianti di questo gruppo, ha una sorta di iniziato a fare un cambiamento con la prospettiva di un sacco di americani. Come si vede nel complesso?

O’Keefe: Non credo che possiamo sottovalutare il potere della propaganda. Anche se il potere della propaganda è andata scemando nel corso degli ultimi 10 anni, in particolare nel periodo successivo 9/11, ci sarebbe sciocco pensare che gli americani sono così sintonizzati e composti in e comprensione di ciò che sta realmente accadendo che essi non sarebbe indotti a un’altra guerra che non fanno altro che distruggere tutti coloro che ne partecipano 

Non so se hanno intenzione di riuscire a ottenere qualsiasi tipo di livello di consenso reale e il sostegno degli Stati Uniti.  
Ma non mi sorprenderebbe, e alla fine ci si torna di nuovo allo stesso punto, che è lungo come abbiamo questo sistema di petro-dollari con i banchieri privati ​​che eseguono il mondo attraverso una fornitura infinita di denaro, si convogliare quel denaro per questi psicopatici che effettueranno le politiche che sono in realtà vantaggioso per loro.


tradotto da INR su Presstv

IL SENATORE JOHN MC CAIN PORTAVOCE-SPONSOR DEI TERRORISTI DELL ISIS


15 settembre – In un editoriale pubblicato su Boulevard Voltaire, Thierry Meyssan è tornato qualche giorno fa sulle fotografie e video apparsi su diversi media e che mostrano il senatore repubblicano, ex candidato alla Casa Bianca, John McCain in compagnia di rappresentanti di fazioni opposte al regime siriano, fra cui Al Baghdadi, futuro califfo dello Stato Islamico.
Meyssan parla anche di una riunione organizzata dalla NATO il 4 febbraio 2011 al Cairo per lanciare la “primavera araba” in Libia e in Siria. A suo dire la riunione era presidiata da John McCain.
Il 22 febbraio 2011, scrive, John McCain era in Libano per organizzare il trasferimento di armi in Siria. Dopo aver lasciato il Libano, aveva ispezionato la frontiera siriana e individuato i villaggi che sarebbero serviti come base ai mercenari per la guerra che si stava preparando.
Meyssan scrive anche dell’incontro in Siria di McCain con i leader dell’opposizione armata: “Il viaggio era stato organizzato dalla Syrian Emergency Task Force, che contrariamente a quanto fa pensare il suo nome è un’organizzazione sionista guidata da un membro palestinese dell’AIPAC [un gruppo di pressione americano noto per il forte supporto allo stato di Israele, ndr].
Sulle immagini che erano state diffuse si nota la presenza di Mohammad Nour, portavoce del fronte terrorista Al-Nosra. Interrogato sulla sua vicinanza a terroristi islamici, il senatore repubblicano aveva affermato di non conoscere Mohammad Nour, che si era intrufolato nella foto di sua iniziativa.
Supponendo che effettivamente McCain non conoscesse Mohammad Nour, l’obiettivo del suo viaggio segreto in Siria era comunque quello di incontrare i vertici dell’Esercito siriano libero. A suo dire, questa organizzazione si compone esclusivamente di siriani che combattono per la libertà di fronte alla dittatura di Bashar al Assad e i suoi capi sono dei moderati degni di fiducia.
Un’altra prova fotografica da cui si vede che McCain, nel suo viaggio segreto in Siria, fu a contatto con i futuri leader dell’Isis.
Nella foto si vede il senatore discutere con Ibrahim Al-Badri, che con il nome di Abou Bakr.
 
 
Il leader of ISIS (Simon Elliot alias Al-Baghdadi ) con John McCain
 


Al-Baghdadi sarà il futuro califfo dello Stato islamico. Dall’ottobre 2011 Al-Badri, alias Al-Baghdadi, figura sulla lista dei terroristi ricercati dagli Stati Uniti e sulla lista del Comitato delle sanzioni delle Nazioni Unite.
Un mese prima di ricevere il senatore McCain, Ibrahim Al-Badri, alias Al-Baghdadi, aveva creato lo Stato islamico in Irak e nel Levante – sempre facendo parte dell’Esercito siriano libero.
Aveva rivendicato l’attacco alle prigioni di Taj e Abou Graïb in Irak, da cui aveva fatto evadere centinaia di jihadisti che avevano integrato le fila della sua organizzazione. L’attacco era coordinato con altre operazioni quasi simili in diversi paesi. I fuggiti andavano a raggiungere organizzazioni combattenti in Siria.
Lo scopo perseguito da McCain (senza alcun mandato peraltro dallla Casa Bianca di Barack Obama, che subi’ l’iniziativa senza saperne nulla) era quello di dividere l’Irak in diverse parti per meglio sfruttarne le risorse energetiche. In passato gli americani non ci sono riusciti, malgrado avessero tolto di mezzo il presidente iracheno Saddam Hussein. Oggi ci riprovano con l’aiuto dello Stato islamico.
L’operazione è preparata da tempo, ancor prima dell’incontro di McCain e Al-Baghdadi. Migliaia di jihadisti sono stati formati in Qatar e in Libia dopo la caduta di Gheddafi e lo Stato islamico ha ricevuto finanziamenti per quasi 3 milioni di dollari.
Violando l’accordo di difesa con l’Irak, gli Stati Uniti non sono intervenuti e hanno lasciato che lo Stato islamico proseguisse la sua conquista territoriale e il massacro di oppositori e minoranze religiose.
E’ stato solo di fronte al crescere dell’emozione pubblica per via delle decapitazioni degli ostaggi che Barack Obama si è trovato costretto a bombardare le posizioni dello Stato islamico. Però, secondo il generale William Mayville, direttore delle operazioni dello Stato maggiore:
“questi bombardamenti sono poco suscettibili di pregiudicare le capacità globali dei jihadisti o le loro attività in Irak e in Siria”.
I bombardamenti americani non puntano a distruggere le postazioni militari dei jihadisti ma servono a fare in modo che ogni gruppo si mantenga nel territorio che gli compete. Si è trattato di bombardamenti simbolici.
A rallentare l’avanzata dello Stato islamico sono invece stati i curdi del PKK turco e siriano, aprendo un corridoio che ha permesso alle popolazioni civili di sfuggire ai massacri.
 


 McCain e Ibrahim Al-Badri alias Al-Baghdadi 
 
CONTINUA NELLA PAGINA
 
 
**********************************************************************************
A CURA DI RIVISTA DI GEOPOLITICA
 

SIRIA: L’EUROPA SI ASSOCIA ALLA NATO E USA NEL SOSTENERE LA TURCHIA CHE COMBATTE IN DIFESA DEI TERRORISTI TAGLIAGOLA

Filed under: guerra, terrorismo, UNIONE EUROPEA, usa — Tag:, , , , , — mirabilissimo100 @ 7:33 pm


I TERRORISTI MERCENARI IN SIRIA
—————————————————————————————————————————————-
 
14 MINISTRI DEGLI ESTERI TRUFFATORI
In testa a tutti un certo Di Maio. Hanno firmato un documento che li dovrebbe coprire di vergogna, ma che tutti i telegiornali italiani non hanno né commentato, né visto. 
Dove si trasforma il governo legittimo della Siria (che sta riconquistando il proprio territorio aiutato, legittimamente, dalla Russia) in “responsabile” della catastrofe umanitaria di Idlib. 
Dove si tace sulla presenza totalmente illegale della Turchia, invasore militare del territorio siriano; dove si tace della altrettanto illegale presenza sul territorio siriano delle forze militari degli Stati Uniti e dei servizi segreti occidentali e israeliani; dove, sopratutto si tace la presenza sul territorio siriano di un esercito di tagliagole islamici, terroristi e mercenari, che hanno preso in ostaggio una città intera e si fanno scudo dei civili per poter continuare a prendere lo stipendio in dollari. Il tutto sotto la protezione dell’artiglieria turca e dei rifornimenti di armi e informazione da parte occidentale.
Con questo indegno trucco, chi ha ragione e diritto dalla sua parte viene accusato di creare la catastrofe umanitaria, mentre chi ha creato la catastrofe umanitaria viene pudicamente dimenticato. Così noi italiani tutti diventiamo complici del terrorismo, insieme a quei 14 delinquenti che ci rappresentano.
 

la chiesa siriana ha risposto all’Unicef e ad altre ong che secondo padre Firas Lufti non avrebbero fatto niente x le migliaia di bambini siriani vittime dell’embargo e della guerra voluta e finanziata da occidente. Ma non è il solo fra i cristiani. Padre Bahiat Karakach dal convento di San Paolo a Damasco denuncia l’ipocrisia dei paesi occidentali che hanno imprigionato il paese in una morsa infernale dove i bambini sono le prime vittime. Il riferimento evidente è all’appello che 14 ministri europei capeggiati da un Di Maio telecomandato hanno firmato a sostegno dei tagliagole “moderati” di Al Qaeda e dei piani imperialisti degli stati uniti e di Israele. Un’altra inversione di rotta di un movimento 5stelle ormai disposto a tutto x non lasciare il parlamento

da Pandora TV News 28 febbraio

Questa e altre news di Pandora sono reperibili sul sito natoexit.it

GIULIETTO CHIESA

PANDORA TV
——————————————————————————————————————————-
 
 
CONTROINFORMAZIONE.INFO
 
28 02 2020

LA NATO HA DECISO DI ESSERE COINVOLTA NELLA GUERRA IN SIRIA CONTRO LA RUSSIA

La NATO ha annunciato lo spiegamento della difesa aerea contro gli aerei russi in Siria.

I paesi della NATO hanno deciso di essere coinvolti in un conflitto militare in Siria, contro la Russia. Come contromisura, l’Alleanza intende rafforzare la difesa aerea nella regione, mentre, ovviamente, stiamo parlando della sconfitta di aerei ed elicotteri sul territorio della Siria, che indica le intenzioni di distruggere, inclusi gli aerei russi.

I dati su questo argomento sono stati presentati dal capo dell’Alleanza del Nord Atlantico, Jens Stoltenberg, affermando che oltre a rafforzare la difesa aerea nella regione, la NATO sosterrà fortemente Recep Erdogan. Parlando questi contro la Russia e la Siria, nonostante l’occupazione diretta di territorio siriano da parte della Turchia.

Gli Alleati condannano i continui attacchi aerei indiscriminati del regime siriano e del suo alleato, la Federazione Russa, nella provincia di Idlib. Nessuna parola sugli attacchi dei terroristi trincerati ad Idlib contro la popolazione civile.

“Noi li esortiamo a fermare l’offensiva”, ha detto Stoltenberg.
“A rispettare il diritto internazionale (?).
E sostenere gli sforzi delle Nazioni Unite per una soluzione pacifica.
Questa pericolosa situazione deve essere eliminata al fine di evitare un ulteriore deterioramento della terrificante situazione umanitaria nella regione e di fornire un accesso umanitario urgente alle persone intrappolate in Idlib. Chiediamo un ritorno immediato al cessate il fuoco nel 2018. L’incontro di oggi è un segno di solidarietà con la Turchia. La Turchia è l’alleata della NATO più colpita (?) dal terribile conflitto in Siria, che è stata colpita dalla maggior parte degli attacchi terroristici e dove vivono milioni di rifugiati. La NATO continua a sostenere la Turchia attraverso una serie di misure, anche rafforzando la sua difesa aerea, che aiuterà la Turchia a contrastare la minaccia di attacchi missilistici dalla Siria. Ringrazio la Turchia per aver informato regolarmente gli Alleati sulla situazione in Siria., – dice il farneticante messaggio della NATO”.

Non è noto quale tipo di sistemi di difesa aerea siano in questione, tuttavia, gli esperti ritengono che questo approccio costituisca una minaccia diretta per la Russia.

Nota: La NATO, sulla base di questo comunicato, ritiene un fatto compiuto l’occupazione di una provincia di territorio siriano (Idlib) da parte della Turchia e non si capisce dove sarebbe in questo “il rispetto del diritto internazionale” a cui accenna il comunicato. La NATO definisce la Turchia come il paese “più colpito” dal conflitto in Siria, rovesciando totalmente la realtà visto che, al contrario, è la Turchia il paese che più si è impegnato a introdurre le bande terorriste sul territorio siriano nel tentativo di rovesciare il legittimo governo di Damasco. La Siria è il paese più colpito da 8/9 anni di guerra per procura scatenata da potenze esterne (fra cui USA, Arabia Saudita, Turchia e Israele), che ancora subisce le sanzioni da parte dei paesi occidentali e che ha subito la distruzione delle sue infrastrutture e oltre 500.000 vittime di cui la maggior parte civili. Per non parlare della occupazione delle forze USA della zona petrolifera di Deir El Zor, con il deliberato intento di saccheggiare le risorse petrolifere siriane. Tutto questo completamente ignorato e deliberatamente falsato nel comunicato della NATO. Si aspetta la reazione della Russia alle minacce dei vertici della NATO.

http://avia.pro/news/rossiya-mozhet-zakryt-granicu-s-belorussiey-iz-za-vspyshki-koronavirusa-covid-19

Fonte: Avia pro.news

Traduzione: Sergei Leonov Nota: Luciano Lago

CONTINUA NELLA PAGINA

https://www.controinformazione.info/la-nato-ha-deciso-di-essere-coinvolta-nella-guerra-in-siria-contro-la-russia/?fbclid=IwAR1TSx1oiqKx7It5xwkepXhiA-PN3fIfI-TV-vJSoU_4i86RGPrxzthkinY

—————————————————————————————————————————————–

CONTROINFORMAZIONE .INFO

29 03 2020

LA GRECIA SI È OPPOSTA ALLA NATO E SOSTIENE LA RUSSIA IN SIRIA

Come membro dell’Alleanza del Nord Atlantico, la Grecia si è dissociata dalle decisioni della NATO e si è fortemente opposta alla cessazione degli attacchi russi ai terroristi a Idlib.

Questa posizione della Grecia si basa sul fatto che, a causa delle azioni della Turchia, migliaia di migranti hanno letteralmente assaltato le frontiere del paese, il che ha creato tensioni molto gravi e una minaccia alla sicurezza del paese ellenico.

“La Grecia ha deciso di bloccare la dichiarazione della NATO sulla situazione a Idlib, in cui l’Alleanza del Nord Atlantico ha deciso di sostenere la Turchia dopo la morte di 33 elementi delle truppe turche, a seguito di un bombardamento dell’esercito del governo siriano”, riferisce To Vima citando le sue fonti.
Diversi paesi dell’alleanza, tra cui Gran Bretagna, Francia, Germania e Stati Uniti, non hanno concordato immediatamente con la linea della Grecia. A questo proposito, ad Atene hanno deciso di rafforzare la loro posizione “, riferisce RBC.

Va chiarito che in realtà, indipendentemente dalla decisione presa dall’Alleanza nordatlantica per la Siria, la Russia continuerà ad aderire alla propria politica, fornendo a Damasco tutta l’assistenza necessaria e se la NATO tenterà di intervenire sulla situazione, si creeranno ovviamente molti più grandi problemi per la NATO.

Nota: La Grecia si trova già in un contenzioso con la Turchia relativamente alla sovranità sulle acque del Mar Mediterraneo dove sono stati trovati giacimenti di gas di cui il turco Erdogan reclama lo sfruttamento.

Fonte: Avia Pro

Traduzione e nota: Sergei Leonov

CONTINUA NELLA PAGINA

https://www.controinformazione.info/la-grecia-si-e-opposta-alla-nato-e-sostiene-la-russia-in-siria/?fbclid=IwAR0kNMlyGSvmjbwJtI_ktcskg5Vquj9sVn_xjB_CQO0-BwLRBz5Po2v7u4o

—————————————————————————————————————————————-

Crisi al confine greco-turco e la mutazione antropologica della sinistra

 
PROFUGHI RESPINTI DALLA GRECIA
————————————————————————————————————-
L’ANTIDIPLOMATICO.IT
 
3 03 2020

POLITICA: LA SINISTRA APPOGGIA LA GUERRA CONTRO ASSAD E SI SCHIERA CON I TERRORISTI ISLAMICI SANGUINARI

 
di Antonio Di Siena
La crisi dei rifugiati sul confine greco-turco è la prova definitiva della mutazione antropologica della sinistra, trasformatasi ormai nella faccia politicamente corretta del potere.

Fino a vent’anni fa infatti, la sinistra, si sarebbe principalmente focalizzata sul protestare massicciamente contro la causa di questo esodo di massa: la guerra in Siria. E in seconda battuta contro l’operazione militare turca di invasione di uno Stato sovrano. Un’aggressione vile, imperialista e contraria a qualunque norma del diritto internazionale.


Oggi invece, continuando a difendere quell’Unione europea responsabile del massacro greco, tacendo sulle bombe Franco-americane sulla Siria e addirittura schierandosi con i fondamentalisti islamici (e appoggiando quindi indirettamente la guerra contro Assad), il massimo che riesce a balbettare è invocare l’accoglienza indiscriminata di qualche milione di profughi (fra cui ci sono certamente migliaia di jihadisti), senza minimamente preoccuparsi delle ricadute socio-politiche derivanti da una richiesta del genere. Insostenibile dentro un modello politico governato dalla dottrina liberista della stabilità dei prezzi e del contenimento della spesa pubblica. Tanto nelle disastrate periferie del sud Europa di spazio ce n’è ancora e il disagio sociale non è ancora al punto critico..


Questa piroetta ideologica l’ha portata da posizioni di solidarietà inter-nazionalista (che se ricordo ancora il latino significa fra le nazioni) a quelle di una solidarietà apolide e inter-individualista più prossima al cristianesimo che non al socialismo.

Dimostrando come la sinistra ormai sia divenuta a tal punto incapace di un’analisi critica del presente da risultare sostanzialmente impolitica e quindi completamente inutile nell’ottica di qualsiasi processo trasformativo della realtà in una prospettiva anche soltanto riformista. Figurarsi in grado di ribaltare gli attuali rapporti di forza.

Ragion per cui chiunque ancora si preoccupa di come far avanzare culturalmente le rivendicazioni socialiste o si stacca definitivamente da essa o si trasformerà egli stesso in un ostacolo.

CONTINUA NELLA PAGINA

https://www.lantidiplomatico.it/dettnews-crisi_al_confine_grecoturco_e_la_mutazione_antropologica_della_sinistra/29278_33408/

************************************************************************************

RIVISTA DI GEOPOLITICA

DA RICORDARE

 

1) IL POPOLO SIRIANO E’ CON IL PRESIDENTE ASSAD CHE ASSICURA ; SICUREZZA, SALVEZZA DELLA NAZIONE, LAVORO,PENSIONI,SOLIDARIETA’, FUNZIONAMENTI DELL’ORDINE PUBBLICO, DELLA SANITA’, DELL’ASSISTENZA, DELL’ISTRUZIONE, DELLA LIBERTA’ RELIGIOSA E MOLTO ANCORA.


2) IL POPOLO SIRIANO HA AVUTO ESPERIENZA DEL DOMINIO DEI TERRORISTI ISLAMICI CHE HANNO PORTATO SOLO MORTE E DISTRUZIONE, CRIMINI CONTINUI, DECAPITAZIONI ANCHE VERSO BAMBINI, STUPRI, DONNE IN VENDITA COME SCHIAVE, PERSECUZIONE CONTRO I CRISTIANI, TERRORE, MISERIA, ABBANDONO DEI MALATI E POVERI E MOLTO ANCORA.


3) RICORDIAMO I PIU’ NOTI TERRORISTI CHE OPERANO IN SIRIA CONTRO IL GOVERNO DI ASSAD E IL POPOLO SIRIANO:

I GRUPPI TERRORISTI PIU’ NUMEROSI SONO;  IL GRUPPO  DI AL NUSRA CHE SAREBBE DERIVATO DA AL-QAEDA, 
 IL GRUPPO HAYAT TAHRIR AL SHAM,
 IL GRUPPO  DELL’ISIS,  IL GRUPPO TERRORISTA CINESE , GLI UIGURI MUSULMANI.
TUTTI SANGUINARI E SPIETATI TAGLIAGOLA, POI VEDIAMO CHE I TERORISTI PASSANO DA UN GRUPPO ALL’ALTRO
DIPENDE DALLA PAGA CHE RICEVONO!
 
—————————————————————————————————————
A CURA DI RIVISTA DI GEOPOLITICA
 

https://sites.google.com/site/rivistadigeopolitica/home/siria-l-europa-si-associa-alla-nato-e-usa-nel-sostenere-la-turchia-che-combatte-in-difesa-dei-terroristi-tagliagola

 

IDLIB: I TERRORISTI CHE OCCUPANO IL TERRITORIO SOSTENUTI DALLA TURCHIA CON GLI USA E LA NATO

Filed under: geopolitica, guerra, siria, terrorismo, turchia, UNIONE EUROPEA, usa — Tag:, , , , , — mirabilissimo100 @ 7:27 pm
 
 
1 MARZO 2020


 
IDLIB CITTA’ SIRIANA

Idlib (in arabo: إدلب‎) è una città della Siria nord-occidentale, situata vicino al confine con la Turchia, vicino all’antica e grande città archeologica di Ebla.

 È il capoluogo dell’omonimo governatorato. Ha una popolazione di 157.427 abitanti circa (stima 2009). Il 27 ottobre 2019 è stato il luogo della morte del califfo Abu Bakr al-Baghdadi.

Attualmente Idlib occupata da terroristi stranieri, che colpiscono la popolazione civile siriana della zona con missili, la Turchia vuole occuparsi Idlib e difendere questi terroristi stranieri dall’esercito siriano determinato a cacciarli!

 
***************************************************************************
IDLIB  ROCCAFORTE DEI TERRORISTI
 

Idlib è l’ultima grande roccaforte delle forze antigovernative in Siria, con gran parte dominata da Hayat Tahrir al-Sham (HTS), l’ultima reincarnazione di Al Qaeda in Siria. Nel 2018, Ankara si è opposta a una offensiva militare pianificata dall’esercito siriano, dicendo che avrebbe comportato “una grande perdita di vita civile e un esodo di rifugiati da Idlib”, che avrebbe scatenato una grave crisi in Turchia.

Invece, Ankara ha accettato di usare l’influenza che ha tra “alcuni dei gruppi armati” di Idlib per reprimere la violenza e infine stabilire un cessate il fuoco duraturo, con la Russia che cerca di fare lo stesso con Damasco e le sue forze. L’accordo, tuttavia, non ha funzionato e l’esercito siriano ha iniziato a liberare villaggi e città nel sud di Idlib per respingere i terroristi.

I progressi portarono le truppe siriane nelle immediate vicinanze dei soldati turchi, che furono schierati nel territorio siriano con un obiettivo dichiarato “di osservare il cessate il fuoco proposto”. In diverse occasioni ci sono stati scontri, con conseguenti morti per entrambe le parti, con l’ultimo episodio finora il più sanguinoso per la Turchia.

Ankara ha provato a ricattare Damasco chiedendo alla Siria di ritirarsi dalla propria provincia e ha minacciato di avviare una grande operazione militare a meno che l’ultimatum non fosse realizzato entro la fine di febbraio. 

Dopo la violenza di giovedì 26 02 2020 , la Turchia ha convocato una sessione di emergenza della NATO, aumentando le preoccupazioni sulla possibilità di una guerra turco-siriana su vasta scala che potrebbe attirare i sostenitori stranieri delle due nazioni.

 
**************************************************************************


TERRORISTI NEI PRESSI DI IDLIB
 
CHI SONO I TERRORISTI CHE HANNO OCCUPATO IDLIB?
 
PRIMA DI TUTTO  VEDIAMO CHE  L’OPPOSIZIONE MODERATA SIRIANA DETTA FREE SYRIAN ARMY E’ ORMAI INESISTENTE, MENTRE INVECE AUMENTANO 
I TERRORISTI MERCENARI STRANIERI.
I GRUPPI TERRORISTI PIU’ NUMEROSI SONO; 1) IL GRUPPO  DI AL NUSRA CHE SAREBBE DERIVATO DA AL-QAEDA, 2) IL GRUPPO HAYAT TAHRIR AL SHAM,
3) IL GRUPPO  DELL’ISIS, 4) IL GRUPPO TERRORISTA CINESE , GLI UIGURI MUSULMANI.
 
IL POPOLO SIRIANO HA AVUTO ESPERIENZA DEL DOMINIO DEI TERRORISTI ISLAMICI CHE HANNO PORTATO SOLO MORTE E DISTRUZIONE, CRIMINI CONTINUI, DECAPITAZIONI ANCHE VERSO BAMBINI, STUPRI, DONNE IN VENDITA COME SCHIAVE, PERSECUZIONE CONTRO I CRISTIANI, TERRORE, MISERIA, ABBANDONO DEI MALATI E POVERI E MOLTO ANCORA.
 
***************************************************************************
Risultato immagini per TERRORISTI AL NUSRA
 
1) TERRORISTI AL-NUSRA
 
Il Fronte al-Nuṣra, o anche Jabhat al-Nuṣra  li-ahl al-Shām, ossia “Fronte del soccorso al popolo di Siria”, chiamato anche Anṣār al-Jabhat al-Nuṣra li-Ahl al-Shām,
 “Partigiani del soccorso al popolo della Grande Siria”), è un gruppo armato jihadista salafita attivo dal 2012, nel contesto della guerra civile siriana, in Siria e in Libano.
 Il Fronte al-Nuṣra fu formalmente affiliato ad al-Qāʿida fino al 28 luglio 2016, quando il leader di al-Nuṣra al-Jawlānī annunciò la scissione consensuale tra i due gruppi e l’adozione del nuovo nome Jabhat Fatḥ al-Shām (“Fronte per la conquista del Levante”). Il 26 gennaio 2017, il gruppo si è fuso con quattro formazioni minori, assumendo il nome Hayat Taḥrīr al-Shām (“Organizzazione per la liberazione del Levante”).
 
***************************************************************************
Risultato immagini per TERRORISTI HAYAT TAHRIR AL SHAM
 
2) HAYAT TAHRIR AL SHAM
 
 Hayʼat Taḥrīr al-Shām, “Organizzazione per la liberazione del Levante” o “Comitato di liberazione del Levante”), comunemente chiamata Tahrir al-Sham e abbreviato HTS, conosciuto anche come al-Qaeda in Siria, è una formazione militante salafita attualmente attiva e coinvolta nella guerra civile siriana. Il gruppo è stato formato il 28 gennaio 2017 dall’unione di Jabhat Fateh al-Sham, organizzazione nata il 28 luglio 2016 dalla separazione consensuale del Fronte al-Nusra dal network di Al-Qaida, con altri gruppi minori ovvero: Fronte Ansar al-Din, Jaysh al-Sunna, Liwa al-Haqq e Movimento Nour al-Din al-Zenki. La formazione a inizio 2019 è entrata in conflitto aperto contro quelle supportate dalla Turchia all’interno del governatorato di Idlib, tra le quali quelle facenti parte del Fronte di Liberazione Nazionale e lo stesso gruppo Nour al-Din al-Zenki.
 
***************************************************************************
Risultato immagini per terroristi isis o daesh
 
3) I TERRORISTI ISIS O DAESH
 
 
L’Isis èun’organizzazione jihadista salafita attiva in Siria e Iraq, dove fino al 2017 controllava militarmente un ampio territorio. Il suo capo, Abu Bakr al-Baghdadi (1971 – 2019), nel giugno 2014 ha proclamato la nascita di un califfato nei territori caduti sotto il suo controllo in un’area compresa tra la Siria nord-orientale e l’Iraq occidentale. Nonostante questo gruppo dichiari di fondarsi sulla religione Islamica sunnita, molti leader del mondo islamico hanno sostenuto l’illegittimità della proclamazione e il contrasto dell’ideologia del gruppo con la dottrina religiosa.
 
Prima di tale proclamazione il gruppo si faceva chiamare “al-Dawla al-Islāmiyya fī l-ʿIrāq wa l-Shām” (in arabo: الدولة الإسلامية في العراق والشام‎, al-Dawla al-Islāmiyya fī l-ʿIrāq wa l-Shām, sigla in arabo داعش, ovvero Dāʿish o Daesh), tradotto in italiano come Stato Islamico dell’Iraq e della Siria (Islamic State of Iraq and Syria, ISIS) o Stato Islamico dell’Iraq e del Levante (Islamic State of Iraq and the Levant, ISIL). La parola araba Shām indica infatti quella regione geografica che comprende il sud della Turchia, la Siria, il Libano, Israele, la Giordania e la Palestina e che viene indicata come Grande Siria o Levante.
 
***************************************************************************
 
Risultato immagini per UIGURI CINESI TERRORISTI SIRIA
 
4) TERRORISTI CINESI UIGURI 
 
Molti di loro sono stranieri, come gli  Uiguricinesi . Un esercito di 18.000 combattenti ha lasciato la Cina per Idlib, e dal 2015, hanno la loro enclave chiamata
 Al-Zanbakisituato al confine turco. Appartengono alla fede musulmana (sunnita) e hanno stretti rapporti con la Turchia (la loro lingua è legata al turco e molti uiguri parlano turco). Inoltre, fanno parte dei cosiddetti gruppi ribelli turchi a Idlib. Hanno stretti legami con gli altri gruppi presenti in Idlib: Tahir Ahrar-as-Sham, Al-Queda e ISIS. Si dice che gli uiguri uniti sotto il   Partito Islamico del  Turkistan abbiano trasformato la città di Al-Zanbaki (proprio al confine con la Turchia) in un campo isolato. La maggior parte degli stati occidentali ha firmato una dichiarazione di condanna della Cina per i loro cosiddetti campi di concentramento nello Xinjiang, dove vivono gli uiguri. La Turchia non lo ha fatto, ma non ha nemmeno firmato le dichiarazioni contrarie a quella dei Paesi occidentali, come quello fatto dalla Russia. Invece, sono usciti con la loro  propria   dichiarazione   a favore degli uiguri. 
Vedi
 
http://www.mfa.gov.tr/sc_-06_-uygur-turklerine-yonelik-agir-insan-haklari-ihlalleri-ve-abdurrehim-heyit-in-vefati-hk.en.mfa
 
Questo fa parte del loro doppio gioco in Siria. Gli uiguri stanno combattendo per la Turchia contro il governo siriano e quindi anche contro il governo russo. Gli  Uiguri sono spietati, decapitano senza esitazione anche donne bambini e neonati.
 
***************************************************************************
A CURA DI RIVISTA DI GEOPOLITICA
https://sites.google.com/site/rivistadigeopolitica/home/idlib-i-terroristi-che-occupano-il-territorio

marzo 2, 2020

STEFANO ORSI: FRONTE SIRIANO 1 03 2020-SITREP 067

644 iscritti

ISCRIVITI
Questa puntata riguarda le ultime novità nella sacca di Idlib. L’impegno turco a sostegno del terrorismo internazionale è arrivato all’apice e oggi ci sono azioni di guerra vera e propria. Tutto questo in Siria, nazione sovrana che non ha mai invitato la Turchia, né tantomeno ha desiderato essere invasa. Sono dunque giorni di grandi scontri, Stefano ci dirà cosa è successo nelle ultime ore. Buona visione

 

febbraio 15, 2020

IMMIGRATI CHE ROVINANO L’ITALIA CON I LORO CRIMINI-DA VOX NEWS.INFO 15 02 2020

 

AFRICANO SI DIVERTE A BRUCIARE LE AUTO DEGLI ITALIANI A RAVENNA

——————————————————————————————
Africano si diverte a bruciare le auto degli italiani a RavennaFebbraio 15, 2020Gay marocchino strangola l’ex partner italianoFebbraio 15, 2020L’africano che offende gli italiani si inventa una “svastica sull’auto”Febbraio 15, 2020“I razzisti mi hanno aggredito”: il profugo africano si era inventato tuttoFebbraio 14, 2020Centri sociali mandano all’ospedale 3 poliziotti: spezzano dito ad agente – FOTOFebbraio 14, 2020Intere città africane si spopolano di maschi: “Tutti in Italia a farsi mantenere”Febbraio 14, 2020Torino: scontri a sprangate tra spacciatori africani e tossici – VIDEOFebbraio 14, 2020Africana confessa:“Chi sale sui barconi ha un lavoro a casa”- VIDEOFebbraio 14, 2020L’allarme: “Il Pd ha regalato l’Italia ai clan nigeriani
Pestata a sangue da migrante perché italiana – VIDEOFebbraio 14, 2020Immigrato sputa contro le donne: “Lo faccio perché sono superiore”Febbraio 14, 2020Affidano le figlie a immigrato: lui le stupra, il dramma di 2 sorellineFebbraio 14, 2020Gli immigrati si sfruttano tra loro: importiamo schiavi e schiavistiFebbraio 14, 2020Islamici uccidono il suo cane: “Una donna non può averne uno”Febbraio 14, 2020
Poliziotti pestati e volante sfasciata: la violenza della sinistra sulle Foibe – VIDEOFebbraio 13, 2020Marocchino che ha sfasciato Poste picchia autista: vive con Reddito ma governo non lo espelle – VIDEOFebbraio 13, 2020Allarme infermieri: “Immigrati sbarcano e ci picchiano”Febbraio 13, 2020
La baby-gang arrivata col barcone: “In Africa lo sanno tutti: in Italia siete costretti a mantenerci”-VIDEOFebbraio 13, 2020Immigrato che ha devastato Poste liberato, se la ride e minaccia – VIDEOFebbraio 13, 2020Ospita un profugo: lui sodomizza la figlia di 7 anniFebbraio 9, 2020Immigrati scatenati, Carabinieri pestati da nord a sudFebbraio 9, 2020Immigrati incendiano un altro centro accoglienza: rivolte organizzate dalla sinistraFebbraio 8, 2020Bologna in mano agli spacciatori africani, ai bolognesi piace cosìFebbraio 8, 2020Africano violenta studentessa alla stazione: lei urla, passanti non la difendonoFebbraio 8, 2020Tunisino, in 2 anni ha violentato 11 donne: operaio di giorno e stupratore di notteFebbraio 8, 2020Questi 12 immigrati islamici hanno stuprato una bambina di 13 anniFebbraio 8, 2020
Profughi violentano donne delle pulizie: a processo ci va anche la COOPFebbraio 8, 2020Bimbo stuprato da profugo, la mamma: “Gli avevo detto di fidarsi dei migranti”Febbraio 8, 2020
Nigeriano violenta ragazzina di 16 anni su gradini chiesa: poi la trascina viaFebbraio 7, 2020E’ allarme, 80 miliziani islamici sbarcati in Sicilia: “Governo italiano non li ha fermati”Febbraio 7, 2020
Nigeriano attacca agenti, tenta di sfilare pistola: “Lasciatemi spacciare”Febbraio 7, 2020Africano spezza mano e costole ai poliziotti: costretti a chiamare rinforziFebbraio 7, 2020Italia ostaggio degli immigrati: il PD ha svenduto il futuro – VIDEOFebbraio 7, 2020Magistrato: «Su 10 spacciatori 9 sono neri, e grazie a PD sono impuniti»Febbraio 7, 2020
https://voxnews.info/

SOROS SOSTIENE L’INVASIONE E MOLTI IMMIGRATI VENGONO IN ITALIA PER DISTRUGGERCI CON I LORO CRIMINI

Soros & Bonino

 
RADIO SPADA.ORG
 
4 09  2017

I crimini degli immigrati e le mani di Soros sull’Italia

Mentre in giro per la penisola si susseguono gli stupri e le violenze ad opera di immigrati, sempre più italiani si accorgono che ormai il problema è generalizzato e, nonostante la cessazione degli sbarchi sulle nostre coste, miriadi di delinquenti e nullafacenti sono a piede libero per le vie delle nostre città, a fronte di un governo inetto, iniquo e criminale che si ostina a negare l’emergenza.

 

Il ruolo di Soros

George  Soros ha tessuto e continua a tessere la sua tela di ragno velenoso sull’Europa ed in particolare sull’Italia, fiaccata da disoccupazione, impoverimento della classe media e strangolamento di commercianti e piccoli imprenditori.

Questo figuro, il cui ruolo nelle tristi vicende italiane non è un fatto nuovo, basti pensare alle speculazioni sulla lira nel 1992 che misero in ginocchio il paese, ha reso l’Italia parte del suo piano per una “società aperta” – dal nome della sua organizzazione Open Society – fondata sull’imposizione del diktat dell’ideologia gender e lgbt oltre che su aborto e naturalmente libero accesso per i cosiddetti migranti.

Il blogger Enzo Pennetta, in un suo ottimo articolo, mette in luce i legami di questo personaggio non solo con Emma Bonino ma anche con Renzi che avrebbe aiutato nella sua corsa al potere in cambio della realizzazione dei diktat sorosiani non ultima una “casa rifugio”, proprio a Firenze, per bloggers vale a dire i cospiratori delle varie rivoluzioni colorate di Europa e Medio Oriente .

Nel frattempo l’informazione non allineata ai poteri forti e che anzi smaschera Soros e il suo diabolico carrozzone è a rischio di essere imbavagliata e soppressa mentre l’Italia firma un memorandum della Nato che assimila l’informazione realmente indipendente ad un’arma, ovviamente al servizio di Putin, lo spauracchio con il quale giustificare le manovre totalitarie delle élites mondialiste.

http://www.maurizioblondet.it/la-nato-riga-indicato-nemico-blog-litalia-firmato/

In tali frangenti, il solo governante UE a parlare chiaro è l’ungherese Viktor Orban, vituperato e censurato per il solo fatto di dire le cose come stanno sull’attuale invasione di alloctoni (rifugiati o migranti che dir si voglia) e sulle trame di Soros, le cui organizzazioni sono ormai illegali in Ungheria. Orban ha anche ricordato ai politicanti europei quella che dovrebbe essere un’ovvietà ossia che i musulmani non sono integrabili nella società europea

 

Razzismo?

Innanzitutto che cos’è il razzismo? Ritenere che un gruppo etnico o una razza sia biologicamente superiore alle altre è condannato dalla Chiesa, visto che tutti gli uomini sono uguali di fronte a Dio, pertanto l’esaltazione o il culto di una specifica razza che dovrebbe prevalere sulle altre in virtù di una presunta superiorità non è altro che paganesimo ed un insulto a Dio.

Nell’attuale situazione, il razzismo non c’entra nulla. Qui siamo di fronte ad un’invasione. L’importante è chiamare la realtà con il suo nome. L’invasione è pianificata da Soros e dai suoi sodali tra cui non mancano le ong operanti nel Mediterraneo, vere e proprie associazioni a delinquere e dedite al traffico di uomini da riversare in un paese come l’Italia, già piegato in due da corruzione, disoccupazione alle stelle e da un degrado morale e dei costumi senza precedenti.

Nel frattempo agenzie ONU, Unione Europea, massoneria e altri gruppi di potere occulti, continuano a promuovere aborto, gender e ideologia lgbt oltre a raccontarci la menzogna sulla necessità del calo delle nascite a livello mondiale salvo poi dirci che visto che in Europa e in Italia non nascono più bambini l’apporto dei rifugiati è necessario per ripopolare le nostre terre e promuovere la ricrescita economica.

Che dire poi della, a volte inevitabile, fuga all’estero di numerosi giovani, per la mancanza di opportunità nel paese di origine? Anche qui si promuove la mobilità, il nomadismo in un culto del “migrante”, analizzato in un bell’articolo di Guido Vignelli di alcune settimane fa

https://www.riscossacristiana.it/il-migrante-un-nuovo-idolo-cui-sacrificare-la-civilta-cristiana-di-guido-vignelli/

E i per i migranti si spendono infatti fior di quattrini, si pagano cialtroni di ogni genere chiamati mediatori culturali, si concede loro di insultare e maltrattare impunemente le forze dell’ordine

Come non vedere in ciò i preparativi di quella che alcuni analisti non conformi all’ideologia dominante hanno definito la “Grande Sostituzione”e la messa in atto del famigerato piano Kalergi per creare un’Europa meticcia, senza cultura e identità?

Si promuove l’aborto in Africa mentre si spostano intere e variegate popolazioni in Europa in un crescendo contraddittorio e caotico, quello sì generatore di odio e di razzismo.

Vediamo quindi che alla base di tutto ciò c’è il vero razzismo o meglio il vero odio, l’odio contro l’uomo stesso, la creazione ad arte di scompiglio, divisione e dissidi insanabili.

E chi è per eccellenza il generatore di discordie, di caos e di scompiglio e che dunque agisce per logiche all’apparenza contraddittorie se non il serpente antico, omicida fin dal principio, il principe di questo mondo?

Ed è proprio il demonio a guidare le azioni dei suoi servitori e a voler distruggere l’uomo ingannandolo nel contempo con il culto dell’uomo e dell’edonismo più sfrenato.


Conclusioni

Se molti pensano che punire alle prossime consultazioni elettorali l’attuale governo scellerato, imposto da Soros e dalla cricca mondialista sia già qualcosa ci si dimentica che migliaia di immigrati, nel caso di un giusto rifiuto delle richieste d’asilo, resterebbero sul suolo italiano.

Ora questi individui, vitto, alloggio, paghetta e altri generi di conforto, per cui molti italiani devono lavorare duramente, non li vedrebbero più. Le conseguenze di tale situazione sarebbero imprevedibili considerando che molti immigrati sono giovani in forze, ben nutriti che migrano per ragioni economiche o peggio, opportunisti, gente che nel proprio paese non sa come sbarcare il lunario, come ben sa chi è stato per lunghi periodi in Africa.

Va dunque sottolineato che di fronte all’incapacità o impossibilità delle forze dell’ordine di agire, gli italiani hanno il diritto e il dovere di assicurare la difesa delle proprie persone, dei propri familiari ed averi.

CONTINUA NELLA PAGINA

https://www.radiospada.org/2017/09/i-crimini-degli-immigrati-e-le-mani-di-soros-sullitalia/

 

 

 

L’IMMIGRAZIONE E L’INVASIONE PER DISTRUGGERE L’ITALIA E’ VOLUTA DALLA MASSONERIA

 
CORRISPONDENZA ROMANA.IT
 
22 AGOSTO 2018

(di Fabio Cancelli) A Lecce il 24 novembre 2017 si è tenuta la Tavola Rotonda sul tema “Dall’immigrazione all’accoglienza passando per lo Ius Soli”, promossa dall’Ispettorato Regionale di Puglia e Lucania della Massoneria di Rito Scozzese Antico e Accettato (RSAA) di “Palazzo Giustiniani” (Roma).

Si tratta del Rito Scozzese composto da Maestri Massoni del Grande Oriente d’Italia Palazzo Giustiniani (GOI). La Tavola Rotonda ha avuto il patrocinio della Provincia e del Comune di Lecce e della Camera Capitolare (cioè, in gergo massonico, la Loggia del 18° grado) “Giosué Carducci” di Lecce. All’evento hanno preso parte anche Leo Taroni, l’on. Federico Massa del PD, il giornalista Alessandro Cecchi Paone (omosessuale dichiarato, http://pernientecandida.corriere.it/2016/05/23/cecchi-paone-e-il-tg4-fede-mi-odia-pannella-mi-amava/?refresh_ce-cp, massone del GOI, sostenitore di matrimoni omosessuali e unioni civili: https://it.wikipedia.org/wiki/Alessandro_Cecchi_Paone).

Chi è Leo Taroni ? Imprenditore, iniziato massone nel 1970 nella loggia Dante Alighieri del GOI di Ravenna. Dal 2005 è 33° grado del RSAA, dal 2015 è Sovrano Gran Commendatore del RSAA di Palazzo Giustiniani e Presidente della Confederazione dei Supremi Consigli Europei del RSAA. Al seguente link c’è il ricco curriculum massonico di Leo Taroni: http://www.iskrae.eu/leo-taroni-luomo-dalle-mille-cariche-massoniche/. Illuminante è stato il discorso di Leo Taroni 33° a quella Tavola Rotonda, riportato sul website del RSAA: “Accoglienza: una scelta dettata dall’intelletto”: http://www.ritoscozzese.it/accoglienza-scelta-dettata-dallintelletto/

Il Capo del RSAA di Palazzo Giustiniani traccia una breve storia dell’immigrazione, dall’antichità fino ai nostri giorni. L’immigrazione è da lui ritenuta «un fenomeno fisiologico sovente legato all’evolversi della natura che ci circonda». Dunque un qualcosa di necessario, legato all’evoluzione… Le ragioni dell’immigrazione sono varie: accresciute esigenze alimentari, mutazioni climatiche, guerre.

Taroni sostiene la necessità di accogliere gli immigrati, perché si ha «un conto aperto con l’Africa e con il Medio Oriente», e perché respingerli vorrebbe dire consegnarli alla morte. Taroni cita addirittura Papa Francesco secondo il quale «Respingere gli immigrati è un atto di guerra» e raccomanda prudenza nel gestire il fenomeno migratorio. Eppure vien da dubitare del suo modo di intendere la prudenza allorché egli condivide in pieno la «proposta di legge presentata dai Radicali» che prevede tra l’altro «l’abolizione del reato di clandestinità».

A sostegno dell’immigrazione Taroni vuole «l’appoggio e l’intervento effettivo delle Nazioni Unite e dell’Europa intera».  Inoltre, come il PD e la CEI, egli vuole lo «ius soli».

Le seguenti parole del Sovrano Taroni 33° mostrano il sostrato iniziatico, ovvero ideologico, del suo immigrazionismo: «Ci vogliono idee, forti e mirati investimenti economici e persone, ma soprattutto capire che l’accoglimento è necessario non solo alla gente che fugge, ma che può essere utile anche a noi, come insegna la simbologia del rituale del IX Grado del R.S.A.A. nel quale “lo straniero rappresenta tutto l’insieme di conoscenze e di progresso già raggiunto prima di noi, e di cui ci si deve valere per procedere più oltre: un’opportunità per trarre profitto dall’esperienza offerta anche da ciò che non fa parte della nostra Tradizione”».

Chiaro? Taroni ci fa capire che bisogna accogliere lo Straniero perché lo Straniero rappresenta colui che è depositario della Gnosi o Conoscenza: questo insegna il 9° grado del RSAA! Non dimentichiamo che lo Gnostico, l’Iniziato, si ritiene uno Straniero rispetto al mondo creato dal Dio biblico Creatore e Legislatore.

Il 33° della massoneria fa capire che l’accoglienza degli immigrati permetterebbe di far fronte al calo demografico che c’è in Europa, mentre, al contrario, la natalità cresce nei Paesi africani.

 Le sue parole   fanno sorgere nel lettore alcune domande: perché non favorire piuttosto la procreazione e la natalità nelle famiglie europee, italiane, cristiane? Oppure si vuole che l’Europa e l’Italia diventino irreversibilmente multi-etniche, multi-culturali, e soprattutto multi-religiose, per indebolire il Cattolicesimo?  

Taroni raccomanda ai massoni (vedi rituale del IX grado) di aprirsi allo Straniero: con queste parole «E’ proprio per questo che Noi, uomini liberi per antonomasia, che cerchiamo la Luce e spalanchiamo le porte, dobbiamo aprirci allo “straniero” che, come ho già detto, può costituire “per noi” una opportunità ed un momento di crescita. […] Dobbiamo guardare in faccia la realtà rinunciando ai nostri pregiudizi, organizzandoci tempestivamente per affrontare un futuro che ormai ben conosciamo».

Anche il Gran Maestro del GOI Stefano Bisi, in tema di immigrazione, è sulla stessa lunghezza d’onda del Sovrano Leo Taroni 33°. Ad esempio: http://www.adnkronos.com/fatti/cronaca/2014/07/22/immigrati-grande-oriente-onorificenza-massonica-sindaco-lampedusa_k1QnJx7ML78qH05IiJGkEO.html ; https://www.grandeoriente.it/allocuzione/equinozio-di-autunno-xx-settembre-2014/ ; https://www.grandeoriente.it/appuntamento-la-storia-massoni-non-affrontano-problema-immigrazione-unmondoditaliani/ .

Non ci sorprende scoprire che anche Bisi è del 33° grado di Rito Scozzese. Ce lo dice lo stesso Leo Taroni che nel Messaggio del 19 giugno 2016 per il Solstizio d’Estate, saluta il Gran Maestro del GOI: «il carissimo Fratello Bisi, Fratello Scozzese iniziato al XXXIII Grado»: http://www.ritoscozzese.it/messaggi_del_sovrano/messaggio-del-sgc-leo-taroni-solstizio-destate-2016/

Entriamo ora in un cerchio più interno del pensiero del RSAA.  Il 16 aprile 2018 Leo Taroni 33° ha conferito a Taranto sul tema “Esoterismo e Tradizione” in un convegno delle “Sorelle” dell’Ordine della Stella d’Oriente (un Ordine legato al GOI). http://www.ritoscozzese.it/convegno-percorsi-iniziatici/.

Taroni elenca alcuni gruppi e personaggi che hanno ricercato il collegamento con la «Tradizione» primordiale esoterica: Misteri Greci, Orfismo, Dionisismo, culti di Cibele e Mitra, alchimia, Kabbalah, Marsilio Ficino, Pico della Mirandola, Paracelso, Rosa Croce, martinisti.

Egli è convinto «che l’esteriorità esoterica del percorso iniziatico debba inevitabilmente trasmutarsi – quasi alchemicamente – in una vera, personale dimensione interiore che – superati i simboli, gli archetipi esteriori, i progressivi stati di coscienza – porti al momento intuitivo di percezione ed identificazione nell’Uno.
Questo è quanto offre il Percorso Scozzese, se ben inteso ed individualmente interiorizzato, metodo squisitamente esoterico che affronta i progressivi stati coscienziali dell’Iniziato e determina la simultanea apertura del cuore e della mente scevri da ogni vincolo materiale e temporale. […] La Tradizione, metodologicamente esoterica e propria degli Ordini Iniziatici, consente se effettivamente perseguita come Via sapienziale, di pervenire al centro esatto del Sé inteso – a mio avviso – come conoscenza ed acquisizione del Divino che è in ciascun Essere umano
».

Taroni sottolinea che l’iniziazione massonica è «un momento elitario» e che in Massoneria «non possiamo dare spazio al buonismo». A proposito dei massoni, o iniziati, dice: «Questi Iniziati, in quanto tali qualificati, possono sostanzialmente ripercorrere a ritroso sino alle origini il momento della Conoscenza che consente la percezione armonica dell’Uomo con il Tutto e permettere che l’assioma ”Così in alto, così in basso” della Tavola Smeraldina attribuita ad Ermete Trismegisto, sia semplicemente “Così in alto”».

Dunque, Taroni fa capire che il RSAA propone ai suoi Iniziati il raggiungimento di stati coscienziali sovraumani fino all’identificazione con l’Uno. Temiamo però che non sia un cammino «in alto», ma «in basso», verso Lucifero, espulso per sempre dal Cielo. (Fabio Cancelli)

CONTINUA NELLA PAGINA

https://www.corrispondenzaromana.it/limmigrazionismo-dettato-dalla-massoneria-esoterica/

 
Older Posts »